ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.082 ewriters e abbiamo pubblicato 71.740 lavori, che sono stati letti 45.036.976 volte e commentati 54.432 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 3 luglio 2017
ultima lettura martedì 19 settembre 2017

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Cara mamma tua figlia non ti odia

di PeachSkywalker. Letto 242 volte. Dallo scaffale Epistole

Oggi c'è il tuo funerale, sono stati giorni lunghi in cui regnava l'indecisione, non sapevo se presentarmi o no, poi ho ripensato a tutti gli anni passati e ho realizzato che io non ti odio mamma, ti perdono per gli errori, ti ringrazio per il dolore che...

Cara mamma,

non mi leggerai mai, ma io ho comunque bisogno di parlarti. Oggi c'è il tuo funerale, sono stati giorni lunghi in cui regnava l'indecisione, non sapevo se presentarmi o no, poi ho ripensato a tutti gli anni passati e ho realizzato che io non ti odio mamma, ti perdono per gli errori, ti ringrazio per il dolore che mi hai lasciato sola a sopportare è grazie a quello che sono diventata la donna che sono.

Sono qui a scriverti vestita con il tubino nero elegante se fossi qui mi diresti di tirare più giù la gonna prima che mi veda papà soprattuto se è in un giorno no, sarebbe pericoloso per me.

Sono anni che non ci parliamo, avrei tanto da raccontarti, ora sono un'infermiera, non siete riusciti ad uccidermi anche dentro e sono diventata una brava persona e non un cane rabbioso anche se dirabbia dentro ne ho avuta per tanto tempo.

Mi ricordavo ancora il tuo viso quando sono venuta nella tua stanza di ospedale, e mi sono ricordata come cambiava espressione a seconda di quanto avrei dovuto soffrire quella sera, perchè papà era sempre arrabbiato e si sfogava su di te poi tu su di me.

Dopo un po' la routine aveva prevalso e con te che lavoravi lontano papà doveva trovare qualcuno di più vicino e così c'ero io. Ho provato tante volta a spiegarti cosa sopportavo in silenzio perchè la parola che sentivo quando non ce la facevo più e piangevo e urlavo era sempre e solo zitta.

Tu non mi hai mai difeso, non ci sei mai stata e ti sei persa anche le cose belle della mia vita, dovevi essere tu a proteggermi non a farmi paura, ma io non ti odio mamma, ora sono mamma anch'io e ti capisco era difficile, era difficile vedere una persona che amavi così tanto ogni giorno allontanarsi da te e sapere che era il risultato di una notte così terribile nelle mani di quella bestia che avevi sposato. Il mio uomo non è così ho imparato bene chi sciegliere da te, bastava fare il contrario, le tue nipotine non le hai mai conosciute, ma neanche loro ti odiano, per loro sei sempre stata morta e non sapranno mai la verità, che mi servivi a papà quando eri troppo ubriaca anche tu per ricordarti di essere mia madre e non il mio pappone.

Grazie mamma per i tuoi errori per le parole e i gesti sbagliati perchè io non li rifarò.

Questa lettera sarà sulla tua tomba e tu non lo saprai mai. La mia vendetta l'ho avuta sei morta tra il disprezzo dei tuoi figli e i lividi fatti da tuo marito, hai pagato. L'inferno ti aspetta e papà ti raggiungerà presto dal basso vedrai tutte le mie cicatrici e forse capirai, tua figlia non odiava te, odiava se stessaper aver lasciato che una parte di sè le venisse strappata via.

Ciao mamma grazie per avermi ucciso pezzo dopo pezzo ora sono rinata migliore.



Commenti

pubblicato il martedì 4 luglio 2017
AnnaRossi, ha scritto: Una lettera molto forte e leggendola mi sono commossa...un abbraccio
pubblicato il mercoledì 5 luglio 2017
PeachSkywalker, ha scritto: Grazie

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: