ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 24 ottobre 2016
ultima lettura martedì 16 aprile 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

L'inquisizione - Capitolo 3: Colazione -

di Batckas. Letto 283 volte. Dallo scaffale Fantasia

Maddison e Scott furono svegliati da Alvin e Laura che bussarono alle porte delle loro celle. -Non avete dormito nella stessa cella… complimenti.- commentò Alvin con complicità. Maddison e Scott si guardarono, non ci avevano nemme.....

Maddison e Scott furono svegliati da Alvin e Laura che bussarono alle porte delle loro celle.
-Non avete dormito nella stessa cella… complimenti.- commentò Alvin con complicità. Maddison e Scott si guardarono, non ci avevano nemmeno pensato. –Andiamo, adesso. È tempo che conosciate un po’ l’inquisizione.-
-Ma perché ci volete raccontare la vostra storia?- domandò Scott.
-Non puoi fidarti di chi non conosci.- intervenne Laura, fredda.
-Oppure sì, dipende da che tipo di persona sei.- aggiunse Alvin, come per attenuare le parole della donna.
Si mossero, tornarono nella sezione degli uffici con la gente armata, li superarono, presero nuovamente l’ascensore, si ritrovarono in una mensa dove il resto del gruppo li aspettava già seduti a un tavolo.
-Immagino abbiate fame.- disse Alvin sorridendo e accompagnandoli.
Presero posto. Liam si alzò e andò verso i banconi per prendere da mangiare. Elio stava sorseggiando del caffè.
-Allora.- iniziò Elio posando la tazzina. –Prendete l’inquisizione che bruciava la gente e ammazzava chiunque non credesse nella chiesa e gettatela nell’immondizia. È stata reale, brutale e schifosa, un pezzo di storia che non potremo mai cancellare e di cui portiamo l’onta. Eravamo noi? No. Erano uomini di chiesa che pensavano di aver compreso la nostra missione e decisero di farsene carico, portando il male, loro che avrebbero dovuto sconfiggerlo.-
Liam tornò con dei vassoi pieni di dolci. Tutti presero qualcosa, tranne Elio.
-In breve? Combattiamo i demoni, creature dell’Inferno, decadute con Lucifero, che aprono un varco verso il nostro mondo. Noi li rispediamo da dove vengono.-
-Quindi siete esorcisti…- parlò Maddison con la bocca piena.
-Sì ma un tipo diverso. Avete visto i due piani di questo monastero. Quello che avete visto per primo: quelli erano esorcisti. Noi siamo inquisitori: cacciamo i demoni che si nascondono ma con la loro vera natura. Quell’abominio che avete visto dalla medium, noi li uccidiamo.-
Elio faceva sembrare tutto normale.
-E come? Cioè, sono creature infernali.- Scott si incuriosì. Era sempre stato un fan di tutto ciò che era paranormale, fantascienza, azione e guerra, anche se aveva preferito quando il tutto era contenuto in un film, in un romanzo o in un videogioco e non nella vita reale.
-Pallottole cosparse di acqua santa.- intervenne Alvin che sfilò la pistola dalla fondina, ne tolse il caricatore per farlo esaminare da Scott. Le pallottole erano umide. Infilò il caricatore e ripose la pistola.
-Quando è nata l’inquisizione?- domandò Maddison.
-Gli angeli e i demoni sono in lotta da sempre ma l’uomo è stato in grado di combattere le creature infernali soltanto dopo l’arrivo del primo esorcista.- spiegò Elio. –Gesù Cristo. Dopo di lui gli apostoli, dopo gli apostoli, nei secoli, fino a noi.-
-Ma… da quanto ho letto Gesù esorcizzava i demoni… non li combatteva fisicamente.- obiettò Scott.
Elio sorrise, criptico.
-Ne sei sicuro?-
Scott si appoggiò allo schienale.
-Hai parlato di angeli e demoni.- fece notare Maddison.
-Sapete la storia di Lucifero?- domandò Niamh.
-Ovvio che sì.- risposero entrambi.
-Questo conflitto è stato ereditato dagli umani. Dopo Cristo, tutti i combattenti hanno deciso di riunirsi in un’organizzazione comune: l’inquisizione.-
-Tutta quella storia dei libri bruciati?-
-Noi bruciavamo i libri degli adoratori di Satana, i nostri cugini scemi tutto quello che capitava loro sotto tiro…- c’era tristezza nelle parole di Alvin.
-La guerra finirà mai?- Maddison si meravigliò della facilità con cui stava assimilando tutte quelle informazioni, ma dopo aver visto personalmente un demone…
-Nel giorno del Giudizio Universale.- rispose Elio. –Quando esisterà solo il Paradiso e tutto il resto cesserà di esistere.-
-E… e chi sta all’Inferno?- Scott si piegò sul tavolo.
-Come tutti… dovrà scegliere.- rispose l’uomo.
-Scegliere?-
-Il libero arbitrio è la chiave di tutto.-
-Cioè ognuno potrà scegliere se andare o meno in Paradiso?-
-La libertà è il dono più grande che ci è stato fatto.-
-Non è logico che tutti scelgano il Paradiso?-
-Stai parlando di logica nel trascendente, Scott.- gli fece notare Elio.
Scott emise un fischio.
-Paradiso o annichilimento.- concluse Alvin.
-E, aspetta un attimo, scusate, quelli che stanno all’Inferno potranno andare in Paradiso? Non è un controsenso?-
-Credi che Dio voglia che le sue creature soffrano? Ci sono scelte che vengono prese e conseguenze, nessuno manda le anime all’Inferno.- il tono dell’inquisitore divenne duro.
-E voi come sapete tutte queste cose?-
-C’è stato un tempo in cui alcuni inquisitori sono stati visitati dagli angeli e, come te in questo momento, hanno fatto molte domande.- sorrise lievemente. Scott rimase in silenzio.
-Non potreste, che so, uccidere Lucifero?- propose Maddison.
-Un tempo i nostri antenati lo hanno sconfitto, quando tornò sulla Terra per conquistarla e privarla alle creature privilegiate di Dio.- raccontò Liam. –Ma ucciderlo? Dio non lo ha ucciso, Michele non lo ha ucciso, no…-

All’alba dei tempi erano Dio, angeli e gli arcangeli in lotta con l’Oscurità.
Dio annientò l’Oscurità relegandola nei suoi due più fidati condottieri tra gli arcangeli: Michele e Lucifero.
L’Oscurità, però, corruppe Lucifero e quando l’umanità nacque e Dio ordinò ai suoi angeli di inginocchiarsi a lei, costui si rifiutò, tentando di prendere il posto del Padre.
Michele, suo fratello, lo sfidò.
“Chi è come Dio?”

Lo vinse e lo relegò all’Inferno, creato appositamente per lui, insieme a tutti gli altri angeli che erano stati sopraffatti dall’Oscurità e avevano rifiutato di amare il creato di Dio. Lucifero, non ancora sconfitto, aizzò parte del creato, ancora in potenza, contro Dio. Questo esercito infernale fu sconfitto da Michele e dal suo esercito angelico. Il creato ribelle, all’inferno, si tramutò nei demoni.
Lucifero, ormai disperato, rivolti gli occhi al Paradiso e alla città Celeste, dove scorse gli occhi del fratello, l’arcangelo Michele piangente, giurò di distruggere ciò che il Padre amava.
Lucifero morì.
Nacque Satana.

“È vero che Dio ha detto: Non dovete mangiare di nessun albero del giardino?”

-Quindi… questa Oscurità è la causa.- pensò Maddison ad alta voce.
-Lucifero si è piegato… Michele no.- Elio li guardava negli occhi.
-Dio attende, paziente, la conversione del portatore di Luce, dell’angelo più splendente.- parlò, cupa, Niamh.
-La conversione del diavolo… wow.- Scott ridacchiò nervosamente.
-Adesso sapete quindi come stanno le cose.- Elio ordinò un’altra tazza di caffé.
-E voi siete gli unici a combattere i demoni?- Maddison si sentiva sazia.
-Ovviamente no. Ci sono moltissimi cacciatori di demoni là fuori che lo fanno per i più svariati motivi. Se non sono contro di noi, sono con noi.- spiegò l’uomo.
-E voi, per caso, avete legami con la chiesa, con qualche istituzione? Voglio dire, come vi mantenete?- Scott era incuriosito.
-Abbiamo i nostri contatti e le nostre affiliazioni ma non c’entriamo nulla con la religione o la politica.- rispose Alvin.
-Perché i demoni dovrebbero venire sulla Terra?- Maddison poggiò il mento sulle mani.
-Per corrompere il creato con cui ce l’hanno a morte. Un tempo anche loro erano creature di Dio come noi e voi, come gli animali, gli uccelli, le piante… ma hanno deciso di appoggiare la rivolta di Lucifero, hanno affrontato le schiere angeliche e ne sono usciti sconfitti. Da allora covano solo il desiderio di vendetta.- raccontò Elio.
-Si sono solo ribellati al grande capo, alla fine, che c’è di male?-
-Volevano annientare il creato e rifarlo con le loro leggi e le loro regole, un creato appositamente ideato affinché loro fossero stati degli dei. Angeli e arcangeli avevano giurato di difendere il creato di Dio. Alcuni sono venuti meno al giuramento e sono caduti con gli altri.- rispose l’inquisitore.
-Potrebbe anche far schifo l’Inferno e quindi vengono qui.- ipotizzò il ragazzo.
-Potrebbe essere ma la loro scelta l’hanno fatta.- disse aspro l’inquisitore.
-E… adesso che si fa?- Maddison incrociò le braccia al petto.
-Voi due, nulla. Io e la mia squadra cercheremo delle risposte. Se proprio volete, potete stare con Niamh e Laura mentre svolgono le loro ricerche.- Elio si alzò dal tavolo e dopo di lui tutti gli altri.
-L’importante è che facciate silenzio.- Laura congelò con lo sguardo Scott.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: