ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 27 dicembre 2016
ultima lettura sabato 7 marzo 2020

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

Signorina...stasera dovrà fare gli straordinari!

di Pippy. Letto 1879 volte. Dallo scaffale Eros

Mentre mi riabbottonavo la camicetta mi annunciò che quella stessa sera avrei dovuto fare gli straordinari. Per straordinari intendeva accompagnarlo ad un' importante cena di lavoro dove avrei dovuto intrattenere la matura moglie dell' amministr.....

Mentre mi riabbottonavo la camicetta mi annunciò che quella stessa sera avrei dovuto fare gli straordinari. Per straordinari intendeva accompagnarlo ad un' importante cena di lavoro dove avrei dovuto intrattenere la matura moglie dell' amministratore delegato di una grossa azienda milanese. Avevo altri impegni per la serata ma, naturalmente, non mi era permesso oppormi. In ogni caso avrei passato una serata tranquilla, mangiando del buon cibo e bevendo dell' ottimo vino. Ammetto che rimasi stupita dalla sua richiesta; a cena con lui, anche se non da soli, mi pareva quasi un premio...io che da lui ero abituata a ricevere solo punizioni e umiliazioni.

Mi elencò con precisione cosa avrei dovuto indossare: -Allora signorina, per quanto riguarda l' abbigliamento non vorrei proprio che sembrasse una sgualdrina...

Quelle parole mi lacerarono. Nei dieci mesi di lavoro allo studio avevo sempre mantenuto una mise decorosa e sobria, come poteva pensare questo di me…

-...la moglie dell' amministratore è una donna molto colta ed elegante...

Rabbrividii. Come avrei potuto sostenere una conversazione con lei? Mi avrebbe subito schiacciata con il peso della sua cultura facendomi apparire goffa ed impacciata. Abbassai lo sguardo sfregandomi le mani contro la gonna.

-...quindi proporrei un abito nero al ginocchio...un abito morbido, che non accentui le forme e...niente scollatura. Vista la stagione non avrà bisogno di indossare le calze. Le scarpe le scelga lei, l' importante è che non superino gli 8 cm di tacco, non dovrà superare l' altezza della sig.ra Corazza. Direi che è tutto. Vada pure. Afferrai la maniglia della porta per uscire, quando mi bloccò facendomi sobbalzare.

-A proposito...per quanto riguarda l' intimo...beh...quello dovrà essere inesistente.

Sbiancai. Conoscevo bene il mio corpo e sapevo che nessun abito avrebbe potuto nascondere i miei capezzoli così prominenti. Protestai.

-Mi scusi dottor Pisani, io proporrei di...

-Signorina, non sto condividendo con lei un pensiero…le sto imponendo un mio volere, ed esigo che venga rispettato. Chiaro?

Feci cenno col capo che avevo capito e imboccai il corridoio che mi avrebbe portata alla mia scrivania. Le ore passarono troppo in fretta e, in men che non si dica, mi ritrovai a casa dinnanzi allo specchio della mia camera ad osservare l’ immagine che rifletteva: l’ abito nero, lo stesso che avevo indossato per il compleanno di mia sorella, mi cadeva morbido sui fianchi, grazie anche ai chili persi negli ultimi dieci mesi.

Come immaginavo i miei capezzoli erano lì, irti, che pareva volessero bucare il tessuto del vestito. Arrossii al pensiero che potessero palesarsi ancora di più durante la serata, magari per un brivido di freddo. Non volli pensarci. Andai in bagno per dedicarmi al trucco e all’ acconciatura. Non avevo ricevuto indicazioni a riguardo, quindi mi sentii libera di annodarmi uno chignon dietro la nuca. Un lucidalabbra color carne esaltava la morbidezza delle mie labbra e un leggero velo di ombretto grigio rendeva lo sguardo seducente.

Aggiunsi un copri spalle beige e uscii di casa. Il dottor Pisani mi attendeva appoggiato all’ auto. Lo raggiunsi barcollante (non indossavo quelle scarpe da un paio d’anni). Non disse nulla e io feci altrettanto. Salimmo in macchina.

Arrivammo in un quarto d’ ora.

Il ristorante era affollato e rumoroso. Il metre ci fece cenno di seguirlo. Piano piano ci allontanammo da quel fragore e ci trovammo in una sala occupata da una sola coppia. Rabbrividii e d’ istinto mi coprii il seno con una mano.

La coppia si alzò sorridente e si avvicinò a noi.

-Dottor Corazza che piacere…

Tese la mano verso l’ uomo .

-Pisani, finalmente ci si incontra! E questa bella signorina…

Pisani si voltò verso di me e afferrandomi per un braccio mi trascinò verso Corazza.

-Si certo…la signorina è una mia fidata collaboratrice.

Mi guardò con bramosia. Porsi la mia mano e lui simulò un inchino.

-Incantato signorina…

Poi fece cenno alla moglie di avvicinarsi. La signora Corazza era una donna molto elegante e seducente, di una bellezza tale che avrebbe eclissato qualsiasi ventenne. “Bella e intelligente”pensai. Il mio disagio cresceva sempre più.

Finalmente ci sedemmo a tavola. Di tutto quello che Pisani diceva non capivo una sola parola. Ogni tanto sorridevo per mascherare la noia. Percepivo lo sguardo su di me della signora Corazza, sembrava studiarmi, indagarmi, sviscerarmi. Sorseggiava il suo vino spostando la testa a destra e sinistra. Ogni tanto sorrideva.

Ad un certo punto si alzò in piedi e afferrandomi un braccio spiazzandomi totalmente, mi fece alzare dalla sedia ed annunciò: -Noi donne andiamo, come si suol dire, ad incipriarci il naso… i vostri discorsi ci annoiano da morire…

Guardai Pisani cercando il suo consenso.

-Ma certo…- si pronunciò-…vada pure signorina!

La donna mi tenne per mano e così arrivammo fino alla toilette. Il locale era spazioso e pulito. Una donna in divisa stava pulendo le ultime gocce dal lavandino. La signora Corazza mi lasciò la mano ed andò verso la donna. La vidi estrarre una banconota da cento euro dalla pochette e porgergliela, poi le sussurrò qualcosa e si allontanò con il suo carrello per le pulizie. Eravamo sole.

-Bene…eccoci qua…la devo chiamare “Signorina” oppure ha un nome proprio?

Arrossii vistosamente.

-No, un nome ce l’ho…mi chiamo Giorgia.

-Bene Giorgia, io sono una donna che non ama perdere tempo, quindi ora ti spiego cosa faremo…

Iniziai ad agitarmi. Il cuore mi batteva forte e mi si chiuse lo stomaco.

-Cerchiamo di chiudere in bellezza la serata…

Si sedette sul piano in marmo vicino al lavandino e divaricò le gambe.

-Avanti Giorgia…vieni qui da me.

Rimasi immobile. Facevo fatica a deglutire.

-Avanti…non fare la santarellina…Pisani mi ha detto che potevo disporre di te a mio piacimento…

Avvampai. Come aveva potuto? Come poteva cedermi così, come merce usata…

Ma mentre imprecavo mentalmente, le mie gambe si muovevano lentamente verso la donna. Quando le fui di fronte con una gamba mi costrinse verso di lei.

-Ecco brava…vedo che hai capito…ora ho una voglia matta di toccare quei grossi capezzoli che ti ritrovi.

Mi sollevò il vestito e me lo sfilò. Rimasi completamente nuda. Posò le sue mani scarne sui miei seni gonfi ed iniziò a massaggiarli. La guardavo estasiata, era davvero bella e mi toccava con una delicatezza a cui non ero abituata. Lasciò un attimo i miei seni e con una mano dietro la nuca mi accompagnò verso la sua bocca: i nostri denti si scontrarono; la sua lingua si fece strada nella mia bocca…era morbida, avvolgente, aveva un buon sapore. Mentre ci baciavamo le sue mani tornarono sul seno ed iniziò a tormentarmi i capezzoli, strizzandomeli e facendoli ruotare tra le dita.

-Mmmmm…notevoli…- gemette.

Inarcai la schiena per permetterle di avere più libertà di movimento.

-…ora sentiamo quanto ti piace…

Detto questo fece scivolare una mano tra le mie cosce e con due dita si insinuò tra le grandi labbra fino a raggiungere la vagina. Scivolò dentro la mia intimità con facilità. Mosse un po’ le dita dentro di me, dopodiché mi assaggiò, portandosele in bocca e succhiandole per bene assaporando i miei umori.

Mi scappò un gemito. Mi guardò maliziosamente.

-Lo sapevo che ti sarebbe piaciuto. Pisani mi aveva avvisata che eri una gran troia.

Avrei dovuto offendermi, ma la verità è che era vero, quella donna mi piaceva, la situazione mi intrigava e…forse ero davvero una troia. I miei umori colavano silenziosi tra le mie cosce e ne erano la prova.

-Bene tesoro…siamo qui per me, non per te…ora tu ti abbasserai e mi farai provare quel piacere che solo una donna sa dare…

Ero nel panico. Non avevo mai avuto rapporti intimi con una donna e non sapevo come comportarmi. L’ imbarazzo era palese.

La signora Corazza si sistemò meglio. Sempre seduta sul marmo divaricò esageratamente le gambe e sollevò la gonna, mettendo in evidenza un sesso completamente depilato.

-Avanti tesorino…sono sicura che sai come si fa…

Mi inginocchiai davanti a lei.

-Ecco, brava…non avere paura.

Gettò la testa all’ indietro e cominciò ad ansimare. Avvicinai il viso al suo sesso che odorava di donna. Vidi un rigolo abbondante uscirle dalla vagina. Mi eccitai tremendamente, tanto che dovetti stringere le cosce. Poggiai la punta della lingua sul rigolo di piacere ed iniziai a leccare per ripulirla, fino a che non infilai la lingua nella sua vagina. Era calda, pulsante. Rimasi un attimo in esplorazione. Era tutto nuovo per me…ed estremamente eccitante. Feci scorrere la lingua fino al clitoride e mi soffermai un po’ a tormentarlo.

-Oh si…sei molto meglio di quel che credevo. Continua ti prego.

Il suo respiro si fece più affannoso. Il bacino sbatteva rumorosamente contro il marmo freddo, chiaro segnale che stava godendo. Timorosa infilai un dito nella sua vagina che ormai era un lago. Ebbe un sussulto.

Non mi bastava. La volevo portare all’ estasi. Infilai altre due dita e cominciai a muoverle dentro e fuori sempre più velocemente. Lei non era più padrona del suo corpo. Si dimenava e contorceva, mentre con la lingua continuavo a stuzzicarle il clitoride. Ad un certo punto estrassi le dita e a sorpresa gliele infilai nel buchino più intimo e inesplorato. Era molto stretto e feci un po’ fatica. Ero fuori di me.

-Oh si…ti prego…non fer – mar- ti, sto per venire…si, continua…

Non volevo che finisse così in fretta, quella donna mi aveva stregata, ma capivo che non poteva più resistere e non sapevo cosa sarebbe potuto accadere se non l’ avessi accontentata subito.

Mi bastò un ultimo affondò deciso e la pressione della lingua contro il suo clitoride per farla esplodere

In un orgasmo oscenamente esagerato. Gridò e si dimenò come una cavalla pazza. Si rimise in piedi sudata e spettinata ed ancora ansimante.

-Mio dio ragazza…se ci sai fare…mi hai sconvolta…

Mi aiutò a rivestirmi sfiorandomi e succhiandomi i capezzoli. Si sistemò i capelli. Poi mi baciò con passione e uscì dalla toilette. Rimasi lì impietrita, cercando di fare il punto della situazione. Tornai al tavolo e mi sedetti al mio posto. Pisani mi guardò per un attimo negli occhi, mentre una mano scivolava sotto il tavolo e da lì diretto tra le mie cosce calde. Cominciò a massaggiarmi il sesso scoperto e si accorse dei miei abbondanti umori che lo lubrificavano. Mi sorrise e mi sussurrò:

-Molto bene signorina, molto bene….



Commenti

pubblicato il mercoledì 28 dicembre 2016
abisciott1, ha scritto: Meraviglioso. I capezzoli grossi... Belli e erotici. Anche tutta la scena erotica fra le due donne.
pubblicato il giovedì 29 dicembre 2016
NoiSiamo, ha scritto: ciao pippy, brava, hai fatto di nuovo centro, molto bello.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: