ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 2 maggio 2016
ultima lettura giovedì 12 dicembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Alfama

di MadameWu. Letto 487 volte. Dallo scaffale Generico

Su e giù per l'Alfama a cercare quella scalinata dove lui scappava via insieme a lei, ammanettato a lei. Ridevano e scappavano finalmente liberi , finalmente innamorati.  Sembra sempre che sia qui e poi lì e poi non è...

Su e giù per l'Alfama a cercare quella scalinata dove lui scappava via insieme a lei, ammanettato a lei. Ridevano e scappavano finalmente liberi , finalmente innamorati. Sembra sempre che sia qui e poi lì e poi non è la stessa, come si fa a saperlo, son tutte così uguali queste scale di pietra sotto il sole di aprile. Su e giù e su e giù e a un tratto ecco la scalinata di Lisbon story dove lui incontra lei e si sorridono e parlano e si fanno quasi una promessa. Storie di amori e di garbugli , di spie e di gente che cerca altra gente fra disegni azzurri di maioliche antiche e persiane che sbattono al vento dell'Atlantico . Una terrazza e là sotto si vede il verde dell'acqua che non è ancora il mare. Su e giù per l'Alfama, in questo giorno caldo, a cercare tracce di una storia che non c'è mai stata e che mi manca ugualmente. I sentieri del ricordo conducono lontano lontano, ancor più lontano del fado. Come un film, la musica che esce da una finestra aperta , in alto, muri scrostati e ragazzini seduti nell'androne della mia casa portuguesa color del caffelatte. Un vaso sbreccato e due geranei rosa , un filo coi panni stesi che sventolano , la maglietta viola , stretta stretta, quella che non mi sta più. La mia stanza ha una finestra che si apre sul cielo e là sotto c'è Lisbona che vive lentamente e si scioglie in una danza di luci e sferragliare di tram.

Domani volo via, domani ti lascio. Domani porto via la mia storia, bella Lisbona, e lascio qui la nostalgia di quel che non è stato. E una maglietta viola che non mi sta più.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: