ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 21 giugno 2016
ultima lettura venerdì 20 settembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Parliamone #3

di lafiammaardente. Letto 409 volte. Dallo scaffale Horror

dopo l'accaduto presi i bambini e gli oggetti e ci incamminammo per andare dalla zia e chiedere aiuto."Rin sono stanco" "anche io"...

dopo l'accaduto presi i bambini e gli oggetti e ci incamminammo per andare dalla zia e chiedere aiuto.

"Rin sono stanco" "anche io", i bambini cominciavano a lamentarsi, "resistete " non potevamo fermarci, "Rin" "ti prego sorellina" imploravano, dovevano essere davvero a pezzi, "okay bussiamo a quella casa e chiediamo ospitalità per ora" , indicai la casa ai miei fratelli e li vidi correre in quella direzione, "bambini piano!" urlai, poi vidi Erkki bussare, la porta si aprii, ma erano distanti ed io avevo tutta la roba in mano e Brita sulle spalle, quindi non riuscii a vedere la persona sulla porta, poi Claes lanciò un urlo, così mi voltai e vidi che aveva un ragno sul braccio, così mi avvicinai e glielo tolsi, "non dovresti avere paura dei ragni" , ma il suo sguardo era altrove, "ehi che guardi? Erkki? Sta solo chiedendo a dei signori" , "sorellona, ma li non c'è Erkki" "come no? Piccolo bugiardo é proprio l..." mi voltai e, come aveva detto Claes, Erkki non c'era più, corsi più velocemente possibile verso la casa, e cominciai a bussare con foga ," ehi voi! Ridatemi mio fratello, brutti b******i , ridatemelo, Ora!!" urlavo con tutto il fiato in corpo, ma cosa stava succedendo?? Prima la mamma , poi Henrietta, poi Ragnvald e ora volevano portarmi via anche Erkki.

Bussavo, e bussavo, ancora , ancora,ancora ma niente, cosi posai le borse, lasciai Brita a Claes e cominciai a tirare calci alla porta , "aprite o la butterò giù!" cominciai a minacciarli, ad insultarli, ma nulla non aprivano, "va bene ve la siete cercata" presi la rincorsa e cercai di sfondare la porta a spallate, una,due,tre,quattro volte e alla quinta si aprì.

"Brutti b******i, ridatemi mio fratello !!" nessuna risposta, cosi mi addentrai nella casa, l'entrata era molto semplice, un muro verde e uno specchio vicino alla porta, si affacciava subito su due stanze laterali e delle scale che conducevano al piano superiore ; mi avvicinai alla stanza sulla destra ed aprii la porta, subito mi accorsi di essere nel salotto, era altrettanto semplice, muri del medesimo colore, un divano color panna ed un televisore abbastanza vecchio, "c'è nessuno?" , nessuna risposta , osservai ancora la stanza ma non vedendo altre porte e così mi chiusi dietro la porta ed andai in quella sulla sinistra, mi ritrovai in una cucina ben arredata, il muro era viola a differenza delle altre stanze, il tavolo nero ed i mobili anche , anche questa stanza era senza altre porte, cosi decisi di salire al piano superiore, "Erkki??" , sentii un suono venire dalla porta più lontana, in tutto erano 3 porte, mi diressi verso quella e la aprii molto cautamente e trovai...



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: