ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 8 dicembre 2016
ultima lettura giovedì 16 maggio 2019

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

TRADIRE PER NOIA.

di sempretibet. Letto 1409 volte. Dallo scaffale Eros

Vuole giocare. Prende la crema solare e comincia a passarsela sulle gambe, quando arriva all'interno delle cosce, sposta a lato il fondo dello slip, si distende sulla schiena e apre le cosce...


Si annoia.
Butta il giornale sul pavimento.
Guarda verso il compagno sdraiato sul lettino accanto, dorme.

Normale, è capace di dormire anche sui sassi!
Sono le prime ore del pomeriggio e la piscina è deserta a parte loro due.
Pigramente guarda in giro, un inserviente dell’hotel sta attendendo improbabili clienti dietro il banco del bar.
La sta guardando.
Lei ricambia lo sguardo.
Però! Da quello che si vede e cioè dalla vita in su, è un gran bel ragazzo, pelle ambrata, capelli ricci, spalle larghe.
Le viene voglia di giocarci un po’.
Facendo finta di sistemarsi le coppe del reggiseno, le abbassa e per qualche attimo mette in mostra i capezzoli e le areole scure.
Il ragazzo attiva la sua attenzione, ora il suo sguardo è calamitato su di lei.
Si, questo le piace, la fa sentire viva.
Vuole giocare.
Prende la crema solare e comincia a passarsela sulle gambe, quando arriva all’interno delle cosce, sposta a lato il fondo dello slip, si distende sulla schiena e apre le cosce.
Sente lo sguardo del giovane accarezzarla fra le gambe, lo scruta fra le lunghe ciglia socchiuse, si, la sta guardando, subito sente la vagina che si bagna, che si prepara per un eventuale visitatore.
Le sembra che lo sguardo l’accarezzi come un soffio di aria calda, il clitoride le si inturgidisce, non resiste alla tentazione di toccarsi, finge di sistemare il costume e invece si tocca, poi… è ormai senza alcun pudore, si porta la mano alla bocca, si lecca le dita.
Ormai il gioco è lanciato, ogni suo gesto è inteso per provocare, riporta la mano fra le cosce, nuovamente alla bocca.
Il ragazzo ha gli occhi fuori dalla testa, con una mano si appoggia al bancone, l’altra è al basso ventre.
Lei si guarda in giro, niente si muove, guarda l’uomo disteso al suo fianco.
Si alza e ancheggiando si dirige verso i servizi della piscina, una costruzione a pochi metri di distanza, sulla soglia si volta e guarda il ragazzo, aggancia il suo sguardo, lo invita.
Entra, apre la porta del gabinetto, attende, pochi attimi e il ragazzo arriva, una ultima occhiata circolare per verificare che nessuno li veda, chiudono la porta, lo spazio è ristretto, il wc, il piccolo lavabo, loro due stretti uno all’altra.
Lei lo spoglia, a fatica gli toglie la giacchetta di servizio, gli accarezza il petto glabro e muscoloso, le spalle robuste, passa la bocca sui capezzoli, le mani slacciano la cinta e fanno cadere a terra i calzoni, non porta biancheria e il lungo pene scatta verso l’alto, le sue mani lo catturano, lo saggiano per tutta la sua lunghezza che è considerevole, raggiungono la sacca dello scroto, nero e rugoso, studiano nuovamente il pene, la pelle nera del prepuzio copre quasi completamente il glande, con decisione prende a tirarla sull’asta innervata e con grosse venature in rilievo, la cappella chiara si rivela mentre il prepuzio la lascia, la corona della cappella è in rilievo come un ricamo, poi la ricopre poi la scopre, più volte, il ragazzo tiene la testa piegata all’indietro, è tutto teso come la corda di un violino, lei a fatica si inginocchia e sempre tenendolo con le mani sulla base dell’asta, avvicina la sua bocca, scopre completamente la cappella e la bacia, passa la lingua sulla corona e sul frenulo, lo fa sobbalzare, lo bagna e prova ad introdurselo nella bocca calda e bagnata di saliva, il ballo ha inizio, la testa velocemente va avanti e indietro, il ragazzo si appoggia alla parete, le mani tese contro il muro.
Ma non lo fa venire così, ha altri propositi, si rialza, il locale è angusto e quando si muove lo fa strusciandosi contro il corpo del ragazzo, si gira, in qualche maniera riesce a poggiare il busto al lavabo, le mani abbassano lo slip, un piede lo scalcia da parte, allunga la mano dietro di se e lo trova, se lo strofina prima sulla vagina, poi fra i glutei, poi nuovamente sulla vagina, lo punta e lo invita, lo guida con la mano e sente la pelle del prepuzio ritirarsi man mano il pene entra nella vagina, il ragazzo prende l’iniziativa, la penetra con forza, quando la cima dell’asta di carne la penetra completamente, lei emette un sospiro di piacere, il movimento ora è regolare, lui spinge con forza, il corpo di lei sobbalza sotto i colpi, ha preso a mugolare, quasi un lamento, ha prima un breve orgasmo, seguito quasi subito da un piacere forte, squassante che la lascia stordita, che continua a lungo, sente dentro di se le contrazioni del pene, ed è ancora in grado di dire…
…No no, non dentro…
Con la mano dietro di se, allontana il corpo del ragazzo e gli prende la verga che ha lasciato la sua vagina, si passa la cappella fra le natiche, sul buchino, lo masturba, e sente sotto la mano il seme sprizzare fuori con forza, tre, quattro getti che le ricoprono le natiche e la schiena.
Ora ha fretta, raccoglie lo slip, apre la porta, controlla che non ci sia nessuno in giro, si riveste, esce e si butta in piscina.
Rimane nell’acqua fino a quando la respirazione le ritorna normale, poi esce e raggiunge il lettino.
Si distende, allunga un braccio e scuote il compagno.
…Caro, ho una sete... prendimi una coca con ghiaccio…
Neppure uno sguardo verso il bancone del bar dove il ragazzo ha ripreso servizio.
Sospira e chiude gli occhi.

T.
by
sempretibet.blogspot.it


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: