ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 7.818 ewriters e abbiamo pubblicato 69.800 lavori, che sono stati letti 43.216.633 volte e commentati 53.793 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 19 maggio 2017
ultima lettura martedì 23 maggio 2017

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Una storia come tante(quinta parte)

di Laura08. Letto 66 volte. Dallo scaffale Generico

Quel fine settimana Sara sarebbe dovuta tornare a casa per il compleanno del papà Guglielmo.                     "Ti accompagno a prendere .....

Quel fine settimana Sara sarebbe dovuta tornare a casa per il compleanno del papà Guglielmo.

"Ti accompagno a prendere il regalo?"gli chiese Alessio durante una pausa dal lavoro.

"Sì,così abbiamo due vantaggi.Il primo partiamo con un'uscita il pomeriggio, meno impegnativa rispetto ad una cena.Il secondo: io potrò scusarmi all'infinito per il mio comportamento dell' altra sera.L'entusiasmo era troppo così come,probabilmente, la birra che avevo bevuto"

Arrossì al ricordo di quel bacio stampato così senza pensarci due volte.

"La cena la si faceva anche senza l'uscita pomeridiana prima e l'entusiasmo del bacio non mi è dispiaciuto affatto".Già ,se solo Sara avesse saputo quanto quella stessa sera Alessio avrebbe desiderato che a quel bacio seguisse altro.

Così il pomeriggio successivo andarono a prendere il regalo per papà Guglielmo.Sara sapeva perfettamente cosa regalargli con i suoi primi stipendi:uno splendido orologio.Il padre aveva una passione per gli orologi e l'aveva trasmessa anche a lei.

Così lo prese.Prese uno dei più costosi e di una delle migliori marche.Era così felice.Le piaceva fare i regali per qualcuno che amava.

"Allora se questo torni,il prossimo fine settimana sei qui?"

"Sì"

"Deciso allora,si va a cena.Che dici l'entusiasmo del regalo porta ad un altro piccolo bacio oppure per quello dobbiamo aspettare altra birra o vino"

Sara si mise in punta di piedi e questa volta puntò a sfiorare dritta le sue labbra.

"Ti piacciono i profumi dolci?"chiese Alessio,inebriato dall'odore di Sara.

"Come?"chiese Sara.

"L'altra sera la mora, oggi è più simile a quello degli agrumi"

"Sì mi piacciono dolci"

Sara arrossì al pensiero che Alessio avesse riconosciuto e memorizzato i suoi profumi.

Quel fine settimana Sara ritrovò il calore di sempre a casa ed in più una sorpresa.

Marco, durante il pranzo per il compleanno del padre, presentò a tutti Ivana, la sua ragazza.Si frequentavano da sei mesi.

Era bionda e con un viso dolcissimo,napoletana,,aveva portato anche delle specialità fatte da lei per la festa.Era un'infermiera.Marco quando la guardava era completamente perso.Sara ed Eleonora, vinta l' iniziale ed istintiva gelosia per il loro fratellone, la misero a proprio agio.

Quando quella settimana tornò decise di farsi accompagnare da Viola e Rachele a prendere qualcosa per la serata con Alessio.

I giorni prima di quel sabato sembravano non passare mai.Lei ed Alessio si vedevano in studio ed era duro tenere nascosto quel qualcosa che c'era tra di loro, ma che Sara ancora non sapeva definire.O meglio sapeva benissimo cos'era per lei ma non capiva cosa potesse essere per lui.

Arrivò quel sabato.Sara fece la doccia, si asciugò i capelli,li lisciò ed infilò quel vestito a fascia che le due amichel'avevano convinta a prendere ed un coprispalla.

Le braccia quelle proprio non le piacevano.Oddio non che il resto di se stessa la facesse impazzire, ma quelle doveva proprio coprirle.

"Oggi avevo modo di fare la mia mossa e non l'ho fatta"sentì la voce di Alessandro che era sulla soglia della porta della sua camera.

"Ti ho visto irritato,sarà per la prossima" Sara gli rispose distrattamente mentre infilava il lucidalabbra in borsetta.Odiava quelle mini borsette, non c'entrava nulla.

Si girò Alessandro era ancora lì.Era triste.

"Tu sei un ragazzo fantastico.Avrai un'altra occasione.E se ti andrà male con lei ne troverai altre cento"gli disse e lo baciò sulla guancia dolcemente come faceva con il fratello quando qualcuno lo deludeva.

"Tu hai trovato qualcuno invece?Un vestito così presuppone una cena a due"

"Forse"sorrise Sara

Alessandro la vide salutare Alessio con un bacio sulla guancia ma quello era un modo diverso di baciare.La vide andare via con lui.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: