ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.003 ewriters e abbiamo pubblicato 71.215 lavori, che sono stati letti 44.595.143 volte e commentati 54.265 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 10 agosto 2017
ultima lettura domenica 20 agosto 2017

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Fari

di Ryoku. Letto 154 volte. Dallo scaffale Horror

Sono le 3 del mattino e, come succede ormai da trent’anni a questa parte, mi sveglio in quel preciso orario. Steso sul letto osservo le ombre in movimento sulla parete che ho di fronte, ben marcate dalla luce lunare. Intorno a me tutto tace, salv....

Sono le 3 del mattino e, come succede ormai da trent’anni a questa parte, mi sveglio in quel preciso orario. Steso sul letto, osservo le ombre in movimento sulla parete che ho di fronte, ben marcate dalla luce lunare. Intorno a me tutto tace, salvo qualche grillo che con il suo frinire vuol necessariamente ricordare lo stadio avanzato della nottata. Mi giro e rigiro, ma niente. Il caldo estivo contribuisce ad aggravare l’insonnia. La canottiera zuppa di sudore quasi mi incolla al lenzuolo. In sequenza, come da programma, segue il prurito alla natica destra e quello all’inguine. All’improvviso, mi accorgo della presenza che nel buio scrutava le insofferenti movenze del sottoscritto. Due sfere perfette, luminescenti, osservano ogni mio minimo spostamento. Sono due fari. Un crampo fulminante coglie il polpaccio destro. In preda al dolore, tento invano di massaggiare il muscolo, ma nel frattempo, i due occhi si fanno sempre più vicini al letto. Inizio ad imprecare i santi del mese di agosto. Un dolore allucinante. Gli occhi sono a pochi centimetri dal mio corpo agonizzante. Soffro. Gli occhi distano millimetri. La presenza deforma il bordo destro del letto. Sento il suo fiato vicino al collo. Le piccole zanne si aprono. Salta e con uno scatto fulmineo si avventa sul mio stomaco. Gli artigli affondano nella canottiera.

Superato il dolore al polpaccio, sono ora in bagno ad urinare. Il gatto, che oramai conosceva il mio risveglio notturno, sapeva che avrebbe avuto, alle 3.15 circa del mattino, i suoi croccantini.



Commenti

pubblicato il giovedì 10 agosto 2017
CanoviAlfredo, ha scritto: Ecco la dimostrazione di un racconto breve veramente ben strutturato, col finale a sorpresa. Grande simpatia, davvero bravo. Al
pubblicato il giovedì 10 agosto 2017
Ryoku, ha scritto: Grazie mille! :D
pubblicato il venerdì 11 agosto 2017
abisciott1, ha scritto: Bello, mi è piaciuto e l'ho trovato anche un pochino divertente ripensando al racconto La Sfinge di Poe.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: