ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 10 novembre 2016
ultima lettura lunedì 21 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Cambridge College ||Il mistero del professor Salvatore||

di emywolfers. Letto 360 volte. Dallo scaffale Fantasia

11 Settembre 2014 Tutto iniziò quel giorno. Emanuela si era appena trasferita a Cambridge per il college, pur avendo avuto una vita al quanto difficile e monotona al liceo. Nuova scuola equivale a nuova vita, questo è il detto per la protagonista..

Finalmente sono al primo anno del college al King's College a Cambridge. L'istituto si trova nel pieno centro di Cambridge. Ha diversi edifici che ospitano numerose aule luminose e spaziose, dispone di sale multimediali, sala computer, laboratorio linguistico, accesso libero ad Internet wi-fi. A disposizione degli studenti sala comune per il relax ed il tempo libero e giardino. Al termine delle lezioni lo staff della scuola propone un programma di attività ricreative pomeridiane e serali, alcune incluse, altre facoltative. Ha una vista stupenda del fiume Cam, alberi che circondano l'istituto e un piccolo chiosco in fondo a destra. Entro dentro l'istituto e mi dirigo verso la segreteria per iscrivermi ai corsi.
-Buongiorno, sono Emanuela Jackson. Sono venuta a iscrivermi ai corsi.-
-Si certo, compila pure questo questionario con i suoi dati.-
-La ringrazio.-
Prendo il questionario con una penna e mi siedo nelle sedie difronte alla segretaria per compilarlo. Vicino a me c'è una ragazza che sta compilando il questionario, deve essere anche lei una matricola come me. Compilo silenziosamente tutte le domande e mi iscrivo al corso di Chimica, Matematica e informatica. Mi alzo e consegno il questionario alla segretaria, lo legge per poi darmi un foglio
-Questi sono i suoi orari, mentre questa è la chiave della sua stanza. La condividerà con altre due ragazze che sono già dentro a disfare le proprie valigie.- Dice porgendomi la chiave con il portachiavi dal numero diciotto
-D'accordo, la ringrazio. Arrivederci.-
Prendo la mia valigia e il mio borsone e vado alla ricerca della stanza numero diciotto.Salgo le spaziose e larghe scale a chiocciola che porta alle stanze del dormitorio e vedo a sinistra la mia stanza. C'è un cartello con scritto Anne e Mary, saranno le ragazze con cui condivido la stanza. Busso e dopo aver sentito un avanti abbasso la maniglia e apro la porta. Le due ragazze, Anne e Mary, si stanno allacciando i lacci delle scarpe.
-Ciao, tu sei Emanuela Jackson giusto?-Mi chiede la bionda
-Si, piacere.- Dico sorridendo
-Allora, io sono Anne e lei è Mary.- Dice indicando la ragazza dai capelli blu
-Hai preferenze per il letto?- Dice Mary
-No, voi avete già scelto il vostro?-
-Si, il mio è questo vicino alla porta, quello di Anne è quello vicino al quadro e il tuo quello difronte alla finestra.-
-D'accordo, adoro avere il letto vicino alla finestra, di sera si può ammirare la luna riflettente e le stelle.-
Mi guardano stranite
-Scusate non voglio sembrare matta ma adoro guardare le stelle e la luna di notte.-
-Anch'io l'adoro.- Dice Anne
-Allora perché non hai scelto tu il letto vicino alla finestra?-
-Perché odio la luce del mattino.- Dice con un ghigno. Io e Mary ridiamo
-Noi stiamo andando alle cerimonie delle varie confraternite, ti unisci a noi?-
-D'accordo, posso prima cambiarmi? Ho caldo con questa felpa.-
-Si certo.-
Metto la valigia e il borsone sopra il letto e li apro.Mi tolgo la felpa e metto una maglietta a canottiera bianca con i pantaloncini color salmone
-Sono pronta!-
-I ragazzi ci stanno aspettando.- Dice urlando Mary una volta uscita dalla stanza. Ci sono molte ragazze che escono dalle proprie stanze e scendono le scale
-Sembra che escano dai film dell'orrore. Avete visto come si sono vestite quelle ragazze?- Dice Anne. Rimango un po sorpresa dal suo commento.
-Scusala, è fissata con la moda.- Dice Mary
-La moda dominerà il mondo!-
-Si Anne, ma prima che fantastichi di nuovo andiamo che è meglio.-
Rido e scendiamo le scale.
-Prima andiamo a vedere la confraternita delle Kappa, vieni con noi o poi resti alla festa delle Kappa?-
-No no, vengo con voi. Non mi fido a rimanere da sola in una festa.-
-Perché.- Dice ridendo Anne
-Perché, pur di non sembrare associale, mi butto sull'alcool.- Ridono
-Allora è meglio che vieni con noi.-
Sorrido e insieme entriamo nell'edificio delle Kappa. Delle ragazze canterine ci aprono la porta e ci fanno andare dove erano riunite tutte le Kappa anziane e le matricole.La musica si sentiva anche all'entrata.
-Siete venute per sapere di più su questa confraternita o avete già deciso di venire da noi?- Dice una rossa spilungona.
-Siamo venute a informarci.- Dico
-D'accordo, allora buona festa.- Dice sorridendo forzatamente
La sorpassiamo ed entriamo nella sala dov'è la festa.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: