ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 6 novembre 2016
ultima lettura mercoledì 22 maggio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

LONDRA - 6 NOVEMBRE 2016 -

di ljubarosler. Letto 355 volte. Dallo scaffale Pensieri

Aria tersa . Vento inquieto scivola tra i rami degli alberi che di giorno in giorno si vanno facendo sempre più spogli di foglie . Aroma di bosco inumidito dalla pioggia novembrina . Esperienze insolite , straordinarie lasciano impressioni profo...

Aria tersa . Vento inquieto scivola tra i rami degli alberi che di giorno in giorno si vanno facendo sempre più spogli di foglie . Aroma di bosco inumidito dalla pioggia novembrina . Esperienze insolite , straordinarie lasciano impressioni profonde . Un magico sentore di festa nell'aria . Decori vegetali invadono le cucine , l'atmosfera delle case si fa morbidamente raccolta , più intima . Dai lampioni dei viali iniziano a gocciolare sui passanti le prime sfere luccicanti di porporina rossa . Qualche portoncino di ingresso già mostra coroncine lussureggianti di rami di abete e fiocchi tartan . Negli store di Oxford Street è ufficialmente iniziata la caccia alle candele rosse che in questi primi giorni di novembre sono in saldo . Ma per me il Natale è fatto di candele bianche e quelle non vanno mai in saldo .... ahimè .... !!! Osservando gli addobbi natalizi in vendita negli store che fanno tendenza qui a Londra , direi che gli orsacchiotti saranno il tema dominante di questo Natale 2016 che , saltellando gioioso tra ghirlande di cuori rosso ciliegia e alzatine di biscotti allo zenzero , dolcemente si avvicina per riportarci nel mondo delle sedie di paglia intrecciata che via-via vengono aggiunte al tavolo della cena per fare posto agli amici inaspettati . Adoro il profumo degli abeti e la confusione dei mercati che vendono alberi naturali , quelli che profumano di resina . Scelgo sempre abeti in vaso ma , quelli con il vaso grande , ingombrante , pesante , perchè questi hanno radici vere e , per non far soffrire la pianta che portata dentro casa rallegrerà i nostri giorni di inverno , è sufficiente versare cubetti di ghiaccio sulla terra del vaso due volte al giorno , mattina e sera . Poi , trascorsi i giorni del Natale , è possibile spostare l'abete in giardino pur lasciandolo nel vaso e continuerà ad accompagnarci di Natale in Natale per molti anni oppure ci si accorda con il garden che passerà a ritirare la pianta. Ser Alberigo è il nostro abete natalizio , ormai da sei anni . Lo acquistammo in un fornitissimo garden di Chelsea . Una pianta giovane , allora alta solo un metro e sessanta , con vaso spazioso e radici sane . Ora , ha raggiunto la affascinante altezza di un metro e settantacinque ed è stupendo . Ad ogni primavera adorna i suoi rami di gemmoline di un bel verde tenue che poi rafforzandosi durante la stagione estiva si vanno facendo nuovi rami per sostenere gli addobbi natalizi . Ser Alberigo è un abete norvegese . Mi piace perchè i suoi aghi non pungono , risultano morbidi al tatto ed è facile addobbarlo con cura inserendo le luci in profondità tra il folto dei rami in modo che guardandolo non si notino i fili elettrici che peraltro noi non usiamo per Ser Alberigo . Mi occupo di ricerca e , ho studiato che il passaggio di energia elettrica crea uno shock agli abeti natalizi così , per addobbare Ser Alberigo noi usiamo lucine alimentate da pile . Meno forti della elettricità ed ugualmente luminose . Basta sostituire le pile ogni quindici giorni . Lucine piccolissime dai riflessi blandamente dorati , nascoste tra il folto dei rami ... Ser Alberigo le sopporta bene ... ne è felice ... e poi , ghiaccio , tanto ghiaccio ogni giorno ... ! Tempo fa' ... molti anni fa' ... io , bimba undicenne che aspirava ad essere adulta consapevole (... purtroppo per la mia mamma ...) dissi a mamma che consideravo immorale uccidere degli abeti per il solo vezzo di addobbarli per il Natale . La mia buffa mamma , sempre sorridente , con dolcezza mi spiegò che gli abeti natalizi venivano allevati come si fa per le patate . E , mi chiese " - Tu pulcino ti senti in colpa quando mangi il purè di patate ??? " -
- " NOOO ", risposi io , il pulcino !!! -
- " Ebbene pulcino mio , è la stessa cosa ma , se può farti sentire meglio , quest'anno noi acquisteremo un abete in vaso , con tanto di radici e tu , pulcino adorato , ti occuperai di lui . Gli assegnerai un nome e seguirai le indicazioni che ti verranno date al garden per fare in modo che l'abete ci accompagni il più a lungo possibile ... " -
Iniziò qui , da quel lontano Natale del 1986 il mio amore per gli abeti norvegesi in vaso . Adoro i loro riflessi verdi tendenti all'argenteo , gli aghi morbidi come frange di velluto , la facilità con cui possono essere addobbati ... alla fine ... non servirebbero neppure le lucine tanto sono belli ... qualche fiocco rosso ed una decina di sfere trasparenti come bolle di sapone sarebbero sufficienti ! Ma , io , anzi noi ... non sappiamo resistere alla bellezza dei tanti addobbi natalizi che , dal 10 agosto , gli store di Londra riversano nel nostro immaginario . Troppo belli !!! Ed ecco che le sfere di ultima generazione vanno ad aggiungersi agli addobbi dell'anno precedente e poi , le mie preferite ... le vecchie sfere natalizie mercurizzate , quelle soffiate a "fiato" che in questi giorni che precedono il Natale escono dalle soffitte ed invadono l'affascinante mercato di Camden Town ... quasi tutti gli addobbi di Ser Alberigo sono vintage . E , a lui piacciono molto poi , con il susseguirsi dei giorni eccolo addobbarsi di biscotti profumati di zenzero e cannella sostenuti ai rami da piccoli fiocchi rossi ... un tocco di colore nel bianco quasi totale del nostro Natale . Una cassapanca bassa davanti al camino . Nastrini di impalpabile organza per sostenere gli addobbi che dondolano dal lampadario . Un ambiente di fotofore luccicanti . Perchè il Natale non è fatto solo da un determinato periodo spazio temporale ma dalle atmosfere che riusciamo a creare ... è profumo di gioia e condivisione . Molte cose è il Natale . Una vecchia botte trovata nella magia del mercato dell'week end a Greenwich che si fa incantevole tavolino di appoggio nel patio del cottage per accogliere gli amici con una coppa di bollicine e , trionfi di lamponi , rossi come le antiche leggende natalizie . Natale è l'atmosfera che si respira . La mia casa è la casa degli altri perchè i miei ospiti devono stare comodi . E poi , Londra è la città dei sogni . Tutto può accadere a Londra . Una melodia scivola sui giardini dei cottage ... pianoforte a quattro mani ... Drusilla e Violet si esercitano al piano ...la melodia dei Carrolls si mischia al vento sferzante dell'oceano stamane ... qui , in Honey Garden Mews , ora ...

(Dal diario di Imma...)



Commenti

pubblicato il domenica 18 dicembre 2016
AlyTT, ha scritto: Ho letto un bel po' di pagine del tuo diario e volevo farti i complimenti. Mi piace il tuo modo di scrivere, sembra di stare di nuovo li e poi anche io adoro Londra. È bellissima, in ogni stagione..

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: