ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 4 dicembre 2016
ultima lettura sabato 21 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

La grande unica vibrazione

di carmenmayaposta. Letto 446 volte. Dallo scaffale Filosofia

  https://www.facebook.com/carmenmayaposta/https://carmenmayaposta.wordpress.com/2016/09/30/la-grande-unica-vibrazione-della-materia/  LA GRANDE UNICA VIBRAZIONE  Vi è un concetto molto semplice che vede coinvolta t...

https://www.facebook.com/carmenmayaposta/

https://carmenmayaposta.wordpress.com/2016/09/30/la-grande-unica-vibrazione-della-materia/

LA GRANDE UNICA VIBRAZIONE

Vi è un concetto molto semplice che vede coinvolta tutta la materia, ed è cioè che tutti gli elettroni di un atomo quando vengono a contatto con gli elettroni di un altro atomo vi rimangono ‘connessi’ per lungo tempo, se non per sempre. Questo è spiegabile in termini scientifici attraverso una delle caratteristiche fondamentali della materia, uno dei numeri quantici (ms) che descrive lo spin dell’asse degli elettroni. Come forse già saprete, quando un elettrone muta il suo senso di spin così fa anche l’altro elettrone, anche a grandi distanze. Come se fossero sempre collegati indipendentemente dallo spazio che li separa.

Sappiamo che ciò che il nostro mondo sensoriale percepisce come materia è tale “solo” perché dentro agli atomi vi sono delle particelle ancora più piccole che la scienza definisce quark, all’interno di questi esistono delle strutture che mi piace immaginare come delle tasche che vibrano, aprendosi e chiudendosi, ad una certa frequenza. La vibrazione si scontra/incontra con le mie di frequenze, così la struttura molecolare ‘reagisce’ (oppure noi reagiamo ad essa), facendo sì che io percepisca la materia così come è con il nostro limitato spettro dei sensi.

Riflettevo inoltre, si ora arrivo al punto, sul fatto che la grande divisione che delineiamo alla nascita mio/non mio.

Questo corpo che possiedo delinea ciò che è dentro e ciò che è fuori di me, ma esiste veramente questa divisione? In fin dei conti è solo una frontiera che noi abbiamo costruito per spiegare meglio le cose, ma allo stesso tempo limita la nostra comprensione; tant’è che i concetti della fisica dagli anni 20 in poi hanno abolito queste divisioni vedendo la materia come un tutt’uno universale, ma nell’applicazione quotidiana mentale e fisica continuiamo a dividere costantemente le cose in due poli, ma i poli delle cose non possono essere scissi, ossia non esiste bene senza male, non esiste tempo senza spazio e viceversa quindi non sono forse la stessa cosa?

La materia è “semplicemente” vibrazione, tutto il resto sono costruzioni della realtà.

Come è composta una vibrazione?

E’ un onda quindi ha il suo seno e la sua cresta (di nuovo una dualità)
Se fosse tutto una grande unica vibrazione? Ogni cosa ha il suo seno e la sua cresta, ognuno di noi, ogni oggetto, tutto si ricollega a frequenze coinvolte in una sola onda.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: