ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 17 gennaio 2017
ultima lettura venerdì 16 ottobre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Il pianeta del male

di EMI. Letto 442 volte. Dallo scaffale Pensieri

Caro Me, sono qui oggi per versare lacrime nere sulle tue pagine bianche. Non ho il coraggio di trattenermi,ne la forza per sfogarmi,quindi uso l'inchiostro per parlarmi. Fossi nato in un'altra epoca sarei già morto tanto sono debole e vigliacco.....

Caro Me,

sono qui oggi per versare lacrime nere sulle tue pagine bianche. Non ho il coraggio di trattenermi,ne la forza per sfogarmi,quindi uso l'inchiostro per parlarmi. Fossi nato in un'altra epoca sarei già morto tanto sono debole e vigliacco.

Oggi ho fatto una considerazione su questo strano mondo oscuro. “Il pianeta del male”,così lo chiamano. Gli abitanti,compreso me,sono esseri dotati di sentimenti e logica. Capirai da solo l'ossimoro. Capirai da solo che convivere in serenità con entrambe le virtù non è possibile. I sentimenti portano a ciò che richiede il cuore. La logica a ciò che è relativamente giusto. Contraddizione in termini racchiusa in individui stanchi.

Aleggiano pensieri indipendenti.

Alcuni convergono con quelli di altri dando vita ad associazioni. Queste creano strati di guadagno e di potere ben visibili,ma intoccabili. Più menti pronte ad abbattere ciò che non gli sta bene. Singoli cervelli convertiti in gruppi. Uno per tutti e tutti per uno. Bel proverbio del cazzo.

Ricordo una frase che mi disse mio fratello quando avevo più o meno l'età di un pargolo. Una frase “vera”,così mi disse.


“Non siamo in paradiso,tanto meno al purgatorio. Siamo all'inferno. Un inferno di amara malinconia con un dolce retrogusto d'amore”.


Lì per lì non capì il suo significato. A stento ero in grado di distinguere il sole dalla luna. Mi sorse,però,un dubbio,e decisi di chiedere subito a mio fratello cosa ne pensasse.


“Se siamo all'inferno allora dove si trova il diavolo?”

“ Il diavolo non esiste a meno che non sia tu a partorirlo dentro te stesso”.


Un'altra frase priva di significato all'epoca,ma che ora non lascia riposare i miei occhi stanchi. Un'altra notte in bianco in questo mondo nero.

Un'altra giornata passata a parlare con Me.

Adesso ci dobbiamo salutare. Ne riparliamo domani.






Commenti

pubblicato il mercoledì 18 gennaio 2017
NonnaLia, ha scritto: Be.. Sai dialogare molto bene con te stesso!
pubblicato il mercoledì 18 gennaio 2017
theLunatic, ha scritto: A volte è proprio con se stessi che è difficile parlare! Tu ci sei riuscito, con dolore ma ci sei riuscito!
pubblicato il mercoledì 18 gennaio 2017
EMI, ha scritto: Grazie ad entrambi per esservi interessati al mio lavoro e aver letto quello che voleva essere un semplice sfogo personale. Spero non vi siate annoiati troppo leggendolo! :)
pubblicato il mercoledì 18 gennaio 2017
NonnaLia, ha scritto: Non é mai nulla di semplice se il mittente e il destinatario coincidono! Non dare peso alla percentuale di noia nelle tue parole, altrimenti la stanchezza non avrà male fine.
pubblicato il mercoledì 18 gennaio 2017
EMI, ha scritto: Ti ringrazio molto per il consiglio. Vedrò di farne tesoro e sfruttarlo al meglio.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: