ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.003 ewriters e abbiamo pubblicato 71.215 lavori, che sono stati letti 44.595.143 volte e commentati 54.265 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 6 agosto 2017
ultima lettura lunedì 21 agosto 2017

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

HERO!!

di TL. Letto 140 volte. Dallo scaffale Fantascienza

Quando vedi qualcosa di ingiusto,è meglio se la ignori,questa è la realtà..non esistono gli eroi.......

Sin da piccolo volevo essere un eroe,di quelli che si vede in TV,sempre presenti in caso di bisogno,che sanno essere coraggiosi,determinati a mantenere la pace nel mondo...

Peccato che quella,era finzione...

Mi chiamo Eris Alker,ho ben 32 anni,e lavoro come impiegato presso l'azienda Crilsian,ogni giorno mi impegno per portare il pane a tavola,non ho mai avuto una fidanzata,l'unica mia compagnia,da quando sono andato a vivere da solo,è un piccolo gatto di nome mur-mur...(smettetela di ridere). Ogni volta che torno da lavoro,mi incollo al computer per continuare dedicare quel poco di tempo libero,al mio hobby,ovvero,disegnare fumetti di supereroi per poi postarli sul web.

Una vita monotona non trovate?,e la cosa peggiore è che mi ero abituato ad essa,o meglio,mi hanno costretto ad abituarmici,i miei genitori hanno sempre cercato di distogliere il mio sguardo dal mondo dei supereroi sin dalla tenera età.

"Quando vedi qualcosa di ingiusto,è meglio se la ignori,questa è la realtà...non esistono gli eroi!"

Quelle parole rieccheggiano ancora adesso nella mia testa...

I giorni si ripetevano,come le ore,i minuti,i secondi..la mia vita era diventata un dejavù,volevo scappare,volevo intraprendere una nuova vita...

Avrei tanto voluto..ricominciare...aiutare tutte quelle persone che ignorai,quei giorni passati...con questi pensieri,mi addormentai..

Riaprì gli occhi che vennero immediatamente accecati dall'immensa luce del sole che penetrava dalla finestra,"ma...le tende non le avevo chiuse?"mi stropicciai gli occhi ancora confusi dal sonno..."che ore sono?"chiesi a me stesso,cercando con la mano l'orologio,appoggiato sul comodino in legno di fianco al mio letto,"Diavolo!è tardissimo!"urlai alla vista dell'ora,così mi alzai in preda al panico dal letto,corsi verso l'uscita della stanza senza stare a badare a cosa avevo intorno,arrivai davanti alla porta del bagno abbassando velocemente la maniglia per aprire la porta,tutta via,essa non si aprì,era come se fosse chiusa dall'interno..pensando ad un mio errore continuai a tentar di aprire la porta,fin quando qualcuno non mi rispose dall'interno della stanza"Un'attimo Gesù Cristo!Ho quasi finito!"rimasi scioccato dall'evento,non abitavo con nessuno,e la prima cosa che pensai fu ad un effrazione."Chi sei?",chiesi prendendo coraggio,sentì dall'interno il rumore delllo scarico,subito dopo la porta si aprì violentemente.

"Ti sei forse rincitrullito?Che significa chi sei!?Sono tua sorella c'e bisogno di chiederlo?!",rimasi immobile,la riconnobbi non appena si mostrò,ma il suo volto mostrava dodici anni,"Caroline?!"chiesi sbalordito,"ragazzi?Cosa state facendo?!",girai lo sguardo verso la voce che si intromise nel discorso,"mamma?!"ero confuso,perché la mia famiglia era dentro casa mia?,guardandomi intorno,notai che la casa era differente..D'un tratto,un ricordo mi balenò in testa,ebbi una strana sensazione di Dejavù,quel giorno l'avevo vissuto,più di ventun'anni fa! Confuso e agitato entrai nel bagno e mi guardai allo specchio,quello che vidi...fui io,all'età di undici anni..."Eris ti senti bene?"mi voltai,vedendo la mia giovane madre con ancora la pezza che usava per pulire i piatti fra le mani.
"ma che diavolo sta succedendo?"il mio volto si fece pallido,mi sentì mancare il fiato,subito dopo svenni,per terra.

Nota dell'autore:

Innanzitutto vi ringrazio per essere arrivati fino a qui,come dico in ogni racconto,se siete arrivati a leggere questa stupida nota vuol dire che in qualche modo il racconto vi è piaciuto!,comunque sia!HERO!! è soltanto una storiella che ho inventato su due piedi per colmare il tempo!Non sono sicuro se portarlo avanti,quindi mi farebbe piacere,sapere il vostro parere!



Commenti

pubblicato il domenica 6 agosto 2017
CanoviAlfredo, ha scritto: Io lo porterei avanti, il racconto. Non è che puoi gettare il sasso e nascondere la mano, mi hai incuriosito ed essendo io pure un patito di super-eroi avrei il desiderio di capire cosa sta succedendo a Eris. Dal primo racconto, alcuni banalissimi refusi a parte, sembri già maturato; bravissimo. Continua così! Al
pubblicato il domenica 6 agosto 2017
TL, ha scritto: Innanzitutto grazie per aver risposto!,mi hai dato la sicurezza di portare avanti la storia,effettivamente,non potevo abbandonare tutto dopo solo una parte! Non appena ho un po di tempo libero,scriverò la seconda parte del racconto!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: