ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 7.878 ewriters e abbiamo pubblicato 70.430 lavori, che sono stati letti 43.705.246 volte e commentati 53.971 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 19 giugno 2017
ultima lettura sabato 24 giugno 2017

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Cronache delle terre di Aidrabmol - Capitolo 27

di Chyprill. Letto 61 volte. Dallo scaffale Fantasia

aCapitolo Ventisetteb   30 anni prima   “La festa dei fiori non esisterà più”   Nella grande sala del trono riecheggiò sorda la sentenza. Il re si trovava accasciato sulla sua poltrona e distoglieva...

aCapitolo Ventisetteb

30 anni prima

“La festa dei fiori non esisterà più”

Nella grande sala del trono riecheggiò sorda la sentenza. Il re si trovava accasciato sulla sua poltrona e distoglieva volutamente lo sguardo dal suo unico interlocutore.

Quest'ultimo se ne stava ritto al centro della stanza, a capo chino, rigido e assente.

“Non riesco ad essere triste per voi mi scuserete ma penso che la morte di quella persona sia servita appena a placare la mia rabbia e non mi pento affatto di aver ordinato la sua decapitazione”

Il capitano delle guardie restò in silenzio col cuore in tumulto.

“Lei era incinta”

A quella frase scagliata come una lancia dritta al petto Ismael sentì un brivido corrergli lungo la schiena. Alla costernazione per la morte della regina si sommò il terrore che il re pretendesse da lui un tributo di sangue ancora maggiore.

“Capirete che seppur a malincuore devo destituirvi dalla carica di capitano delle guardie reali”

L'uomo rispose senza proferire parola con un netto gesto del capo accogliendo l'allontanamento con un flebile alito di distensione.

“Andrete via dalla capitale, potete prendere posto in qualsiasi distaccamento vogliate”

Un nuovo cenno del capo ma questa volta Ismael alzò lo sguardo ed incrociò quello del sovrano.

“Grazie maestà”

Era già pronto a voltarsi e sparire ringraziando per la fortuna che aveva avuto anche nella tragedia quando il re si alzò e parlò un'ultima volta.

“Andrai. Tu. Solo”

Il sangue gli si raggelò nelle vene chinò nuovamente il capo, si voltò e con passo fermo lasciò per l'ultima volta la grande sala del trono.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: