ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 5 luglio 2017
ultima lettura sabato 4 aprile 2020

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

SARA E CLAUDINE A CASABLANCA (2^ e ultima parte)

di sempretibet. Letto 1285 volte. Dallo scaffale Eros

-...Sembrava non avere mai fine quella sborrata! Noi tre stavamo con la lingua fuori, pronte a ghermire gli schizzi che arrivavano, Claudine fu la più svelta, si avvicinò e cominciò a leccare la grossa cappella, riusciva a inserirsi in bocca tutto...


...e avevano iniziato a toccarci, a metterci le mani addosso, per toglierceli d’attorno entrammo quindi in un locale...

-Che sconsiderate! Pazze e puttane...!

Continua Sara...

-...locale che poi risultò essere un vero e proprio bordello! Gli uomini ci seguirono dentro e presero a palparci e a mettere le mani sotto le gonne e nella camicetta. Mentre alcuni mi tenevano palpandomi pesantemente e mi stavano strappando i vestiti, vidi che altri quattro o cinque avevano tolto la camicetta a Claudine, le avevano abbassato il reggiseno sul torace per liberarle le tette, le avevano alzato la gonna alla vita, strappate le mutandine e l’avevano sdraiata sul pavimento...

-Cazzo! Una vera violenza! E poi...?

Riprende Claudine...

-...uno di questi animali alzò la sua tunica e mise in mostra un cazzo enorme! Giuro che sembrava quello di un cavallo! Davvero enorme! Mai visto né prima né dopo di allora una cosa simile!

Mi si inginocchiò fra le gambe tenute ferme dagli altri bastardi e fece per penetrarmi, lo aveva già puntato quel porco e per quanto cercassi di impedirglielo muovendo il bacino e divincolandomi stava proprio per infilarmelo...

Sara...

-...in quel momento un giovane occidentale uscì urlando da una stanza e munito di un grosso bastone prese a legnare la marmaglia infoiata e urlante finché non li cacciò tutti all'esterno e chiuse la porta. Poi ci fece entrare in una stanza, dove si stava scopando una puttana marocchina e qui che eravamo ci chiese che cosa stavamo combinando, se sapevamo che quello era un casino e che le donne presenti erano tutte delle puttane...

Claudine...

-...Noi ci mettemmo a ridere come delle pazze, ma eravamo anche eccitate. A me quel grosso enorme membro aveva mosso la libidine, avevo un lago sotto, giuro! Lui rideva con noi mentre diceva che avevamo rischiato uno stupro di gruppo e noi ribattevamo che il fatto ci aveva eccitato, non spaventato!

Ci squadrò per bene, con approvazione.

Ci chiese di aspettarlo, finiva con la marocchina e poi ci avrebbe accompagnato in albergo. Ci chiese se c’imbarazzava assistere alla sua scopata e in risposta, spudoratamente, gli chiedemmo se potevamo approfittare anche noi...

Sara...

La puttana marocchina, una giovane di circa vent'anni, bellissima con dei lunghi capelli neri ondulati con riflessi bluastri e con gli occhi pesantemente ombreggiati con l'hennè, ci guardava con curiosità. Quando capì che anche noi due entravamo a far parte del gioco, si mise a urlare frasi incomprensibili...

Vuole cinquanta dollari… per far scopare anche voi due…”

Tradusse il nostro salvatore...

Non li avevamo, ci avevano alleggerito del nostro denaro e gli proponemmo di pagarli a lui in natura e lui ridendo li contò alla ragazza.

La ragazza era splendida, pelle ambrata, due grossi seni con dei capezzoli neri, una folta peluria.

Era sdraiata su di un tappeto.

Io e Claudine ci inginocchiammo accanto a lei e prendemmo a baciarla, prima le grosse tette, poi la fica pelosa e bagnata, aveva un afrore incredibile di femmina, a turno la baciavamo in mezzo alle gambe, le aprivamo la fica tirandole le labbra esterne per poi passarle la lingua fino al clitoride... le leccai anche il buco del culo, aveva un odore afrodisiaco...

Claudine...

-Uhm... lui... John... per un po' restò a guardare, poi entrò in gioco e mentre stavo leccando la ragazza mi prese dal di dietro, sentii il suo grosso cazzo sforzare la mia fica e entrare prepotente, grosso e lungo, mi montava con forza e io mi bagnavo come se pisciassi.

Poi iniziarono gli orgasmi, multipli, uno dopo l’altro, ognuno più forte del precedente, non sapevo più dove ero e con chi, sentivo solo il suo palo di carne riempirmi completamente...

Avevo smesso di baciare la marocchina, mi sentivo rantolare e guaire come una cagna. Ormai il piacere che provavo era insopportabile, mi lasciai cadere senza forze sul tappeto, allora lui prese nella stessa maniera Sara..

Sara...

-... Aveva preso a pistonarmi violentemente, fuori e dentro con la sua lunga minchia... ma stava mandando in deliquio...

Claudine...

-...Sdraiata a gambe larghe li guardavo, Sara era in preda all'orgasmo così come era successo a me qualche attimo prima. Allora sentii una lingua leccarmi, feci quasi un salto, mi guardai fra le gambe e vidi la chioma della puttana marocchina. Leccava con grande maestria, in breve mi fece ritornare sul sentiero degli orgasmi, continui e violenti... oh... se leccava bene!

Sara...

-...John mi lasciò sfinita dal piacere... lo vidi alzarsi e si portarsi sulla ragazza, ora... solo ora, si mise velocemente un preservativo e la penetrò...

Claudine...

-...Mentre lei era fra le mie gambe, mi arrivavano sulla fica le spinte violente che lui dava al culo, godevo come una cagna... Lo vidi estrarre la sua grossa verga e indirizzarla fra le natiche della ragazza, lei cercò di divincolarsi ma lui la tenne con forza, spinse e poco dopo vidi il suo ventre appoggiarsi, riprese nuovamente un ritmo violento... sentivo i colpi contro il culo della marocchina, come delle sculacciate...

Sara...

-...Lei emetteva del lunghi gemiti, più di piacere che di dolore, io sdraiata guardavo eccitata e invidiosa la scena, lo volevo anch'io nel culo quel grosso palo di carne!

Claudine...

-... E lo stesso provavo io... sentivo ancora i colpi che mi trasmetteva sull'inguine il volto della puttana... e ne godevo... e volevo quel grosso cazzo nel culo... nel mio culo...

Sto per venire…” disse John” vi voglio venire in faccia a tutte voi tre troie…”.

In ginocchio, ci mettemmo con i visi vicini, tutte e tre, mentre lui si menava con forza il grosso cazzo, quindi cominciò a eruttare un seguito di getti violenti di sborra calda, ci colpiva sulla faccia, sul collo e sulle tette...

Sara...

-...Sembrava non avere mai fine quella sborrata! Noi tre stavamo con la lingua fuori, pronte a ghermire gli schizzi che arrivavano... Claudine fu la più svelta, si avvicinò e cominciò a leccare la grossa cappella, riusciva a inserirsi in bocca tutto il lungo cazzo, lui prese a chiavarla in bocca...

Claudine...

-...A bocca aperta subivo la penetrazione del lungo cazzo, fuori e poi dentro e nuovamente fuori...

Sara...

-...Ero eccitata per quanto vedevo e appena Claudine lo lasciò un attimo, la sostituii, avevamo fatto molta pratica con i grossi cazzi di lattice di Ellen in collegio, lei ci aveva fatto vedere come riuscire a inserirsi in bocca quei grossi aggeggi... come prenderli fino alla base...

Mentre mi chiavava in bocca, sentimmo delle urla nell'altra stanza, e poi colpi contro la porta...

Claudine...

-...Gli uomini scacciati da John avevano preso coraggio e erano ritornati in forze. Ridendo... dicemmo di lasciarli entrare, che avevamo ancora voglia di cazzo. Ma in fretta raccogliemmo i vestiti e uscimmo dalla porta posteriore, per strada finimmo di vestirci, poi lasciata la puttana marocchina salimmo su di un taxi. Lasciammo l’albergo e ci trasferimmo nell'appartamento di John…

-Troie troie...! Mi accendete come un vulcano in eruzione! Ora... una di voi s'impala sul mio cazzo e mi scopa... e l'altra si siede sulla mia faccia, e si strofina fino a godere!

E poi... vi date il cambio...

Tibet.

da

https://sempretibet.blogspot.it/



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: