ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 3 giugno 2017
ultima lettura giovedì 10 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Paura di star bene

di duciacia. Letto 302 volte. Dallo scaffale Viaggi

La paura mi stava mangiando vivo.La paura di stare bene, ogni pensiero mi riportava sempre a quel malessere che mi chiudeva in me stesso.Era strano d...

La paura mi stava mangiando vivo.

La paura di stare bene, ogni pensiero mi riportava sempre a quel malessere che mi chiudeva in me stesso.

Era strano da descrivere ma qualsiasi cosa anche la più bella veniva rovinata da quello che avevo in mente.

Stavo a casa, stavo sdraiato fermo a pensare come e chi mi potesse portare via da questa sensazione inspiegabile.

Non sapevo come uscir da questo buio che mi circondava constantemente.

La paura di trovare qualcosa che potesse rimpiazzare i pensieri brutti.

Ero seduto sul bagno, i pensieri tra una cacata e un'altra non esistevano, un leggero sospiro di sollievo, la mia mente era libera, la mia faccia formicolava e il grosso culone riproduceva un trombone.

Ero stanco, ero triste? Ero io, qualcosa che ancora non avevo imparato a capire con certezza, una persona che non sapeva mai apprezzare se stesso, ma sapeva apprezzare le sue paure.

Mi stavo uccidendo solo, un vortice che mi portava di qua e di là, senza mai una sosta.

Mi alzai dal gabinetto e mi sdraiai sul letto.

Iniziai a pensare...

La solitudine mi spaventava, essa era sempre accompagnata da tanta malinconia, una forza che era impossibile da contrastare.

Cazzo basta Adam, basta!!!!

Riprenditi, non farti schiacciare dalla tua stupida mente.

Mi diedi uno schiaffo in faccia, mi guardai allo specchio e vidi una faccia distrutta dalla paura.

Non mi riconoscevo.

Occhi pieni di occhiaie, viso asciutto e pelle giallastra.

Stavo morendo?

La mente stava andando e io stavo rimanendo.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: