ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 8 gennaio 2017
ultima lettura lunedì 24 settembre 2018

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

La Via del Monaco

di Andreaf97. Letto 337 volte. Dallo scaffale Filosofia

Il lavoro manuale e la fatica tengono lontano l'ozio, che è nemico dell'Anima. La lettura dei Testi e la preghiera sono cibo per lo Spirito e approccio alla conoscenza, del mondo e di Dio. La privazione non deve essere repressione del desiderio,...

Il lavoro manuale e la fatica tengono lontano l'ozio, che è nemico dell'Anima. La lettura dei Testi e la preghiera sono cibo per lo Spirito e approccio alla conoscenza, del mondo e di Dio. La privazione non deve essere repressione del desiderio, della depravazione, dell'attaccamento. Per i malati dei vizi non c'è miglior cura della preghiera,dell'attività manuale o dell'arte.Per Coloro che sono in balìa di vizi e dell'ozio non abbiamo pene corporali o privazioni, in quanto queste aumentano la degenerazione e il distaccamento da Dio. Piuttosto preferiamo lasciarli cadere nella depravazione e condurli alla miseria, in modo che guardandosi allo specchio, possano avere ribrezzo dei loro stessi volti ripugnanti e autosfregiarsi moralmente. Le pene corporali e le privazioni sono riservate per coloro che hanno un'anima forte e solida. Costoro attraverso il dolore e la pena riescono a toccare con mano l'altra dimensione, affacciarsi a Dio, perché loro hanno il dono dell'attenzione, della continuità e di fficilmente si fanno distrarre da pensieri corrotti, nel loro percorso di purificazione dell'anima. Tuttavia non per tutti la strada del dolore è la migliore. La fatica e il lavoro, così come l'arte risultano valide alternative nella ricerca di una continua consapevolezza e coscienza della vita, che ci avvicina a Dio.


Commenti

pubblicato il lunedì 16 gennaio 2017
abisciott1, ha scritto: Io credo che Gesù non voglia le pene corporali, nemmeno ai più viziosi. Per loro, occorre sacrificarci con le virtù, tra cui la misericordia, la costanza e la pazienza. Per uscire dai vizi, sì, occorre la preghiera, ma bisogna chiedere con il cuore che si esca dai vizi.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: