ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 11 giugno 2017
ultima lettura martedì 11 giugno 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Al tramonto

di DueDiPicche. Letto 397 volte. Dallo scaffale Viaggi

Eccolo. Questo è il momento che preferisco della giornata.Quando si lascia guardare, mentre coi suoi raggi dipinge le soffici nuvole bianche all'orizzonte.Si sta immergendo nel mare portando via con se il rumore del giorno, i pianti dei bambini ...

Eccolo. Questo è il momento che preferisco della giornata.

Quando si lascia guardare, mentre coi suoi raggi dipinge le soffici nuvole bianche all'orizzonte.

Si sta immergendo nel mare portando via con se il rumore del giorno, i pianti dei bambini che non vogliono rincasare, il ronzio di un trapano infondo alla strada, i clacson di chi non sa aspettare.

Cambiano i colori.

Le prime a comparire sono le sfumature dell'oro, il mare come uno specchio severo riflette la sua luce, regalandogli in cambio di ogni raggio che sposa l'acqua tanti piccoli, lucenti, diamanti.

Il cielo fa da cornice, piano piano si spegne, da azzurro limpido diventa sempre più scuro, blu scuro, come se volesse accendere il mio sguardo solo su di lui, che ancora sta cambiando.

Le piccole barche legate al porticciolo stanno danzando lentamente sulla risacca, l'oro diventa arancio. Un arancio caldo, così travolgente, vivo.

I raggi adesso stanno rivestendo ogni cosa con il color dell'ambra, gli scogli qui affianco, il secchiello dimenticato dal nipote del giornalaio. La mia pelle.

I suoni sono distanti, faccio un respiro profondo come voler assaporare fin dentro di me il profumo di questo momento, sto costruendo un ricordo. Ogni sera sono sua spettatrice e non ho mai visto ripetersi la stessa magia,.

Da castello a castello il tondo orizzonte è diventato rosso fuoco, sarei pronta a scommettere che se riuscissi a toccarlo mi brucerei le dita. Anche il sole è incandescente, sembra tagliato perfettamente nella sua metà, una parte sta morendo sotto i miei occhi, e in un altro dove, sotto altri sta nascendo un'aurora.

La luce è sempre più debole, questo rincorrersi di colori ed emozioni sta tramontando.

Il rosso è diventato viola, le sfumature rosa riempono il letto di nuvole, paiono di zucchero filato.

Il viola è sempre più prepotente, lotta col nero della notte, il sole mi sta dando i suoi ultimi saluti, ancora un raggio, ancora, adesso l'ultimo.

Il fuoco è sparito, sono rimasta sola davanti ad un orizzonte che senza forza divide un cielo che aspetta le sue stelle, da un mare buio che non vuole svelare i suoi segreti.

Il battito rallenta, le mie mani piano scivolano. Sto tornando.

Ecco, sta succedendo ancora, il giorno si è arreso alla notte.




Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: