ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 7.878 ewriters e abbiamo pubblicato 70.419 lavori, che sono stati letti 43.697.540 volte e commentati 53.967 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 9 gennaio 2017
ultima lettura domenica 25 giugno 2017

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

recensione - IL SAPORE DEL SUCCESSO

di Gattopardo. Letto 184 volte. Dallo scaffale Cinema

vorrei iniziare a postare in maniera disordinata recensioni e consigli su film appena usciti, meno recenti o classici. Dare suggerimenti di visione a chi ne volesse per una serata con qualcosa da vedere o da evitare...............

Il sapore del successo è un discreto prodotto USA del 2015.
Il film è incentrato sulla figura di uno chef abilissimo ma dalle passioni e dal carattere autodistruttivo che l'ascesa e il successivo disastro di un rinomatissimo ristorante di Parigi hanno costretto a un lungo e umiliante esilio dalle cucine che contano.
Motore della sceneggiatura è l'ossessione del protagonista di rinascere professionalmente ad altissimo livello conseguendo le famigerate tre stelle Michelin, cercando di trattenere i difetti caratteriali e i minacciosi problemi del passato che lo inseguono.

Il cast è discretamente assortito con nomi di tutto rispetto.
Bradley Cooper risulta un primo attore adatto e più che convincente.
Poco incisiva Sienna Miller nel suo ruolo di co-protagonista (giustamente resa meno glamour di quel che è nella realtà). Daniel Brühl (Good Bye Lenin o il Niki Lauda di Rush, ricordate?), attore che stimo tantissimo, qui appare calzante nel ruolo di giovane maitre mecenate.
Impossibile non rammaricarsi per la brevità del passaggio di Uma Thurman e della così trascurata presenza di Riccardo Scamarcio tra i membri della brigata (ma perché la regia non si è accorta che c'era anche lui?).

Alcuni colpi di scena, rendono lo sviluppo interessante e il film mantiene sempre alta l'attenzione dello spettatore sino alla sua conclusione.
La produzione si è attirata qualche critica per i numerosi stereotipi presenti sul mondo della cucina ma, sebbene alcuni effettivamente siano presenti, come descrivere un mondo prescindendo dalle caratteristiche che esso ha insite in sé?

Consigliato per:
appassionati di cucina (Masterchef, Hell's kitchen ecc. lista ormai infinita...),
amanti di Bradley Cooper,
chi vuole passare la serata con un discreto film.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: