ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 13 giugno 2016
ultima lettura martedì 12 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

ALLA FINE DI UN AMORE

di scribellulalaura. Letto 363 volte. Dallo scaffale Amore

Pioveva già da due giorni. Quel sibilo costante faceva eco a quello del frigorifero. Ascoltare musica con le cuffie non le aveva portato sollievo. Elena si alzò a preparare un po’ di caffè. A Marco non piaceva che lei bevesse troppo caffè. Ma ormai M

Pioveva già da due giorni. Quel sibilo costante faceva eco a quello del frigorifero. Ascoltare musica con le cuffie non le aveva portato sollievo. Elena si alzò a preparare un po’ di caffè. A Marco non piaceva che lei bevesse troppo caffè. Ma ormai Marco non c’era e non l’avrebbe vista. Gli scatoloni con i suoi libri stavano in fila nel corridoio aspettando di essere portati via. Elena li osservò con ribrezzo e una certa sorpresa. Non si era accorta di quanto avesse letto in quei due anni. Per la verità non si era accorta di molte cose. Forse era stato questo il problema.

Il borbottio della caffettiera la guidò in cucina a girare la manopola del gas. Vide le solite macchie sul tappetino della cucina ma scacciò per l’ennesima volta l’idea di lavarlo. Piuttosto ne avrebbe comprato uno nuovo. Avrebbe chiamato Marianna e le avrebbe chiesto di accompagnarla con la sua auto a fare shopping. Si sentiva troppo stanca per guidare. E comunque non era urgente. Avrebbe aspettato la fine della pioggia. Anche Marco non sarebbe passato prima di allora, perché i libri si sarebbero bagnati. Elena era quasi sicura che avrebbe mandato qualcuno a prenderli. Cercava di figurarsi chi sarebbe stato il prescelto e intanto muoveva il caffè col cucchiaino d’argento tutto annerito. Disegnava lenti cerchi accarezzando la porcellana. Tintinnò sul bordo per sgocciolare il cucchiaino e portò la tazzina alle labbra. Il primo sorso la fece rabbrividire. Una schifezza imbevibile. Come aveva potuto mettere il sale al posto dello zucchero?



Commenti

pubblicato il mercoledì 7 settembre 2016
Hiroshi84, ha scritto: scribellulalaura. Let scribellulalaura ho appena letto questo bel racconto seppur amaro quanto un caffè amaro...anzi in questo caso: SALATO. Brutta cosa quando finisce un amore...ci si sente come perduti e anche il gesto più semplice capita di sbagliarlo. Un racconto brevissimo...praticamente il tempo di un caffè. Il finale a mio avviso ha un sottotilissimo humour. Non posso che augurare alla protagonista del racconto un futuro più roseo e più dolce e...meno caffè :-)
pubblicato il mercoledì 7 settembre 2016
Hiroshi84, ha scritto: scribellulalaura. Let scribellulalaura ho appena letto questo bel racconto seppur amaro quanto un caffè amaro...anzi in questo caso: SALATO. Brutta cosa quando finisce un amore...ci si sente come perduti e anche il gesto più semplice capita di sbagliarlo. Un racconto brevissimo...praticamente il tempo di un caffè. Il finale a mio avviso ha un sottotilissimo humour. Non posso che augurare alla protagonista del racconto un futuro più roseo e più dolce e...meno caffè :-)

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: