ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 5 marzo 2017
ultima lettura mercoledì 24 giugno 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

HEGEL

di michelino. Letto 473 volte. Dallo scaffale Filosofia

" Bastiano..." " Dimmi Saruzzo"" Non è che ti risultano delle strane voci sul nostro conto?"" No Saruzzo, no...


" Bastiano..."
" Dimmi Saruzzo"
" Non è che ti risultano delle strane voci sul nostro conto?"
" No Saruzzo, non mi risultano strane voci sul nostro conto "
" Meglio così "
" Che vuoi dire Saruzzo?...di che voci parli? "
" Di strane voci sul nostro conto "
" Ma che dicono queste voci? "
" Dicono che siamo una pulsione del desiderio che vuole affermarsi
nella Realtà"
" Miiiiiiiiiiiiiii nientemeno Saruzzo! "
" Nientemeno, Bastiano; nientemeno"
" E dimmi Saruzzo...chi è che ha messo in giro delle voci del genere
sul nostro conto?"
" Friedrich Hegel, Bastiano... è Friedrich Hegel che ha messo in giro
queste voci sul nostro conto"
" Miiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii... Friedrich Hegel...nientemeno!"
" Nientemeno Bastiano...nientemeno che Hegel "
" Hegel...roba da non crederci "
" Credici Bastiano...credici "

" ..........................................................
................................................"

" Bastiano..."
" Che c'è Saruzzo?"
" Ma secondo te - queste voci che Friedrich Hegel messo in giro sul nostro
conto possono essere supportate dalla consistenza di un fondamento storico
di natura hegeliana?"
" Secondo me Saruzzo, quelle cose che Hegel ha detto sul nostro conto, lui le
ha dette così...tanto per il gusto di fare un poco di dialettica, che a lui ci piace
sempre fare dialettica su ogni minima cosa "
" Può essere Bastiano, può essere... però Hegel dovrebbe anche capire che
la nostra sostanza ha un limite...e che se non la smette con le sue dicerie va
a finire che prima o poi ci stanchiamo di interiorizzare lo spirito soggettivo della
nostra certezza sensibile "
" Dici che finiremo per perdere la percezione della nostra collocazione storica? "
" No...dico che finiremo per perdere la percezione della nostra infinita pazienza "
" Ma Saruzzo... caro Saruzzo...e che te lo dico a fare?...ogni tipo di percezione
va avvertita e considerata come tale non prima di essere stata analizzata in
tutte le sue molteplici qualità "
" E allora secondo te come ci dovremmo comportare?...ti sembra giusto che
per colpa di uno come Hegel ci tocca subire gli effetti nefasti di una decadenza
della coscienza sul piano qualitativo? "
" Bisogna che ci parliamo Saruzzo...bisogna che con questo Hegel ci parliamo,
non è detto che lui non comprenda la dimensione individuale del nostro essere
soggettivo."
" Forse hai ragione...magari Hegel non è un cattivo elemento come ci vorrebbe
far credere Schopenhauer "
" Vero...mandiamo a cagare quel portasfiga di Schopenhauer "
" Un poco di positivismo non può certo farci del male "
" Attiviamo la nostra certezza sensibile "
" Spalanchiamo le porte alla percezione "
" Facciamo buon uso dell'intelletto "
" In fondo anche in uno come Hegel ci potrebbe essere qualcosa di buono "
" Ad esempio che cosa? "
" Ad esempio quando considera la natura e lo spirito Hegel non è certo cattivo...
anche se non possiamo certo negare che alcune volte esagera la dimensione
contraddittoria del reale e gli capita di superare il concetto di dualismo assoluto "
" Per me Bastiano, il vero problema di Hegel è che quello ha perso del tutto la
connessione con l'infinito"
" Ma no Saruzzo, è solo che quando ci viene lo sfizio del momento speculativo
si mette a stuzzicare la sintesi degli opposti, ma si capisce benissimo che quella
é solo una fase di passaggio e che poi, nel momento intellettivo ci riflette meglio
e così ci torna la logica della ragione "
" Vero Bastiano, Hegel non è cattivo; solo che certe volte dice cose che non hanno
nessuna logica del concetto"
" E così va a finire che magari perde pure la cognizione della logica del senso"
" Per non parlare della logica dell'essere!"
" Giusto Saruzzo...non parliamone...lasciamo perdere la logica dell'essere che
forse è meglio così...altrimenti finiamo fuori strada sullo sterrato senza divenire "
" E allora adesso come procediamo? "
" Per il momento io direi di limitarci a fare un giro nella piazza del paese "
" Per farci prendere aria al nostro io interiore? "
" No...per andare a realizzare l'assoluto nel centro storico "
" E se i tempi non sono maturi? "
" Male che vada ci facciamo un gelato dialettico "
" Dialettico in che senso? "
" Due gusti...panna e cioccolato "
".......................................................................
.................................."

" Bastiano..."
" Si Saruzzo"
" Ma tu questa cosa come l'hai presa? "
" Quale cosa? "
" Quella di essere considerato una pulsione di desiderio che vuole
affermarsi nella realtà "
" Con filosofia Saruzzo...l'ho presa con filosofia "



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: