ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 30 maggio 2017
ultima lettura martedì 18 giugno 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Cronache delle terre di Aidrabmol - Capitolo 20

di Chyprill. Letto 205 volte. Dallo scaffale Fantasia

aCapitolo Ventib   30 anni prima   “Sorella, ti prego riconsidera tutta la situazione...” “No, ormai siamo così vicini...così vicini “ “questo luogo, questa vita, tu e quell'uomo...tu davvero ...

aCapitolo Ventib

30 anni prima

“Sorella, ti prego riconsidera tutta la situazione...”

“No, ormai siamo così vicini...così vicini “

“questo luogo, questa vita, tu e quell'uomo...tu davvero non provi nulla a fargli questo?”

“E quello che loro per anni hanno fatto a noi? Dovrei perdonarli per un unico uomo? Dovrei tradire la mia gente? “

Erano ormai trascorsi cinque anni dal ritorno vittorioso della squadra speciale guidata dal capitano delle guardie reali, la pace regnava incontrastata su tutto il regno di Aidrabmol, non una sommossa, non un tafferuglio, niente sembrava poter scuotere quella ritrovata serenità.

L'unica cosa che mancava a coronare l'idillio era l'arrivo di un legittimo erede del regno.

Sua maestà il re e la regina Aeris attendevano con ansia che questo loro desiderio si realizzasse e sentivano che quel periodo propizio sarebbe stato foriero di una bella novità a palazzo.

A palazzo fervevano i preparativi per la festa che sanciva l'arrivo della primavera. Onalim avrebbe accolto visitatori da tutto il regno desiderosi di assistere alla celebre parata dei fiori alla cui testa sarebbe sfilata la carrozza reale addobbata come da tradizione interamente con fiori blu.

“Ti prego...te lo chiederò ancora una volta. Ferma tutto, sei ancora in tempo”

“Tu...mi tradirai, fratello?”

“...”

“Jurg...tu davvero...tradiresti il tuo stesso sangue per questa gente?”

“E tu...sacrificherai anche il sangue del tuo sangue, tuo figlio...Adamantea?”



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: