ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 11 febbraio 2017
ultima lettura mercoledì 13 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Una giornata da re

di khepri65. Letto 340 volte. Dallo scaffale Fiabe

Visita alla Palazzina di caccia di Stupinigi a Torino. La luce del sole del tardo pomeriggio estivo inonda il grande salone con una luce vivissima e magica...e la fantasia vola

La luce di quel tramonto estivo donava al palazzo una luce magica.Tutto era pronto per la grande festa in onore del re. Egli aveva partecipato alla più grande battuta di caccia al cervo mai organizzata e tutti gli ospiti erano intenti ad indossare i loro abiti migliori.I raggi dell’ultimo sole inondavano ancora prepotentemente il grande salone, illuminandolo di una luce immensa e bellissima, quasi mistica. Ogni dipinto, ogni nicchia, ogni magico gioco di trompe l’oeil sembrava prendere vita da quella luce magnifica. Da lì a poco il grande candeliere di cristallo, sospeso al centro della grande volta affrescata, avrebbe preso vita, ed ogni singola fiamma di ogni singola candela avrebbe danzato al suono della musica.
La festa era iniziata ed ora il grande salone brulicava di bellissime dame dalle ampie vesti e dagli scintillanti gioielli, i nobili signori discorrevano impettiti con le loro parrucche incipriate e le eleganti livree. Il re stava per entrare e tutti lo avrebbero acclamato

.Il cervo che aveva inseguito per ore era il più grande e fiero esemplare mai visto.


Ma quando sua maestà fece il suo ingresso e la musica cessò, tutti notarono i suoi occhi tristi. Nessuno potè fare a meno di percepire la sua frustrazione.
Centinaia di occhi si incrociarono all’unisono, quasi a cercare risposte e a porre domande.
In men che non si dica si diffuse tra gli astanti la voce che il re aveva mancato il cervo. Benchè egli fosse un ottimo tiratore e benchè l’animale fosse a pochi metri da lui, aveva mancato il bersaglio….strano


Quando all’improvviso come un’apparizione, sulla soglia della grande porta vetrata, che si affacciava sul viale del palazzo, apparve una figura maestosa, assai più regale del re stesso. Se ne stava fermo all’ingresso, altero, i muscoli tesi. Il silenzio era totale. Il re gli si avvicinò, tendendogli la mano, e il superbo animale si inchinò sulle ginocchia anteriori,abbassò la testa e a modo suo ringraziò quell’uomo per avergli reso salva la vita, per averlo risparmiato…
Fu in un secondo che nell’ombra sparì, le danze ripresero e quella notte diventò veramente una notte magica.”



Commenti

pubblicato il sabato 11 febbraio 2017
Calatia, ha scritto: Ottima capacità di sintesi, molto scorrevole.
pubblicato il sabato 11 febbraio 2017
Calatia, ha scritto: Ottima capacità di sintesi, molto scorrevole.
pubblicato il giovedì 23 febbraio 2017
Hiroshi84, ha scritto: khepri65 oltre che scrivere molto bene, hai una immaginazione o comunque una fantasia fuori dal comune...fuori dal castello in questo caso :-) E siamo in due :-) Non ho mai scritto fiabe, favole o dei fantasy (però amo moltissimo leggerli) e anch'io da un luogo, da una frase o da un ricordo riesco a trarne racconti brevi o lunghi. Mi sento, anzi siamo fortunati nell'avere questa caratteristica. Questo racconto come al solito mi è piaciuto, il re alla fine risparmia il cervo, un gesto nobile e regale in tutti i sensi, le battute finali mi hanno fatto tenerezza e viva il re per la decisione presa. Attraverso questo racconto come quelli precedenti da me letti hai la capacità di far viaggiare il lettore in epoche o in mondi lontani, sembra davvero di esserci. Trovo sia bello evadere dal grigiore e dalle tediosità quotidiana attraverso degli scritti come i tuoi. Ti faccio un complimento d'oro che manco Lupin ti potrà rubare. Molto brava e sempre con interesse vedrò di leggere gli altri scritti.
pubblicato il giovedì 23 febbraio 2017
Hiroshi84, ha scritto: Ah dimenticavo: Ho scritto tempo fa "Il principe e i suoi princìpi" un racconto brevissimo. Non è ne fantasy e ne storico ma è un semplice componimento in cui mi sono cimentato a giocare con le parole. Un esperimento di scrittura insomma. :-)

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: