ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 21 maggio 2016
ultima lettura giovedì 31 gennaio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

La ladra

di MadameWu. Letto 419 volte. Dallo scaffale Sogni

E all'improvviso si apre la porta e una donna vecchia, brutta e grassa entra e non sembra neanche far caso a me che sono proprio lì che mi dico...

E all'improvviso si apre la porta e una donna vecchia, brutta e grassa entra e non sembra neanche far caso a me che sono proprio lì che mi dico "ecco, ci siamo, i ladri!" .

La scena è tutta qua, non c'è un prima o forse c'è ma non lo ricordo. E non c'è un dopo perché, forse per la paura, mi son svegliata e questo è tutto ciò che ricordo di un sogno di qualche giorno fa.

Io non ricordo quasi mai i sogni ma qualche volta qualcuno mi rimane ficcato in testa e mi gira nel cervello per giorni finché, improvvisamente, un flash, ed ecco che arrivo a comprenderne il significato.

E oggi è stato il giorno dell'illuminazione. Dopo aver pensato che fosse abbastanza bizzarra una ladra di quel tipo, vecchia, grossa , che entra in casa mia, nella mia vita, senza nemmeno stupirsi che io sia lì , senza nemmeno guardarmi, come se non ci fossi, in fine, o non ci fossi più, mi son resa conto che quella ladra ero io. Una sconosciuta entrata di soppiatto dentro di me, venuta per rubarmi le mie cose più preziose, la mia gioventù, la mia bellezza, la mia vita. Ecco perché mi fa così paura, la ladra, perché sono io che non sono più io.

Fatico a riconoscermi in questo corpo che sta cedendo, in questa carne che avvizzisce e in queste ossa che scricchiolano. Chi diavolo è quella vecchia grassa e brutta che mi guarda riflessa nello specchio? Sono io? Non ci credo.

Era ieri , era solo ieri che ero giovane e bella. Era solo ieri, accidenti! E la morte non esisteva. Non esisteva ne' la morte ne' il corpo doloroso e dolorante. Non esistevano le notti cupe e i risvegli col cuore in gola, l'acidità di stomaco e l'amaro delle occasioni perdute. E quella brutta, vecchia donna grassa che si è infilata in casa mia di soppiatto e che si è presa la mia vita, quella strega impietosa che mi ha avvolto nella sua magia , mi fa proprio paura.

Perché quella vecchia ladra è anche un'assassina che mi sta conducendo, inesorabile, verso la fine.
E non c'è via d'uscita da questo incubo.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: