ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 27 maggio 2016
ultima lettura mercoledì 8 aprile 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Sei l'Amore di una vita. Di tutte le vite.

di GiorgioBaiardi. Letto 455 volte. Dallo scaffale Amore

Non voglio pensare affatto e non voglio conoscere. Se tu hai gli stessi perché oppure, se credi negli stessi ricordi in cui credo io. Quando il nostro tempo ci imponeva l’assenza da noi due. Strana imposizione, perché grande era ...

Non voglio pensare affatto e non voglio conoscere.

Se tu hai gli stessi perché oppure, se credi negli stessi ricordi in cui credo io.

Quando il nostro tempo ci imponeva l’assenza da noi due.

Strana imposizione, perché grande era l’Amore.

Ma se qualcosa ci teneva lontani, i nostri cuori battevano con gli stessi colpi ed i nostri occhi guardavano lo stesso cielo.

Semplicemente innamorati come il legame indissolubile del sole al tramonto su di un mare sconfinato.

E se tutto mi viene ancora alla mente è perché vorrei rivivere l’attimo prima.

Per non commettere gli stessi sbagli, per non aprire ferite, per non dire la cosa sbagliata o per non dire soltanto.

Lasciami qui, ora, la tua lontananza che colmerò di sogni, di fremiti e di dolce nostalgia.

Mi stupirai, lo so, sconfessando il destino con la tua fragile fermezza che mi arriverà come una pioggia, in una mesta sera d’autunno.

Se mai un giorno incontrerai nei miei occhi la solitudine e ne percepirai il senso, mi arrenderò a te.

Alla tua allegria che, come una ferrea promessa, lancerà sensazioni ed emozioni da ubriacare il mio anedonico cuore.

Apparentemente insensato quando due cuori soli si incontrano.

Ma erano i cuori che avrebbero da sempre, voluto darsi un appuntamento.

Inevitabile l’innamorarsi.

In quell’attimo, quando tutto sarà compreso, a piedi nudi camminerò sui mormorii delle parole solo nostre, per calpestare i malumori e per non decifrarne più il significato.

Per non affrontare più i confronti sterili.

Solo così riuscirò a camminare sulla spuma bianca di un mare che mi racconterà da quale orizzonte lontano arrivano le sue onde.

Vorrei che una nuova forza mi prendesse e così, come se fosse una dolce preghiera, accarezzerò le tue gambe nude, sentirò la calda voglia di stringerti a me per cancellare quanto di brutto la vita ci ha riempito l’Anima.

Perché i nostri cuori sono pieni di molteplici crepe, di ferite suturate.

Ma comunque ti cercherò nell’Amore che ho sempre agognato, nella strada sconosciuta che mi porterà a te.

Non importa quando, in che tempo.

Ti aspetterò nel tuo ritorno, paziente, come una sfinge millenaria.

Mi hai detto tante volte, io ci sono.

Si, è vero, tu ci sei.

Perché non sono solo i momenti felici, che fanno di te un unico Amore.

Sono gli angoli bui della mia mente che si rischiarano di luce viva, pensandoti.

Sei l’Amore di una vita.

Di tutte le vite.

Giorgio Baiardi - Copyright



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: