ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.533 ewriters e abbiamo pubblicato 74.962 lavori, che sono stati letti 48.895.766 volte e commentati 55.655 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 10 aprile 2017
ultima lettura giovedì 5 aprile 2018

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

postumi incompleti

di FilippoDiLella. Letto 319 volte. Dallo scaffale Poesia

E le sue mani,grosse, stupide e volgari,mani,utili a toccar meglio la superficie levigata,calda e animata delle donne,ad assorbirne l'area più ...

E le sue mani,
grosse, stupide e volgari,
mani,
utili a toccar meglio la superficie levigata,
calda e animata delle donne,
ad assorbirne l'area più ampia possibile,
a far conoscere i suoi calli,
il suo esistere.
E le sue labbra,
triviali, sottili,
ignorantissime labbra,
buone per mangiare,
sparar cazzate
ed amare.
E bere vuol dire amare.
E tutto il resto inutile del suo inutile sé,
buono a niente
se non per esser buono a nulla,
la notte col suo mal di testa
e lepri viola:
aspetta il sole e il sollevarsi di serrande.
Tutto si sorvola
tranne un'anima di carne.


Commenti

pubblicato il lunedì 10 aprile 2017
MassimoSax, ha scritto: Ho sentito una carezza nelle tue parole, ma poi mi sono accorto che era una carezza fatta ad un muro ruvido

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: