ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 6 novembre 2016
ultima lettura giovedì 11 luglio 2019

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

Sabato mattina

di Pippy. Letto 1459 volte. Dallo scaffale Eros

Messaggio. - Ciao, ci sei?- - Ciao, si, eccomi....- - Riesci a passare?- - Si, 10.30 va bene?- - Perfetto, a dopo- Doccia veloce, una nebulizzata di profumo qua e là. Vediamo un po': gonnellina nera larga, maglioncino beige. Trucco leggero, si i.......

Messaggio.

- Ciao, ci sei?-

- Ciao, si, eccomi....-

- Riesci a passare?-

- Si, 10.30 va bene?-

- Perfetto, a dopo-

Doccia veloce, una nebulizzata di profumo qua e là. Vediamo un po': gonnellina nera larga, maglioncino beige. Trucco leggero, si incrocia molta gente di mattina, voglio passare inosservata. Arrivo alle 10.30 precise, suono il campanello. Il portoncino si apre. Salgo le scale scavalcando il cane che dorme tranquillo al terzo gradino. La porta è socchiusa. Entro. Lui è in cucina col cellulare in mano: - Chiudi bene la porta!- grida. Faccio un giro di chiave. Mi levo gli stivali e li lascio vicino all'ingresso. Mi raggiunge, mi prende la mano , mi trascina in camera da letto e chiude la porta: - Qui staremo più caldi...ho acceso la stufetta elettrica...-

Si stende sul letto con le braccia incrociate dietro la nuca e aspetta. Mi siedo accanto a lui.

- Ho le mani ghiacciate....- gli comunico.

- Scaldatele...

Le appoggio verso l' aria calda della stufetta e mentre mi scaldo aggiungo:

- Sai che sono delusa?

- Perché?- mi chiede.

- Ho ricevuto una critica per il mio ultimo racconto....

- Bene, le critiche aiutano a migliorare...

- Si....lo penso anch'io, ma in questo caso non l'ho trovata corretta...

- Ma si....non ti preoccupare....allora? Le hai scaldate queste mani?

- No-

Mi arriva una sonora sculacciata.

- Avanti....spogliami....sai già cosa voglio, vero?-

-Si...lo so...

- Allora dillo....- insiste.

- Mmmm.... vuoi che ti lecchi...

- Brava...e cosa mi devi leccare?

- Il culo...

- Sii più precisa - ribatte.

Lo sa benissimo quanto mi imbarazzo ad usare termini così espliciti, e gode a vedere il mio viso che si arrossa. Lo accontento: - Vuoi che ti lecchi ....il buco del culo....- ecco, l'ho detto.

- Brava...ora mi volto di fianco...-

Si volta. Mi da la schiena. Mi abbasso ed inizio a leccare. Spingo la lingua in profondità. Lo sento gemere forte, gli piace proprio e io lo faccio molto bene. Intanto si masturba. Sta quasi per venire, allora si ferma, si volta. Mi ordina di togliermi gonna, calze e mutandine. Lo faccio molto lentamente per aumentare il suo desiderio. Sono in piedi e gli do le spalle. Quando levo gli slip mi chino esageratamente. Il mio sesso è praticamente davanti al suo viso. Lo sta guardando, esaminando...ma non lo tocca. Mi ordina di sedermi su di lui.

- No...- lo provoco.

Mi arriva uno schiaffo in pieno volto.- Cosa hai detto?

- Ho detto no....- mi faccio coraggio.

Mi arriva un altro schiaffo, più forte. Mi porto una mano sulla guancia.

- Togli quella mano....

La levo. Altri quattro schiaffi arrivano come schegge. Il bruciore è intenso.

- Ti ho fatto male?- mi chiede.

- Si- rispondo massaggiandomi il viso.

- Beh...non me ne frega un cazzo! Adesso ti voglio sopra di me....

Ubbidisco. La mia vagina è a contatto con il suo membro di marmo. Mi ci strofino bene, muovo i fianchi avanti e indietro, li ruoto. Lui mi fa sollevare leggermente e mi penetra profondamente. Un incastro perfetto. Sento le sue unghie che affondano sulla carne delle mie natiche. Me le allarga bene....vuole vedere il mio buchino sullo specchio dell' armadio alle mie spalle.

Io contraggo il mio piccolo orifizio. Contraggo e rilascio, contraggo e rilascio....e' un invito. Mi spinge via con violenza e mi mette a pancia in giù, mi fa sollevare solo il sedere.

- Brava...cosi' ......piu' su questo culo...e allarga bene le gambe...-

Ubbidisco. Poi mi mette tre dita in bocca e mi ordina: - Succhiale bene, ti conviene....perche' puoi immaginare dove finiranno...vedrai come riduco il tuo buchino, non ti siederai più per una settimana.

Le succhio bene ruotando la lingua. Poi le sento affondare dentro di me. Spingono, escono, rientrano, le sento muoversi dentro. Mi prende i polsi e me li lega con una cinghia dietro la schiena. E lasciandomi in quella posizione mi penetra il culo e con due dita la vagina.

- Ma quanto ti piace prenderlo nel culo? Sei un lago...-

Effettivamente mi piace. Sento l' orgasmo alle porte. Vorrei controllarmi, ma gli impulsi del mio corpo sono più forti della mente. Mi lascio andare e grido. Lui prontamente mi tappa la bocca facendomi succhiare le sue dita intrise dei miei umori. E io succhio, mi assaggio, mi assaporo, mi godo. Poi viene anche lui, mentre fatico a reggermi sulle gambe.

Mi vesto in fretta. Lui anche. Poi come al solito mi dice: - Esci prima tu...tra dieci minuti esco io-

Scendo le scale in fretta. Scavalco il cane del terzo gradino e salgo in macchina. L' odore del sesso appena consumato è forte, ne respiro ogni singola particella. Poi metto in moto e parto.



Commenti

pubblicato il domenica 6 novembre 2016
abisciott1, ha scritto: Il culo ha sempre il suo fascino e tu l'hai descritto meravigliosamente.
pubblicato il domenica 6 novembre 2016
Pippy, ha scritto: Grazie :-)

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: