ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.533 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 48.910.437 volte e commentati 55.652 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 2 dicembre 2016
ultima lettura domenica 24 giugno 2018

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Alla scoperta di se stessi - Il prezzo della libertà (Parte 4)

di edo17bosio. Letto 244 volte. Dallo scaffale Pensieri

Mi stavo ancora scrutando nello specchio, dissolto nei più profondi meandri della mia mente, perso in quell’immenso groviglio di pensieri che si manifestano non solo nella psiche dell’individuo, ma anche attraverso il suo sguardo. Lo.......

Mi stavo ancora scrutando nello specchio, dissolto nei più profondi meandri della mia mente, perso in quell’immenso groviglio di pensieri che si manifestano non solo nella psiche dell’individuo, ma anche attraverso il suo sguardo. Lo sguardo di chi sa, ma che vorrebbe tenere nascosto, tuttavia si incontrerà sempre qualcuno con il dono, colui che saprà decifrare il codice e leggere così nel profondo dell’anima, proprio come un esploratore che deve saper interpretare una mappa e trovare così il tesoro nascosto per riportarlo alla luce.
Durante tutte queste considerazioni, si svegliò anche il gatto, quasi come se il rumore dei miei pensieri lo avesse destato dal torpore e così il suo dolce miagolio che reclamava la colazione, mi riportò al mio dovere di maggiordomo verso l’animale.
Ah i gatti! Così enigmatici ed eleganti, ma allo stesso tempo così ruffiani e permalosi. Non si vergognano mai di se stessi, anzi, sempre fieri e orgogliosi sia nel bene che nel male, conducono la loro vita nella più assoluta spontaneità. Ciò che amo di più dei gatti è proprio il loro senso di libertà e indipendenza. Insomma, non sono come i cani, che sottomessi ai padroni, obbediscono ad ogni ordine impartitogli solo perchè vogliono il biscotto come premio. I gatti non si umilierebbero mai in questo modo nemmeno per un trancio di salmone fresco. Loro fanno ciò che vogliono e quando lo vogliono. Sembra quasi che non capiscono ciò che gli viene detto, ma la verità è che capiscono benissimo, solo che non si possono comandare ed è per questo che molti preferiscono i cani. In fondo l’essere umano sembra essere stato sempre incline a voler sottomettere la natura e gli altri esseri viventi per sentirsi importante e soddisfare così quella brama di potere.
Penso che chi impari a restare da solo e ad amare questa condizione, ottenga anche una maggiore libertà. Proprio come successe a me dopo la mia esperienza come cassiere nel fast food…


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: