ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 30 maggio 2016
ultima lettura sabato 9 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

notte - 3

di Lucadeste. Letto 348 volte. Dallo scaffale Amore

Era notte, buio, quel genere di oscurità che attanaglia le cose, le abbraccia e le attrae a se finché una piccola e flebile luce non torna prenderne possesso."La gente dorme di notte, lo sai vero?"Era lei, e non potei far altro ...

Era notte, buio, quel genere di oscurità che attanaglia le cose, le abbraccia e le attrae a se finché una piccola e flebile luce non torna prenderne possesso.
"La gente dorme di notte, lo sai vero?"
Era lei, e non potei far altro che lasciarmi sfuggire una risata.
"Eh che... guarda fuori."
"Piove ancora?"
"Si, e le gocce scivolano sul vetro in maniera così dolce... volevo solo ammirarle ancora un po'."
"La gente normale dorme di notte, fa l'amore e si stringe mentre il mondo la fuori resta a guardare duro e impassibile. Poi ci sei tu, che in pantaloncini resti a guardare il mondo allo sbando mentre io me ne sto sola tra queste coperte a cercare il tuo corpo."
"Scusami... lo sai che non ti lascerei mai sola, è solo che... c'è tutto quello la fuori, il grigiore che ti si appende all'anima, mi piace."
"Conteso tra me e il grigiore delle notti, capisco." E sorrise, di uno di quei sorrisi che al confronto la più pura delle albe e il più splendente dei tramonti sarebbero potuti esser paragonati solo alla pioggia, mentre lei illuminava il mondo.
"Allora.." Riprese "Tutto questo grigiore, questo cupo e oscuro mondo, ti piace più di me?" Sempre col suo sorriso sul volto si alzò dal letto alle mie spalle rivelando il proprio corpo nudo centimetro dopo centimetro emergendo dalle coperte e venendo a cingermi i fianchi.
Sentivo il suo respiro sulle mie spalle e la sua pelle morbida a contatto con la mia.
"Cento di queste notti non varrebbero uno solo dei tuoi baci, o delle tue carezze.. è solamente bello, poesia. Mentre tu, tu sei amore e gioia pura, altri livelli."
Restammo così del tempo, ad ammirare questo mondo lasciarsi andare un altra notte e sollevare dinnanzi a noi le prime luci, che le illuminarono il volto più di quanto i suoi dolci occhi non facessero già. "Fine." Disse.
"La fine di una poesia non implica per forse che non ne possa essere scritta un'altra." E dicendo questo la presi per i fianchi e la sollevai mentre la sua prossima frase venne interrotta da un bacio.
Ne scrivemmo di poesie, nel nostro letto accaldati e traboccanti d'amore donando l'uno all'altro la propria anima mentre là fuori l'alba lavava il mondo, cancellandone l'odio.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: