ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 7 agosto 2017
ultima lettura martedì 15 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

HERO!![Seconda parte]

di TL. Letto 367 volte. Dallo scaffale Fantascienza

Quante volte mi era capitato,di vedere qualcuno in difficoltà?,oramai,avevo perso il conto...vedere il volto di quelle persone nei giornali,che effetto mi provocava?Da quando ero diventato,così,freddo...così...mostruoso?......

L'avvenire è la porta, il passato ne è la chiave.
(Victor Hugo)

Mi svegliai di colpo,come di ritorno da un incubo,"Mamma!Si è svegliato!"urlò mia sorella seduta su una sedia accanto al mio letto.

Mi guardai attorno,mentre mia madre si avvicinava con espressione preoccupata,"come ti senti tesoro?"chiese con voce delicata,in quel momento per quanto confuso potessi essere,decisi di credere alla possibilità che tutto quello che stavo vivendo in quel momento,fosse semplicemente un sogno.Così con queste idee in testa,stetti al gioco del mio subconscio,"si..sto bene.."risposi poggiandomi la mano sulla fronte,"grazie al cielo!"disse mia madre per poi stringermi forte fra le sue braccia,era da molto che non venivo abbracciato,così la strinsi a mia volta.

"per quanto sono rimasto inconscio?"chiesi incuriosito,mentre mangiavo la fetta di pane e marmellata che mi era stata preparata prima che svenissi,"circa trenta minuti.."rispose mia sorella,"eri così strano stamattina",in quel momento,provai una malinconica nostalgia,rivedere quella cucina illuminata dalla morbida luce del sole,quel forte odore di detersivo che impregnava l'intera stanza,lo scorrere dell'acqua,a tratti fastidioso,proveniente dal rubinetto,era tutto come lo avevo conservato nella mia mente,ero felice di rivivere quei momenti,ma presto,come tutti i bei sogni prima o poi sarebbe finito.

Finì la colazione,e subito mi alzai dal tavolo stirandomi la schiena,"Sono le 9:00"mi riferì mia madre senza voltarsi,cosa c'era alle 9:00?,pensai,dopo qualche secondo di riflessione,ricordai.
"HERO!!"gridai entusiasta,corsi velocemente in salotto,sedendomi davanti alla TV e cercando fra i numerosi canali,il programma televisivo.

[L'umanità è in pericolo,gli alieni hanno invaso la terra!E nessuno potrà fermare la loro avanzata!Chi mai potrà salvarci,se non...un eroe?!]

Riguardarlo all'età di 32 anni,mi fece un certo effetto negativo,ci vollero pochi secondi per chiedermi,"ma che diavolo mi sto guardando?".Ma nonostante ciò,per qualche motivo,non distolsi lo sguardo neanche una volta,era la mia infanzia,come avrei potuto distogliere lo sguardo da qualcosa che guardavo,quando ero ancora vivo?

[ Aiuto!Aiutateci!...Non vi preoccupate!!Gli eroi..]"SONO ARRIVATI!!"lo gridai con immensa gioia puntando il pugno verso l'alto,mi sentì come un bambino,mi sentì rinato,erano anni che non mi divertivo così,quel sogno,avrei voluto non finisse mai..

Passarono le ore,per la prima volta dopo tanti anni,passarono velocemente,forse fin troppo velocemente...

Arrivò la sera,"Papà!Papà!!"gridava mia sorella mentre correva verso la porta d'ingresso,era da tempo che non vedevo mio padre,mi avvicinai lentamente,avanzando per il corridoio,"Ehi campione!"mi saluto lui,ci corsi incontro per poi sbattere sul suo petto,lo strinsi forte strofinando la testa sul suo cappotto,con la sua ruvida mano mi accarezzò i capelli,"che ti succede?Gli ometti come te non dovrebbero piangere",non ricordo il perché di quell'azione,l'unica cosa che so..e che ero felice di rivederlo,da quando morì...

Cenai insieme a tutta la mia famiglia,ci scambiammo aneddoti passati nella giornata,l'odore d'arrosto colmava l'aria,le risate zittivano le cicale...

Arrivò l'ora di andare di dormire,e mia madre mi accompagno nella mia stanza per rimboccarmi le coperte,una volta finito mi baciò sulla fronte spalmandomi sul volto i suoi lisci capelli corvini,"mamma!"la chiamai,"cosa c'e?"mi chiese poggiando la mano sul bordo della porta in legno,pensai che essendo un sogno,non ci fosse nulla di male.."mamma...diventerò mai...un eroe?"gli chiesi deglutendo subito dopo,mia madre sospirò e rientrò nella stanza sedendosi sul bordo del letto,"tesoro mio..mi piacerebbe risponderti di si"mentre lo diceva mi accarezzava la guancia con il dorso della sua fredda mano,"ma purtroppo,la verita è una,e quella devi imparare...gli eroi non esistono!"mi ammutolì,abbassando lo sguardo,strinsi forte fra le mie mani le coperte,speravo..che essendo un sogno,mi avrebbe risposto diversamente..da come mi rispose ventun'anni fa..."adesso dormi..",senza aprire bocca,scossì la testa su e giu...mia madre uscì dalla camera,chiudendosi la porta alle spalle,e il buio,pervase la mia stanza...chiusi gli occhi,e senza neanché accorgermene,mi addormentai...

"Sono tornato.."pensai non appena aprì gli occhi,"peccato...avrei voluto essere ancora un pò..bambino..."mi alzai dal letto,e mi preparai per andare a lavoro,mi guardai intorno,l'odore del detersivo era stato sostituito da quello del caffè,lo scorrere dell'acqua dai motori delle macchine,questa volta..nessuno aveva preparato la colazione,quella magnifica luce,era svanita,l'unica cosa che potevo vedere,era il grigiore della mia vita..

Quante volte mi era capitato,di vedere qualcuno in difficoltà?,oramai,avevo perso il conto...vedere il volto di quelle persone nei giornali,che effetto mi provocava?Da quando ero diventato,così,freddo...così...mostruoso?

Immerso nei miei pensieri attraversai la strada sulle strisce pedonali,d'un tratto,qualcosa mi urtò violentemente,diverse urla raggiunsero le mie orecchie,mi ritrovai per terra,in mezzo all'asfalto macchiato di sangue,d'un tratto,le grida si dissiparono,l'unica cosa che sentivo era il mio battito cardiaco farsi sempre più lento...sempre più lento...non me ne accorsi subito,lo realizzai dopo...di star per morire...non so perché...ma in quel momento mi venne spontaneo chiamarli..."mamma..."..."papà"..subito dopo...venni avvolto dall'oscurità...

Nota dell'autore:(Sta volta breve)

Anche questa parte di HERO!!E' finita!In un modo un pò cruento,ma è finita!Spero di avervi fatto provare delle belle emozioni mentre leggevate questo capitolo!!



Commenti

pubblicato il lunedì 7 agosto 2017
CanoviAlfredo, ha scritto: Dunque, in alcuni punti sei stato molto incisivo, in altri meno, ma nel complesso mi è piaciuto una cifra...come direste voi giovani! Io, personalmente, alcuni verbi li avrei cambiati, tipo "dissiparono" con "diradarono" o "affievolirono" ma è solo questione di gusti! Il seguito...io aspetto il seguito. Ti stai migliorando frase dopo frase...non è che mi stai imbrogliando e alla fine scopro che sei un autore affermato, vero? Ciao, Al
pubblicato il lunedì 7 agosto 2017
TL, ha scritto: Sono contento che ti sia piaciuto!,il miglioramento lo devo a tutti i racconti presenti su questo sito!Grazie ad essi sto imparando parole mai sentite prima,in più sto facendo cari tutti i consigli che ricevo,così da poter raffinare la mia scrittura.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: