ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 16 aprile 2017
ultima lettura mercoledì 10 giugno 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

LONDRA - 16 APRILE 2017 -

di ljubarosler. Letto 396 volte. Dallo scaffale Pensieri

Nell'accoglienza di questa luce che irrompe in casa accompagnata dallo scampanio gioioso di una alba di festa , una sensazione di leggerezza del cuore , come uragano di dolcezza connette il quotidiano con le segnalazioni della via interiore . Un senso ...

Nell'accoglienza di questa luce che irrompe in casa accompagnata dallo scampanio gioioso di una alba di festa , una sensazione di leggerezza del cuore , come uragano di dolcezza connette il quotidiano con le segnalazioni della via interiore . Un senso di grazia che non conosco nella sua totalità ma a cui sento di appartenere . Anche quando sono stanca , spossata ... percepisco comunque il bisogno di non riposarmi , di continuare ad avventurarmi su sentieri incerti e aggrovigliati . Una scelta questa che lastrica il cammino di sempre crescenti ostacoli ma per me le sfide sono la parte eccitante del quotidiano . Non cerco il riposo e , per quanto la fragilità della mia natura umana mi consente , non mi ripiego mai su me stessa . Amore è il mio mantra che a volte si traduce in gesti di obbedienza . Ma , ecco che all'improvviso un miracolo nuovo si manifesta davanti agli occhi . Un abbraccio di amore gratuito , totale , purissimo . Ieri , sabato pomeriggio , tutto inizia qui . Come la gran parte degli abitanti della City , o almeno di tutti quelli che non hanno una casa di proprietà sull'oceano e neppure hanno amici o parenti che generosamente li hanno invitati a trascorrere i giorni della St. Pasqua da loro , eccomi in fila da Harrods a scegliere cosucce sfiziose da rosicchiare e da offrire a vicini di casa e agli amici . Parenti niente quest'anno ! La mia sempre sorridente mamma è in Francia , sulla costa , e dovendo io partire fra due giorni per San Francisco non mi andava di raggiungerla . Mia suocera ha deciso di rimanere barricata nella sua casa a Chelsea per seguire i lavori di pulitura e verniciatura degli infissi con l'aiuto della sorella arrivata appositamente da Milano dove vive , per aiutarla . Una Pasqua inconsueta , da vivere in totale libertà . Un bel pic-nic in giardino se l'affascinante , seppure bizzarro clima della primavera inglese ce lo consentirà . Quindi ... dolcetti e piatti freddi di ottima qualità, acquistati già pronti . A Londra si può trovare di tutto , eccellenza culinaria , sempre , basta saper scegliere e ... vivere qui da ... una vita ! Forse due vite ! Perchè una vita fu quella di me studentessa arrivata dalla Confederazione Elvetica a Londra grazie ad una borsa di studio ottenuta ... non mi vergogno a raccontarlo ... con lacrime, dolore e sangue . Lasciata la seppure internazionale Ginevra , l'impatto con Londra fu per me fantasticamente ubriacante ! Io , una ragazzina post adolescente cresciuta tra le coccole di suore dolcissime ed interminabili allenamenti in piscina , catapultata in questa realtà fantasmagorica ! Luci accecanti , musica che usciva dai locali più trendy della City, mischiandosi ad altra musica , quella urlata dagli artisti di strada approdati a Londra in cerca di una vita migliore . Ma , mi ci sono abituata nello scorrere di ... due giorni ... già , già ! Ho da subito capito che , questo era la mia dimensione ideale ! Ma , tornando a ieri , al sabato antecedente la St. Pasqua ... dunque ... come dicevo , ero in fila da Harrods aspettando il mio turno , avevo il numero 37 ... aspettavo . Nel frattempo , un poco come fanno tutti , sia turisti che londinesi , scattavo foto con il mobile . Troppo belli quei dolcetti , anche se non li acquisti una foto è d'obbligo . Arrivato il mio turno , scelgo sei dolcetti monoporzione . Quelli red velvet che sembrano piccoli nidi !!! Una giovane donna , in fila dietro di me si avvicina e ... mi sussurra all'orecchio " ma , devo prendere il biglietto per farmi servire ... ??? "
Mi volto verso di lei ... ha un bel viso . Un sorriso coinvolgente , direi che è davvero graziosa , inusuale con quella cascata di indisciplinati capelli rossi , mi ricorda le donne scozzesi di Kirkwall dove ho il privilegio di vivere per molti mesi dell'anno . Mi piace ! Trasmette allegria con quel suo bianchissimo sorriso irregolare ! Sì , mi piace , una donna molto graziosa !
" Certo , sì , devi prendere il biglietto darling , altrimenti non ti serviranno mai ... "
E poi , faccio una cosa che ... mai avrei pensato di fare . Solitamente io , purtroppo , non sono una persona che molto si interessa della vita degli altri . Sono educata , questo sì ma , sono troppo impegnata a realizzare il mio destino e non ho tempo per occuparmi della vita degli altri . Ma , questa volta , ho fatto una cosa per me realmente inusitata ! Voltandomi verso le persone in fila dietro di me , ho chiesto se ... mi permettevano di lasciare servire quella giovane signora che , non sapendo , non aveva staccato lo scontrino e da tempo attendeva inutilmente di essere servita ... Un susseguirsi di sorrisi e di " please madame , please ".
Troppo gentili questi inglesi ... li adoro !
Tutto risolto . La giovane signora viene servita . Le sorrido , mi allontano diretta al ristorante giapponese . Ho fame . Voglia di sushi . Salmone e tonno crudi , sfilettati sottilissimi ed insalata di germogli di ravanello e mango . Un abbinamento delizioso ! Mi siedo al tavolo . Sto per ordinare e ... ecco che davanti a me si siede la giovane donna dai capelli rossi . E , senza che io nulla possa obbiettare mi dice " Ho fame anche io , te lo offro io il pranzo ... Hilda ... sono di San Francisco , a Londra da tre giorni ... sei stata gentile e coraggiosa visto il caos di questi giorni ... ".
Davvero ... davvero non potevo crederci ... io , fra due giorni , ritorno a San Francisco ... La vita ! Ma che incredibile magia è questa nostra dimensione temporale ?! Chiacchieriamo come vecchie amiche io ed Hilda . La invito per il mio pic-nic di Pasqua ( ... tempo permettendo ...) nel giardino del cottage ma , se dovesse piovigginare ... già è pronto il "pianoB" ... ci si accoccola tutti tra il living e la cucina , si accende stufa e camino e , al calduccio del crepitare del fuoco di primavera e , con il supporto di un buon vino frizzante ... magari ... un prosecco italiano , il pic-nic ... continua ... E poi ... ecco il regalo di Pasqua di Nicholas ... mio marito ed anche l'amore della mia vita . Colui che con immensa riservatezza ed un briciolo di fortuna è riuscito a regalarmi la vita che sognavo . Ebbene ... esattamente il prossimo aprile , quello del 2018 , nel giorno 3 noi , mano nella mano , emozionati e curiosi assisteremo alla Ceremony of the keys at the Tower of London dove sono conservati i preziosissimi gioielli della Corona ... ! Difficilissimo assistere a questa cerimonia . Io felice !!! Che bel regalo ... !!! E , la cosa per me davvero suggestiva ... (... non avendo intenzione di rubare i gioielli della Corona ...) sarà l'essere scortata e controllata a vista dai romantici Beefeater ... !!! Troppo bello ! A dream comes true ! ... E poi , un altro regalo da appendere sulla porta di casa "Love Home" . Una targa in metallo con fiori , foglie e uccellini regalatomi poco fa da Drusilla ... Una casa questa dove vivere con amore e fantasia . Un cottage magico dove inventare pranzi in giardino la domenica di Pasqua e , a volte , cene improvvisate con un chilo di pasta alla amatriciana davanti ad un camino scoppiettante nelle serate umide della romantica primavera inglese . Cucina ... un luogo che non è solo fornelli e stoviglie da lavare . Accoglienza . Calore del legno che ricopre i pavimenti . Dettagli . Luce . Atmosfera . Sapori antichi che sanno declinarsi alla cottura nel microonde . Patate novelle ancora avvolte dalla buccia , come si usa qui , inondate di rosmarino in fiore . Oggi come ieri . Ma , mi mancheranno nei prossimi giorni questi cottage con i tetti spioventi che arrivano quasi a terra e , come morbide coperte , avvolgono e proteggono questi vecchi cottage . Si parte ... verso la California , tra due giorni , ma Honey Garden Mews non è solo un luogo , non è solo un vicolo appena dietro Oxford Street è , un luogo dell'anima , è la mia certezza . Un abbraccio indissolubile , la mia certezza di vita ... qui io , sempre posso tornare ... in questa adorabile confusione di "cose belle" e amate acquistate in giro per il mondo . Dove i vicini di casa sono più che amici , sono la mia famiglia acquisita . Piacevoli momenti outdoor in questi luminosi giorni di inizio estate dove si mangia con gli amici , ci si raccontano cose , emozioni , frammenti di vita . Mangiare tutti insieme in giardino , oggi , domenica di Pasqua mentre le campane di St. Paul inondano la City di melodie antiche ... una ortensia rosa più rosa non si può ... trovata davanti al cancelletto di casa ... un biglietto accartocciato tra i fiori ... Hilda ... e nulla più ... Thank You London ... Verso St. Francisco ... ! Ma , ora , tutti a tavola . Fantasia di alzatine tutte volant che festeggiano la primavera , tazze per il caffè colorate , cesti verde pastello , barbecue rovente , verdure e pane da tostare , una brocca in ceramica decorata in nostalgico smalto rosso traboccante di caffè bollente . Un vecchio pruno che ormai ha perso la sua fioritura primaverile . Rami che sembrano toccare il cielo , piccole foglie di un verde delicato , trasparente ... Spazi luminosi . Luce immortale . Lacrime di gioia . Oh , due chiacchiere con un amico la mattina di Pasqua , facendo jogging sistemano tutto ... dovizia di colori che accendono il cuore ... nettare di cielo ... Londra e nulla più !

(Accade in Honey Garden Mews...)



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: