ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 6 novembre 2016
ultima lettura sabato 5 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Prima parte, considerazioni sul Terzo Reich.

di Diegof. Letto 326 volte. Dallo scaffale Storia

La storia la scrivono i vincitori naturalmente, parlare male di Hitler è come aggiungere acqua al lago di Garda. Forse non si conoscono i retroscena a causa del fatto che la intelligence angloamericana ha impostato i rendiconti storici come piu ...

La storia la scrivono i vincitori naturalmente, parlare male di Hitler è come aggiungere acqua al lago di Garda. Forse non si conoscono i retroscena a causa del fatto che la intelligence angloamericana ha impostato i rendiconti storici come piu riteneva conveniente. La guerra pare universalmente risaputo che la ha causata la Germania, ma questa è una forzatura maligna; già nel '33 viaggiava nei tabloid occidentali la propaganda di distruggere la Germania...ma perché questo, ? Perché aveva rapporti commerciali e di baratto con alcuni paesi del Sud-America come la Argentina il Venezuela Paraguai e Bolivia, ma senza passare per le super-banche sioniste come la Federal-Reserve o la Bank of America e altre.

Ufficialmente non si poteva dichiarare guerra ai tedeschi e cosi si è agito in modo di portare la crisi al livello di rottura, aizzando i polacchi a perseguitare e massacrare i cittadini di etnia tedesca nel corridoio di Danzica e nei territori ex-tedeschi che erano andati perduti e passati alla Polonia dopo la fine della Prima Guerra Mondiali a seguito della quale la Germania risultava sconfitta. Le condizioni pesanti imposte dagli angloamericani erano insostenibili per i tedeschi e in quel frangente è apparso il carismatico Adolf che a seguito di peripezie inenarrabili era riuscito a raddrizzare il suo paese, nonostante i pesanti tributi di guerra.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: