ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 20 settembre 2016
ultima lettura lunedì 2 dicembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Moondooo

di scuffundato. Letto 346 volte. Dallo scaffale Viaggi

Pensavo a che differenza poteva passare tra definire la Terra come Pianeta o come Mondo.  Mentre mi ripetevo mentalmente i due lemmi così usati, comuni, inflazionati, ecco una piccola aurora mentale all'orizzonte. Pianeta Terra è un ...

Pensavo a che differenza poteva passare tra definire la Terra come Pianeta o come Mondo.

Mentre mi ripetevo mentalmente i due lemmi così usati, comuni, inflazionati, ecco una piccola aurora mentale all'orizzonte. Pianeta Terra è un termine usato spesso nei documentari, nei libri scolastici o di divulgazione, assume quindi un valore scientifico-letterario e mentre lo pronunci è come se vedessi le immagini aeree dei luoghi più disparati, le tavole colorate con le spiegazioni riguardanti la tettonica a zolle, le formule matematiche per definire combinazioni di elementi che danno origine ai vari ambienti. Mi viene alla mente la parola biodiversità, salvaguardia degli oceani o delle foreste equatoriali. Passando per le calotte polari ormai in pericolo. Pianeta Terra è anche la parola d'ordine degli astronauti veri o cinematografici, che lanciano sos in direzione del loro pianeta d'origine. Spazio 1999 era uno dei miei preferiti, la Base Lunare Alfa scagliata nello spazio profondo e lontana anni luce dalla palla azzurra.

Mondo invece ha una consistenza gommosa. Se proviamo a pronunciare la parola, le labbra e il cavo orale si allargano, masticando l'aria che entra ed emettendo un suono quasi bovino. E' masticabile il Mondo, sa di liquirizia e caramello mou, con note di pino e brezza marina. Una caramella azzurro-marrone immangiabile ma irrestibile. Il Mondo lo assapori e quelle sillabe danno il via ad una carrellata mentale istantanea che non ha nulla di scientifico, ma ha la lentezza dello sfogliare un pacco di fotografie, di cartoline dai posti più remoti ed impensabili. La risposta dell'amico che non vedi da dieci anni e si fa vivo con una cartolina spedita dalle Azzorre, spiagge bianche, acqua incolore, uno schermo resinoso che proietta fondali policromatici. Mondo è viaggio, incontro, culture che non si capiscono fra loro ma continuano ad esistere indipendentemente dai falsi report dei mass media farlocchi. A pronunciare Mondo, si apre la mente ai colori, ai sapori, alla consapevolezza che la Vastità è la vertigine senza la paura di cadere. Perchè è sospensione sulla realtà vista con occhi ogni volta diversi, da diverse persone che notano particolari in continua evoluzione.

Pianeta Terra è definitivo, tridimensionale, una sfera posta su assi cartesiani che ne danno una misura. Numeri immensi ma che definiscono, quindi pongono un limite: e il Pianeta Terra dicenta un granello di sabbia al confronto con l'Universo. Il Mondo invece ti accoglie, ti fa rimanere coi piedi per terra, ti offre la visione di uno spazio senza confini e senza confronti con altre dimensioni esterne ad esso. Mette curiosità di vedere cosa c'è dopo un bosco, un monte, una distesa d'acqua senza mai darti l'impressione che vi sia una fine. Come pensavano alcune popolazioni antiche , che immaginavano la Terra come una tavola piatta, che finiva ai lati con salti d'acqua netti e senza fondo. Una immagine del genere bloccava l'iniziativa a chiunque volesse vedere cosa ci fosse oltre il proprio orizzonte. Ma la genialità dell'uomo lo ha salvato dall'immobilità e qualcuno ha capito che il mondo era una sfera e che valeva la pena esplorarla.

Pianeta Terra o Mondo? Qual'è il vostro appetito mentale?



Commenti

pubblicato il martedì 20 settembre 2016
michelino, ha scritto: Mondo è sicuramente più affascinante ma anche terra non è niente male. Per fortuna non sento quasi più nessuno usare il termine "creato".

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: