ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 7.708 ewriters e abbiamo pubblicato 68.911 lavori, che sono stati letti 42.452.218 volte e commentati 53.440 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 6 novembre 2016
ultima lettura giovedì 23 marzo 2017

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Prima parte, considerazioni sul Terzo Reich.

di Diegof. Letto 129 volte. Dallo scaffale Storia

La storia la scrivono i vincitori naturalmente, parlare male di Hitler è come aggiungere acqua al lago di Garda. Forse non si conoscono i retroscena a causa del fatto che la intelligence angloamericana ha impostato i rendiconti storici come piu ...

La storia la scrivono i vincitori naturalmente, parlare male di Hitler è come aggiungere acqua al lago di Garda. Forse non si conoscono i retroscena a causa del fatto che la intelligence angloamericana ha impostato i rendiconti storici come piu riteneva conveniente. La guerra pare universalmente risaputo che la ha causata la Germania, ma questa è una forzatura maligna; già nel '33 viaggiava nei tabloid occidentali la propaganda di distruggere la Germania...ma perché questo, ? Perché aveva rapporti commerciali e di baratto con alcuni paesi del Sud-America come la Argentina il Venezuela Paraguai e Bolivia, ma senza passare per le super-banche sioniste come la Federal-Reserve o la Bank of America e altre.

Ufficialmente non si poteva dichiarare guerra ai tedeschi e cosi si è agito in modo di portare la crisi al livello di rottura, aizzando i polacchi a perseguitare e massacrare i cittadini di etnia tedesca nel corridoio di Danzica e nei territori ex-tedeschi che erano andati perduti e passati alla Polonia dopo la fine della Prima Guerra Mondiali a seguito della quale la Germania risultava sconfitta. Le condizioni pesanti imposte dagli angloamericani erano insostenibili per i tedeschi e in quel frangente è apparso il carismatico Adolf che a seguito di peripezie inenarrabili era riuscito a raddrizzare il suo paese, nonostante i pesanti tributi di guerra.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: