ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 23 ottobre 2016
ultima lettura domenica 10 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

L'inquisizione - Capitolo 2: Scott -

di Batckas. Letto 297 volte. Dallo scaffale Fantasia

Scott aveva ventitré anni, un corpo snello, occhi vispi, capelli tagliati corti neri e una barba leggera scura gli ombrava il volto, non voleva raderla perché affermava che così sembrava più maturo. Lui e Maddison si erano c...

Scott aveva ventitré anni, un corpo snello, occhi vispi, capelli tagliati corti neri e una barba leggera scura gli ombrava il volto, non voleva raderla perché affermava che così sembrava più maturo. Lui e Maddison si erano conosciuti nel quartiere all’età di sedici anni, quando lui si era trasferito, allora nacque una bella amicizia che, con la maturità, diventò quello che chiamavano “amore”.
Intelligente, intuitivo, curioso, svogliato e spesso insensibile, era cresciuto spostandosi di città in città, senza avere mai l’occasione di stringere amicizie stabili nella sua infanzia. Non aveva mai avuto la voglia di studiare, iniziato, difatti, all’attività del padre come carpentiere, sapeva che un giorno avrebbe ereditato il tutto e voleva conoscere i segreti del mestiere, essere in grado di portare avanti l’orgoglio del suo vecchio. In ottimi rapporti con il fratello minore, complice con la madre, numerosi e rumorosi alterchi con il padre, a cui, però, voleva bene.
Incurante delle buone maniere, ironico, maldestro, pasticcione, raggiante, socievole e spontaneo.
Portava nel cuore il desiderio di sposare Maddison, di poterla vedere felice con lui al suo fianco, l’amava e pensava che soltanto grazie a lei si poteva sentire in pace, realizzato, veramente felice, spesso si domandava come facesse, una come lei, a stare con uno come lui.
Amante di videogiochi, film e libri che non avessero implicazioni filosofiche.
Pensava che tutto fosse relativo e che non ci fosse alcuna certezza che si potesse applicare, uguale e identica, ad ogni uomo o donna.
Non aveva mai creduto in niente di soprannaturale, sempre con i piedi per terra, disprezzava qualsiasi tipo di scaramanzia.
Era svogliato per i docenti.
Nel mondo dei sogni ma gran lavoratore per i genitori.
Un grezzo selvaggio per il fratello. “Ma con affetto” aggiungeva sempre.
Il compagno di una vita per Maddison.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: