ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 30 novembre 2016
ultima lettura martedì 27 ottobre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Presentazione del nuovo romanzo di Ellen Rossi Stuart - Sabato 3 dicembre 2016

di Terresommerse. Letto 388 volte. Dallo scaffale Epistole

v\:* {behavior:url(#default#VML);} o\:* {behavior:url(#default#VML);} w\:* {behavior:url(#default#VML);} .shape {behavior:url(#default#VML);} Normal.dotm 0 0 1 358 2045 terre sommerse group 17 4 2511 12.0 ...

Presentazione

Fate finta di piangere perché io morirò per finta

il nuovo libro di Ellen Rossi Stuart

SABATO 3 DICEMBRE

Ore 17.30

Presso

LIBRERIA KOOB

Via Luigi Poletti, 2 – Roma

Presenta Niccolò Carosi

Con letture affidate alla voce di Loretta Rossi Stuart

L'ex modella e madre del noto attore Kim ripercorre attraverso la sua prima opera, in forma di lettera aperta ai figli, il vissuto e i retroscena di una famiglia di artisti, lungo il filo di una narrazione romanzata profonda e sincera.

Ellen Rossi Stuart, per il proprio esordio letterario sceglie una formula atipica, sopra le righe, sintomo di un vissuto anch’esso fuori dall’ordinario e di un’appartenenza familiare profondamente legata alla straordinarietà dell’arte. Una lettera aperta ai figli dunque, che ripercorre, con la voce dei sentimenti, una storia di affetti, di aspirazioni, di sacrifici, vissuta in prima persona e nella quale tutti possono riconoscersi. L’autrice mette a nudo le fragilità che sono parte di ognuno di noi e che ne fanno anche ricchezza.

?Ellen Rossi Stuart nasce in Olanda nel 1941 ma presto si trasferisce in Italia, innamorandosi del paese, dell'amore e del sole. Sfila per grandi stilisti e sposa il noto attore Giacomo Rossi Stuart, dal quale avrà quattro figli: Ombretta, Loretta, Kim e Valentina. La sua vena artistica si esprime con successo nella pittura e trova un canale di comunicazione altrettanto naif ma profondo in questa sua prima opera letteraria, che nasce come lettera aperta ai suoi quattro figli. Una testimonianza di amore materno pregna di introspezione e immagini storico culturali molto avvincenti, che non ha altra pretesa se non quella di dipingere con le parole il quadro sofferto e goduto della sua vita.

“Volevo conoscerla in tutti i suoi aspetti, in tutti e a dispetto di tutti. Sentivo che la vita fugge troppo in fretta, volevo milioni di momenti belli, non potevo aspettare a lungo. Mai. Ricordo momenti di grande gioia e di grande disperazione. Soffrivo molto più di Giacomo. Lui aveva voi e dunque aveva tutto, era facile soffrire meno di me, lui era così perfetto. Cosa sarebbe successo invece! Mi feci sfuggire l’amore, lasciai sfuggire la vita. Voi non fatelo mai!”.

--

Resp. Ufficio Stampa Terre Sommerse
Cristiano Furnari
--
Cell. 3400669312
Mail:
ufficiostampa@terresommerse.it

Produzioni e catalogo:
www.terresommerse.it



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: