ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 28 gennaio 2017
ultima lettura mercoledì 27 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Lo spiraglio

di khepri65. Letto 343 volte. Dallo scaffale Fiabe

Il portone semichiuso all'interno della palazzina di caccia di Stupinigi, a Torino, mi ha ispirato questo breve racconto

Egli sbirciava sempre da dietro il massiccio portone di legno. Sbirciava nel giardino del palazzo gli altri bambini che giocavano gioiosi. Non gli era concesso di mostrarsi, nemmeno di rivolgersi a loro, per via del suo aspetto. Era nato con una deformazione, e il re lo aveva bandito dalla corte. Un figlio deforme non si confaceva alla stirpe reale, era una vergogna di sangue blu da tenere nascosta. Fu solo l’amore della madre, la regina, che gli permise di vivere almeno a palazzo, insieme ai suoi fratelli e sorelle.
Così egli si accontentava di guardarli ridere facendo ben attenzione a non farsi scorgere. Pena l’allontamento immediato dalla famiglia.
Quando un bel giorno di una calda estate, i bambini decisero di fare un bagno nel laghetto della tenuta. La bimba più piccola d’improvviso sfuggì al controllo della governante lanciandosi con impeto nell’acqua, emulando i fratelli più grandi. La situazione si presentò subito tragica. Le acque del lago erano troppo alte e limacciose per dei bambini così piccoli e la ragazza alla quale erano affidati troppo inesperta per tentare un estremo salvataggio.
Quando con un improvviso tuffo quell’essere strano si buttò senza esitare, contravvenendo agli ordini del re. Nuotò fino alla piccola che agitava le manine sopra alla bionda e ricciuta testa e la trascinò in salvo sulla sponda del lago. Senza nemmeno una parola si ritrasse nell’erba alta lasciando tutti tra lo stupore e lo spavento.
Ciò che fu raccontato e che si racconta ancora oggi è che una strana creatura, forse mandata da Dio, sbucò dai cespugli per salvare la principessa….e forse….non solo lei


Commenti

pubblicato il sabato 28 gennaio 2017
theLunatic, ha scritto: Indubbiamente ricorda un po' "la bella e la bestia" ... piacevole!
pubblicato il domenica 29 gennaio 2017
khepri65, ha scritto: Non ci avevo mai pensato, ma è vero...:-))
pubblicato il giovedì 23 febbraio 2017
Hiroshi84, ha scritto: Cara khepri65 i tuoi scritti sono come le ciliegie che una tira l'altra. Altra fiaba piacevole da leggere, anche se abbastanza triste e che tratta attraverso il genere fiaba il difficile argomento sull'emarginazione forzata. Caspita, hai rappresentato il tutto molto bene...anch'io concordo nel dire che potrebbe essere la trama di un bel film o anche essere ampliato fino a diventare un romanzo. Mi piace quello che scrivi...dico davvero!!!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: