ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 9 giugno 2016
ultima lettura domenica 10 marzo 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

La Parabola del formatore

di berangher. Letto 409 volte. Dallo scaffale Fantasia

Un giorno Gesù arrivò in una”La Comune”, laddove si stava sperimentando un modello di vita eco sostenibile della decrescita felice, in terra consacrata.Era alla fine degli anni,o meglio dire,l’inizio degli anni 2013 e il mondo...

MEMENTO AUDERE SEMPER!
Un giorno Gesù arrivò in una”La Comune”, laddove si stava sperimentando un modello di vita eco sostenibile della decrescita felice, in terra consacrata.Era alla fine degli anni,o meglio dire,l’inizio degli anni 2013 e il mondo stava affogando nelle sabbie mobili di una crisi economica spaventosa,le cui metastasi s’erano allignate in ogni dove della società.Gesù entrando nell’agorà della La Comune fu avvicinato da uno storpio che si gettò ai suoi piedi,pregandolo di ascoltarlo.Gesù gli disse “alzati e porta a me il tuo cuore…che cosa ti tormenta?”E lo storpio raccontò…”Maestro…ero stato inviato qua per imparare la solidarietà,la fratellanza,l’amore per il prossimo,il mettermi in discussione,nel non prendermi troppo sul serio,insomma di essere almeno un Uomo retto…”E Gesù”Fratello…e non hai trovato tutte queste virtù nella comune e nei formatori che tengono lezioni e il capo dei formatori non ti ha illuminato?”E lo storpio:”Maestro…quando sono venuto qui inviato da un santo Uomo,pensavo di trovare tutte le virtù degli uomini giusti e di mondare i miei peccati e ritrovarti nel mio cuore ed invece via via che trascorrevano i giorni l’anima mia diventava più scura,cresceva la tempesta nella mente e il dubbio era il compagno dei miei passi…”E Gesù.”Dimmi fratello ma ne hai parlato col tuo formatore e col capo dei formatori?”E lo storpio:”Maestro…Maestro…mi duole il cuore raccontarti queste storie,anche perché la gente fuori dalla La Comune,non capirebbe, ma almeno Tu per ora devi sapere…”E lo storpio raccontò a Gesù:”Il problema sono proprio i formatori e di più il capo dei formatori…e della zizzania”E Gesù:”Come?spiegati meglio…”E lo storpio parlò…parlò e parlò…Alla fine del suo racconto Gesù chiamò il capo dei formatori e lo interrogò chiedendo spiegazioni del racconto dello storpio.Il capo dei formatori disse”Gesù sono tutte bugie per non farmi decollare,e poi sono dei ladri…”E Gesù:”Ma i conti di cui si occupano loro,minutaglia,sono in ordine,perché già m’ero informato…non mi trovo con i tuoi, Chi è fedele nelle cose minime, è pur fedele nelle grandi, e chi è ingiusto nelle cose minime, è pure ingiusto nelle grandi. Se dunque non sei stato fedele nelle ricchezze ingiuste, chi ti affiderà le vere? E se non sei stato fedele nell’altrui, chi ti darà il tuo? …e soprattutto non mi trovo con le tue lezioni.Vedi,tu vuoi essere formatore ma dovresti dare l’esempio,metterti al servizio dei deboli,essere solidale con loro non umiliarli come fossero degli schiavi,hai dimenticato che stai su un suolo consacrato a me ?E potresti essere lapidato dall’opinione pubblica,ma di più sei nel mezzo del mio Giudizio!Il maligno si insinua anche nelle menti dei filosofi e degli scienziati,che possono abbindolare per un certo periodo le menti dei semplici,ma poi la verità del signore viene a galla e con la verità arriva il giudizio e la punizione!Ora va e prega…batti cento,mille,un milione di volte la tua testa contro il muro e apri la tua testa all’umiltà…la prossima volta che vengo in questa comune,voglio trovare solo Pace ed Amore e non il lezzo del pettegolezzo…oppure non troverò più te fra di Noi! Perché chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, è simile a un uomo saggio che ha costruito la sua casa sulla roccia. Lascia che l'uno e l'altro crescano insieme fino alla mietitura e al momento della mietitura dirò ai mietitori: Cogliete prima la zizzania e legatela in fastelli per bruciarla, il grano invece riponetelo nel mio granaio”

Versione originale in latino


Parabolam lanistam

Audere EXUVIA Semper!

Quadam
vero die venit in "urbem", ubi usus vitae sapien degrowth Nullam
adipiscing, tellus consacrata.Era nuper, id est anno MMXIII principio,
et orbis: submersi
verso
harenas terribilis oeconomica discrimine, quae habuerunt, ubicumque
metastases allignate società.Gesù introitum agora Comunis, qui erat
claudus ex accessit proiecit se ad eius pedes, rogans eum ut
ascoltarlo.Gesù dixit '
quod
me ipse animo non operatur ... et quid molesti estis? "... et claudus
dicitur:" Domine non sum missus here ... necessitudinis fraternitatis,
in amore erga proximum, ut in proposito, ne
Etiam
lorem breviter saltem justo ... "Jesum" frater ... et tu non invenisti
omnibus virtutibus in communi et elit quis auditorio caput magistri non
illuminatur, "et claudus," Domine
huc
missae ab ... cum vir sanctus iusti et dixi ad omnes virtutes et ablue
peccata mea et non inveni in te in corde et obscurior sonus vixerint
dies et tempestate non creverit
in
mente, videlicet comitem vestigia ... "Jesus:" Dic mihi, frater,
ideoque locutus es ad lanistam, et caput magistri "et claudus," Domine
... Dominus ... cor dolet dicere fabulae
tum
quia ab externis publice noluit intellegere, at nunc vos postulo scio
... "et claudus ei Iesus:" Quaestio est praecise elit et dux elit,
herbaeque ... "Iesus:
"Quid
melius explicentur ..." et claudus locutus est ... dixit ... In fine
narrationis eius Iesus caput magistri: et interrogavit eum postulare
rationem diligentius storpio.Il caput elit inquit "hic est sita ad me
tollet,
et fures sunt ... "Jesus:" Sed tabulis agitur, parva Fry sunt, ut, quia
iam dictum ... ego non tua, Qui fidelis est in minimo, quae est
et in maiori fidelis est et qui in modico iniquus est, et in maiori iniquus est.Si ergo in iniquo mammona fideles non fuistis, quod verum est quis credet? Et si in alieno fideles non fuistis, vestrum quis dabit vobis? Non
sum ... praesertim cum lezioni.Vedi, vis lanistae sed ut in exemplo
posuit in obsequium infirmorum, in necessitudinis ipsis non humiliare
eum, sicut seruis, oblitus es tu in sacris locis
mihi
et tu lapidaretur a populo, sed iudicium meum in medio! serpit hoc
malum in animo et philosophi et sapientes animas, quibus circumscribere
tempus quoddam simplex, sed veritas
Dominus
egreditur de veritate et ut iudicium et poenas! Nunc vadam, et orate
... pulso centum, mille, decies temporibus tuis caput in parietem et
caput aperire humilitate proximam tempus veniam ...
in oppido volo, et non inveniet nisi foetor pacis, et dilectionis erit aut famam non est in nobis ...? Quia omnis, qui audit verba mea haec et facit ea, assimilabitur viro sapienti, qui aedificavit domum suam supra petram.Hoc
crescere usque ad messem et in aliis, et in tempore messis dicam
messoribus: Colligite primum zizania, et alligate ea in fasciculos ad
comburendum, triticum autem congregate in horreum meum "



#consorzimafiesolidalimediterraneo



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: