ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 2 maggio 2017
ultima lettura martedì 17 settembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Cronache delle terre di Aidrabmol - Capitolo 3

di Chyprill. Letto 245 volte. Dallo scaffale Fantasia

aCapitolo Treb     Il vecchio portone di casa era accostato ma non chiuso, ciò diede da pensare a Edera che sapeva il padre fuori per la caccia, lo dischiuse piano per potervi spiare dentro e vide lo sterminatore chino su qualcosa, ...

aCapitolo Treb

Il vecchio portone di casa era accostato ma non chiuso, ciò diede da pensare a Edera che sapeva il padre fuori per la caccia, lo dischiuse piano per potervi spiare dentro e vide lo sterminatore chino su qualcosa, talmente assorto da non accorgersi della figlia sull’uscio.

“Padre…”

Entrò facendo scricchiolare la porta malandata e l’uomo sobbalzò ricacciando velocemente ciò che stava guardando nelle tasche della giacca.

“Siete già qui?”

“Sì, è stata una buona caccia, ne avremo per più giorni non era necessario stare più del dovuto…”.

“Ah…va bene”

Non troppo convinta guardò a terra e si ricordò di avere il seno scoperto e prima che il padre si voltasse s’infilò nella stanza accanto dove la scala portava alla sua camera.

Lo sterminatore guardò il muro e poi il soffitto come a seguire con lo sguardo il percorso della ragazza.

Chiusa la porta si gettò sul letto, chiuse gli occhi e ripercorse nella mente la mattinata dimenticando per un attimo lo strano atteggiamento del padre. L’attimo di contemplazione durò poco, le nocche nodose e pesanti si fecero sentire sulla porta, arraffò la prima maglietta che aveva lì la indossò in fretta e invitò il padre a entrare.

“Dobbiamo parlare”

Edera deglutì’ spaventata pensando che l’uomo avesse in qualche modo scoperto la sua tresca col figlio del maniscalco.

“Ditemi padre”

“Questa mattina ho fatto un incontro giù a sud dalle parti del Orbmal”.

“Orologiai?”

“No, truppe reali, un piccolo gruppo di ricognizione”

“Cosa ci facevano da queste parti?”

“Si sono persi la principessa”

“Ah!”

Saltò su in piedi, si avvicinò e sottovoce disse.

“E cosa vogliamo farne?”

“Potrebbe fruttare un buon riscatto, ho preso accordi con il capo della truppa, come sai la mia fama mi precede”.

“Che esseri inutili! Tsk!”

“Lo sono ma le casse reali sono ben fornite e trovo che una ricompensa per la guardia che facciamo al confine ci sia dovuta e inoltre se trovassimo la principessa…”

“Certo non c’è bisogno che diciate altro”

“Bene partiremo stasera stessa, se la troviamo sarà bene che la troviamo viva”

L’uomo si voltò e ridiscese liberando la visuale sullo specchio accanto alla porta, fu allora che Edera notò di avere la maglia a rovescio.

“Ahh, pazienza”

Pranzarono velocemente, prepararono l’occorrente e prima dei vespri erano già sulla strada per le radure dove si trovava il crocevia che portava a sud e a ovest.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: