ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 17 aprile 2017
ultima lettura sabato 21 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

L'EGG DI URANO

di DOMENICO DE FERRARO. Letto 325 volte. Dallo scaffale Fantascienza

L 'EGG DÌ URANO After a hard day at work, I returned home tired and depressed I fell into bed, closed my eyes gently. I only remember that it was a night illuminated by a large moon, suddenly I felt possessed by an immense force journe...

L 'EGG DÌ URANO



After a hard day at work, I returned home tired and depressed I fell into bed, closed my eyes gently. I only remember that it was a night illuminated by a large moon, suddenly I felt possessed by an immense force journeyed through space and time to wake up to find myself on a mysterious planet where everything is regenerated itself in this unique system. Now here I can imagine the tiny earth, light years away. History of human generations, destroyed by the desire for power, a place unchecked devoured by hatred of its inhabitants. At night I can see shine immense celestial bodies. A great cold makes my body. I would go back, but I do not know how. I am alone, no other living thing seems inhabit these places. Today, after long months of permanence I learned how to stand out great leaps forward, thanks to my slender body shape and different law of gravity of the planet where I come from, always I try to remember what I had to rebuild my past, my life on earth. I tried to figure out making a long journey inside my conscience so to better understand where I come from, who they are. I remembered, my hometown. My friends of the past the blue sea that merges with the blue of the sky Earth. If I survive I plan to create a new civilization new generations of living beings less arrogant and vindictive. A great civilization where all can live in harmony with others. This planet is so big, the vegetation It is for the most part on the high rocky mountains. For the rest is desert or crevices where you can go down into deep gorges where you come in the immense and terrible underground alien. Fear accompanies me step by step but I go back and not a day passes in which discovers something new. The other day I found a quarry where the wall was made of solid gold and platinum. By force of arms I tore the rock several kilos of gold. A nice bit him kept in a bag, another during the climb Because overweight I had to throw it away. Gladly trade it all the gold found with something good to eat . For large amounts of water instead you have to climb up the mountains to drink and make stocks. These are days that I walk in this desert of stones mining. I'm tired, I seem to wander through a maze. What's going on? Mysterious places they live intelligent forms of extraterrestrial life? Heavens and Hells aliens, deserts, unknown and dangerous places? A strong wind began to blow the dust ends to blind me and not see where my feet. Cado lose your senses and stay there for the whole night stellar lying on the ground. The light of the stars catches me still lying on the ground. Near a large rock from the ovoid shape. . When I open my eyes and I try to get up I'm going to slam the nose right this' huge boulder. I jumped back not believe my eyes begin to wonder what ever it is that big thing there before mè. Then I understand: you can not hardly believe it. Shout for joy: An egg, cry I found an egg in this desert planet. The egg the very origin of life primordial creative cell of every form of primary life. Ovoid is the earth, man is the egg are synonyms They seem to have equal roots. Better an egg today, than a hen tomorrow and so on. The egg is a surprise, a solution to every problem. The embryo sac of a new life. Inside an egg you can find everything. I remember as a child in breaking the egg given to me from my grandparents in the coming days for Easter I found in a small colorful genius and smiling. A friend of mine, same brand egg an angry rabbi. At school I find someone in her egg good grades, other joys, joys, old friends, and wise wizards like me ready to teach you many important things in life. It grows in me now want to discover inside What ever the latter's inside? Days painful, an unequal struggle against monsters of all kinds, beings to be afraid? I do not have the courage to break it shakes my hand, but I must do it now or never. So I throw down a powerful blow hit him right in the center by opening a small flaw. A strange liquid begins to emerge and suddenly comes to life, huge crabs from the terrible claws materialize from nowhere. I try to run away. A m 'giant crab grabs my foot, I almost over ready to devour me when another crab runs on the back the largest and grabbing his tiny head between claws slowly devours him, then vanished underground .Terrorizzato not knowing what to do I try to run to escape stumble, I fall, I try to get up I see the egg broke out outside strange prehistoric animals, mythical creatures, the Titans Cyclops, Hecatonchires, muddy rivers my attempt to run away from there fails, I stop to look dumbfounded open completing that big strange egg found by chance. After seeing come out a thousand animals a strange human figure appears to me the light. A delightful little girl, naked with long blond hair like a goddess property and frightened huddled in itself. Muttering words or balbettandostrane asks me to be helped .I rushed to help her lift her, I try to warm her with my body. I sense in her a deep revulsion for everything that surrounds it. She has big eyes like the color of amber, she read in his thoughts his primitive emotions, I think, I finally have a partner someone to talk to, try common dell'emozioni. Can I continue to live, to hope, to love. Fifteen years have passed years since I found Gea in that 'egg came out of who knows where. We have created together in a few years twelve children of which some strengths and exceptional appearance with mysterious superhuman powers, provided more arms and legs, the earth would be seen as monsters. Here are masters of infinite and unknown spaces. They can live in peace away from all wickedness and iniquità.Crescono proportion are very big indeed much higher than me by four times. I struggle to keep them at bay. The mother protects them and cares for them, follows their every whim. I retired to live on a high mountain. Among the forests, rich in beautiful trees. I meditate a lot, m'esercito to develop my powers. I can lift heavy weights without any effort. To change the course of weather events with the will of my thought. But I still feel within me a deep pain I feel resentment towards my children who have not understood my love towards them. This saddens me molto.Gea no longer see it for a long time the other day seemed to me that he had seen Hyperion wandering in the neighborhood of my wooden hut. I tried to chase him numerous times called the echo of my words sounded hollow in the mountains. So I understood to be left alone again without anyone that I want really good. Alone again with myself and my prisoner fears in this Eden on this distant planet lost in the great galaxy of alpha Centauri.

L’ UOVO DÌ URANO

Dopo una dura giornata a lavoro, ritornai a casa stanco ed avvilito mi gettai a letto , chiusi gli occhi dolcemente . Ricordo solo che era una notte illuminata da una grande luna, improvvisamente mi sentii posseduto da una immensa forza viaggiai attraverso lo spazio ed il tempo per ritrovarmi al risveglio su un pianeta misterioso ove ogni cosa si rigenera da sola in questo singolare sistema . Ora da qui posso immaginare la terra minuscola, lontana anni luce. Storia di generazioni d’esseri umani , distrutta dal desiderio di potere ,un luogo divorato dall’odio incontrollato dei suoi abitanti. Di notte posso vedere rilucere immensi corpi celesti . Un grande freddo gela il mio corpo . Vorrei ritornare indietro, ma non sò come fare. Sono solo ,nessun altro essere vivente sembra abitare questi luoghi . Oggi dopo lunghi mesi di permanenza ho imparato a spiccare grandi balzi in avanti, grazie alla mia esile forma corporale e alla diversa legge di gravità del pianeta da cui provengo, continuamente provo a ricordare ciò che ero a ricostruire il mio passato ,la mia vita sulla terra. Ho provato a capire compiendo un lungo viaggio all’interno della mia coscienza per così meglio comprendere da dove vengo, chi sono. Ho rammentato ,la mia città natale . I miei amici d’un tempo il mare celeste che si confonde con l’azzurro del cielo terrestre. Se riuscirò a sopravvivere ho in mente di creare una nuova civiltà nuove generazioni d’esseri viventi meno prepotenti e vendicative. Una civiltà ideale ove tutti possono vivere in armonia con gli altri. Questo pianeta è così grande ,la vegetazione si trova per la maggior parte sulle alte montagne rocciose. Per il resto è deserto o anfratti ove puoi scendere giù in gole profondissime dove entri nell’immenso e terribile sottosuolo alieno. La paura m’accompagna passo dopo passo ma vado avanti e non passa giorno in cui non scopra qualcosa di nuovo . L’altro giorno ho trovato una cava ove le parete erano d’oro massiccio e di platino. Con la forza delle braccia ho strappato alla roccia diversi chili d’oro . Un bel pò lo conservato in una sacca, altro durante la salita causa il peso eccessivo ho dovuto buttarlo via . Scambierei volentieri tutto l’oro trovato con qualcosa di buono da mangiare . Per avere grandi quantità d’acqua invece bisogna salire in alto sui monti per dissetarsi e fare scorte . Sono giorni che cammino in questo deserto di pietre minerarie. Sono stanco, mi sembra di vagare in un labirinto . Che cosa c’è, andando avanti ? Misteriosi luoghi in cui vivono delle forme intelligenti di vita extraterrestre ?Paradisi o inferni alieni ,deserti, luoghi ignoti e pericolosi ? Un vento incomincia a soffiare forte la polvere finisce per accecarmi e non vedere più dove metto i piedi . Cado perdo i sensi e rimango lì per l’intera notte stellare disteso per terra . La luce degli astri mi coglie ancora riverso per terra. Vicino a una grande roccia dalla forma ovoidale. Quando apro gli occhi e provo ad alzarmi vado a sbattere il muso proprio su quell’ enorme masso . Faccio un balzo indietro non credo ai miei occhi incomincio a domandarmi cosa è mai quella grossa cosa lì davanti a mè . Poi comprendo : non è possibile stento a crederci . Urlo di gioia : Un uovo, grido ho trovato un uovo in questo deserto pianeta . L’uovo l’origine stessa della vita primordiale cellula creatrice di ogni forma di vita primaria. Ovoidale è la terra ,l’uomo è l’uovo sono dei sinonimi sembrano avere pari origini. Meglio un uovo oggi ,che una gallina domani e via di seguito. L’uovo è una sorpresa , una soluzione ad ogni problema. La sacca embrionale d’una nuova vita. Dentro un uovo puoi trovare ogni cosa. Ricordo da piccolo nel rompere l’uovo regalatomi da miei nonni nei giorni prossimi alla Santa Pasqua vi trovai dentro un piccolo genio colorato e sorridente. Un mio amico, stessa marca d’uovo un rabbino arrabbiato . A scuola qualcuno trovo nel suo uovo dei buoni voti , altri gioie ,allegrie, vecchi amici , saggi e maghi come nel mio caso pronti a insegnarti tante cose importanti della vita. Cresce in me ora la voglia di scoprire all’interno di quest’ultimo cosa mai ci sarà dentro? Giorni dolorosi ,una lotta impari contro mostri d’ogni genere , esseri di cui aver timore? Non ho il coraggio di romperlo mi trema la mano ,ma debbo farlo ora o mai più. Così tiro giù un poderoso colpo lo colpisco giusto al centro aprendone una piccola falla . Uno strano liquido incomincia ad uscire e improvvisamente prende vita , granchi enormi dalle chele terribili si materializzano dal nulla . Provo a scappare via. Un granchio gigante m’ afferra il piede , quasi mi è sopra pronto a divorarmi quando un altro granchio corre sul dorso del più grande e afferrandogli la minuscola testa tra le chele lo divora lentamente ,per poi svanire sotto terra . Terrorizzato non sapendo cosa fare provo a correre a fuggire Inciampo, cado , tento d’alzarmi vedo dall’uovo rotto uscire fuori strani animali preistorici , creature mitiche , Titani Ciclopi , ecatonchiri , fiumi melmosi il mio tentativo di fuggire via da lì fallisce, mi fermo a guardare sbalordito schiudere completamento quel grosso strano uovo trovato per caso. Dopo aver visto uscire fuori un migliaio d’animali una strana figura umana mi appare controluce . Una deliziosa piccola fanciulla , nuda dai lunghi capelli biondi simile ad una dea immobile e spaventata rannicchiata in se stessa . Farfugliando o balbettando strane parole mi chiede d’essere aiutata . Mi precipito ad aiutarla la sollevo,cerco di riscaldarla con il mio corpo. Avverto in lei un profondo orrore per qualsiasi cosa che la circonda. Ha dei grandi occhi simili al colore dell’ambra ,leggo in lei i suoi pensieri le sue emozioni primitive , penso :ho finalmente una compagna qualcuno con cui parlare , provare dell’emozioni comuni. Posso continuare a vivere , sperare, amare. Sono passati quindici anni anni da quando trovai Gea in quell’ uovo uscito fuori da chi sa dove . Abbiamo generato insieme in pochi anni dodici figli di cui alcuni di forza e aspetto eccezionali dotati di misteriosi poteri sovraumani , provvisti di più braccia e gambe ,sulla terra verrebbero visti come dei mostri . Qui sono padroni di spazi infiniti e sconosciuti. Possono vivere in pace lontani da ogni malvagità e iniquità. Crescono a dismisura sono dei veri giganti molto più alti di me di quattro volte. Faccio fatica a tenerli a bada . La madre li protegge e li cura , asseconda ogni loro capriccio. Mi sono ritirato a vivere su un’alta montagna . Tra i boschi , ricchi d’alberi bellissimi . Medito molto, m’esercito a sviluppare i miei poteri . Riesco ad alzare pesi enormi senza alcuno sforzo . A mutare il corso degli eventi climatici con la volontà del mio pensiero. Ma continuo a provare dentro di me un profondo dolore provo rancore verso i miei figli che non hanno compreso il mio amore verso di loro. Questo mi rattrista molto. Gea non la vedo più da molto tempo l’altro giorno mi sembrò d’aver visto Iperione aggirarsi nei paraggi della mia capanna di legno. Ho provato a inseguirlo lo chiamato numerose volte l’eco delle mie parole risuonava sordo tra i monti . Così ho compreso d’essere rimasto di nuovo solo senza alcuno che mi voglia veramente bene. Solo di nuovo con me stesso e le mie paure prigioniero in questo Eden su questo lontano pianeta disperso nella grande galassia d’alpha centauri.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: