ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 19 aprile 2017
ultima lettura martedì 12 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

San Lorenzo...storia di una Perseide

di Cristianaemme. Letto 354 volte. Dallo scaffale Fiabe

Le stelle della costellazione di Perseo sono attaccate alla tela blu dell’universo tramite un filo d’argento che le tiene unite e ferme al loro posto, sono stelle capricciose, coraggiose e molto curiose…vorrebbero viaggiare per lo sp...

Le stelle della costellazione di Perseo sono attaccate alla tela blu dell’universo tramite un filo d’argento che le tiene unite e ferme al loro posto, sono stelle capricciose, coraggiose e molto curiose…vorrebbero viaggiare per lo spazio infinito ma l’ordine superiore delle cose non glielo permette. Queste “creature” hanno il dono di avverare i sogni e allora una volta l’anno viene loro concessa la libertà, in quei giorni di agosto le Perseidi si lanciano in voli acrobatici sui pianeti del sistema solare e sfiorandoli raccolgono i pensieri dei loro abitanti.

Una delle Perseidi un giorno raccolse il pensiero di un uomo di nome Julian che diceva : “Extraterrestre portami via, voglio una stella che sia tutta mia”. La stella sapeva che c’erano delle regole e questo era proprio uno di quei desideri che loro non potevano esaudire ma in barba alle regole fece salire Julian sulla sua scia e lo portò con sé nel suo viaggio cantando :“Dentro una vertigine che danza e ci porta al di là del tempo”….

Volavano per l’immenso a stretto contatto raccontandosi l’un l’altro e intanto si creava un legame tra i due che andava oltre ciò che le parole possono descrivere, erano fatti di materia diversa ma le loro anime erano pressoché simili , entrambi cercavano la purezza dei sentimenti , lei cercava qualcosa che desse un senso alla parola eternità. La stella lo avvolgeva con la sua luce calda e di questo abbraccio gli rimanevano stelle di luce impresse sulla pelle come baci fluorescenti.

Julian amava profondamente il mare e un giorno la Perseide prese una gran rincorsa, trattenne il fiato e si tuffò nelle acque calde di un mare tropicale, Julian si trasformò all’istante in un delfino mentre la stella diventò una stella marina, ora era Julien a trasportare la Perseide e a farle esplorare un mondo tutto nuovo che la stella non aveva mai visto, mai avrebbe pensato che oltre quel velo liquido di acqua blu che le ricordava il suo cielo ci fossero tanti colori, persino la luce vi penetrava e poi quanta vita! Quante forme di vita a lei sconosciute…e Julian …era splendido nel suo nuovo corpo ed era unico nella sua specie perché aveva mantenuto i suoi abbracci a forma di stella!

Julian e la Perseide ora Marina erano davvero felici ma il tempo passava e la costellazione delle Perseidi si stava allontanando dalla Terra, era dunque giunto il momento per la stella di tornare al suo posto nell’universo appesa al filo d’argento.

Le altre Perseidi sfrecciarono a fior d’acqua in fila indiana e gettando il filo d’argento nel mare raccolsero la loro compagna per tornare al loro posto nel mantello stellato mentre dietro di loro una scia di polvere di stelle schiariva l’orizzonte per poi dissolversi…

Julian era rimasto nel mare ma era molto triste senza la sua stella, di notte lo si vedeva saltare solitario nell’acqua e puntare al cielo nel tentativo di spiccare il volo ma non riusciva a scorgere la sua stellina e ogni volta che usciva dall’acqua la stella che aveva impressa sul muso gettava meravigliosi fasci di luce cosicchè le persone credevano che lui fosse una stella cadente ma era un segnale per lei che così avrebbe potuto ritrovarlo.

Passò un anno e fu di nuovo agosto, Julian aveva aspettato con ansia questo momento certo che lei sarebbe tornata in qualche modo e non fu deluso, la notte del decimo giorno del mese tra tutte le stelle che volteggiavano in cielo una si staccò e puntò dritta verso il mare in un punto che brillava di luce stellare, appena lo raggiunse lo avvolse con la sua sua scia girando in tondo più e più volte per dimostrargli la sua gioia, e chi vide la scena raccontò poi di aver veduto due stelle unirsi in una sola, una stella di mare e una stella di cielo.

La Perseide raccontò di essere cambiata e Julian temette di avere perduto il suo affetto ma i cambiamenti non sempre sono negativi, la stella raccontò che qualcosa di straordinario era successo quando lei se n’era andata dal mare, aveva portato con sé sul suo corpo, sulla sua superficie tracce di vita marina e questa vita aveva creato altra vita sulla stella che ora accoglieva in sé un mare del tutto simile a quello di Julian. Ora Julian avrebbe potuto vivere con la stella nel loro mare e il viaggio individuale di ognuno sarebbe stato il viaggio di entrambi.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: