ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 8 maggio 2017
ultima lettura venerdì 6 dicembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Farias segna il gol della bandiera

di Edmea. Letto 201 volte. Dallo scaffale Pensieri

Il Napoli è davvero un’ottima squadra e non avevamo bisogno di conferme per ribadirlo. Aspirante seconda in classifica, se non seconda a tutti gli effetti, da fuoriclasse della serie A, in un campionato che chiude le porte alle altre squ...

Il Napoli è davvero un’ottima squadra e non avevamo bisogno di conferme per ribadirlo. Aspirante seconda in classifica, se non seconda a tutti gli effetti, da fuoriclasse della serie A, in un campionato che chiude le porte alle altre squadre, offre pochi spiragli al Cagliari, che al primo minuto di gioco passa in svantaggio. Se non fosse per la buona stella, che per adesso sta brillando sul cielo rossoblu, avrebbe segnato ad oltranza, ma per adesso siamo riusciti a tenere duro, chiudendo il primo tempo con un gol di vantaggio della squadra partenopea, padrona di casa. Borriello ha tentato di siglare il gol del pareggio, senza successo. Rastelli ha levato gli occhi al cielo, non appena i padroni di casa sono passati in vantaggio. Eh. Non possiamo mica fantasticare tanto con le squadre più forti. Non abbiamo il Pescara come avversario, per quanto abbiamo sempre sostenuto che ogni squadra nasconde le sue insidie, ma il Napoli, come la Juventus non nasconde nessuna insidia. Sono squadre forti e basta. Hanno un organico di tutto rispetto, eppure il Napoli non compete al mille per mille con i campioni d’Italia. E no. La Juventus è irraggiungibile. A questo punto a che serve fare programmi e studiare strategie? Serve a perdere con onore. Qualcuno ironizza che non si tratta di una partita di campionato, bensì di un allenamento settimanale. Ma dai. Non siamo severi. Il Cagliari si è salvato. Ha totalizzato quarantuno punti. Poteva fare di meglio in tante altre partite, ma non in questa. Stasera sarà già molto se riuscirà a chiudere la partita senza imbarcare gol paurosi. Certo un pareggio dignitoso non sarebbe male, magari se…….. Ogni tanto chiudiamo gli occhi e ci concediamo i viaggi in astronave. Sognare perché no? La serie A non è armonica. Sembra a volte di assistere a gare tra cinquecento e ferrari, ma anche con la cinquecento si arriva a destinazione. Non dimentichiamolo. Non si arriva in men che non si dica, ma sani e salvi di sicuro, o quasi sicuramente. Le sicurezze nella vita, come nello sport non esistono. Mai dare nulla per scontato. La scorsa settimana l’Atalanta ha fermato l’onnipotente Juventus, meritando un pareggio. Se non sono soddisfazioni queste. Dal punto di vista di chi non simpatizza per la signora della serie A, di sicuro soddisfazioni strepitose. Potrebbe succedere anche questo sabato per il Cagliari, ospite del Napoli, che ora sta assaporando la partita, concedendosi le sue brave soddisfazioni, strapazzando la squadra avversaria come il gatto con il topo, tranquillamente, placidamente, senza scossoni, sapendo di tenerla in pugno. Potrebbe succedere, ma l’importante è crederci, senza darsi per sconfitti in partenza. C’è da pensare che Rastelli abbia dato una bella rastrellata alla rosa nello spogliatoio, ma per tutta risposta il Napoli ha rischiato di raddoppiare all’inizio del secondo tempo. In un certo senso la squadra può avere recepito le secche raccomandazioni del mister, perché non è solo per sfortuna che il Napoli non è riuscito a segnare. I rossoblu hanno messo del loro e che continuino così quindi. Nel frattempo però i partenopei riescono a raddoppiare. Eh. Sembra che non ci sia storia. Riecheggia il tifo dei napoletani, orgogliosi della superiorità tecnica dei loro beniamini.

Il Cagliari ci ha provato, ma tecnicamente non può competere con il Napoli. Non nascondiamoci dietro un dito. Non ha imbarcato troppi gol. Almeno questo riconosciamolo. Nel frattempo, i padroni di casa segnano il terzo gol, ma stavolta l’orgoglio rossoblu non soccombe. Farias segna il gol della bandiera, perché la sconfitta sia onorevole. 3 a 1 in fondo contro una fuoriclasse del campionato può essere quasi una sconfitta sopportabile, non indolore, ma pur sempre accettabile.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: