ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 28 dicembre 2016
ultima lettura sabato 17 ottobre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Fischia!

di raraavis. Letto 437 volte. Dallo scaffale Umoristici

                   Fischia! Felicemente fidanzato con una fruttivendola finlandese di nome Fiona, durante le festività, mi affiliai alla Fondazione filantropica dei fanatici delle Fave di Fu...

Fischia!

Felicemente fidanzato con una fruttivendola finlandese di nome Fiona, durante le festività, mi affiliai alla Fondazione filantropica dei fanatici delle Fave di Fuca, fortemente determinato a favorire
una federazione priva di frivolezze, falsità e farraginose fisime fastidiose.
Felice per il fatto mi affrettai a rifornire di fichi e fagioli un fattore di Firenze affetto da febbre falciforme fungina e fermamente contrario alla farmacopea ufficiale nonché fissato
per i film di Fellini e Fassbinder in lingua francese.
Poi, fortemente infastidito per un foruncolo sulla faccia , fidandomi del mio istinto felino e del mio feeling con le fragole in fricassea mi fiondai in una falegnameria di un certo Frescobaldo per farmi fabbricare delle forcine in faggio della Foresta Nera da regalare alla fidanzata francese di mio fratello Franco, finanziere in quel di Fregene e fanatico per i fanghi curativi alla frutta e delle fettine di frisona al finocchietto selvatico. Finalmente felice, fidandomi delle mie forze, mi infrattai con una frivola filippina
vestita in filanca facendo fuoco, fiamme e faville , finendo finalmente
le festività in una fiera della
floricoltura fitotermale tra fiordalisi
fotosensibili , fragili foglie di fico e fatui finocchi farciti col sottofondo di una fisarmonica che suonava"Fiorin fiorello.."
Fischia!



Commenti

pubblicato il mercoledì 28 dicembre 2016
abisciott1, ha scritto: Mi sembra per un tratto, uno di quei racconti di satira di Edgar Poe. Forte!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: