ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 22 aprile 2016
ultima lettura giovedì 14 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Quanto è buono il caffè

di CuorDiPolvere. Letto 439 volte. Dallo scaffale Fiabe

A me piace il caffè. Spesso mi sorprendo a prepararlo nel primo pomeriggio, quando il sole è poco più che a metà strada ne...

A me piace il caffè. Spesso mi sorprendo a prepararlo nel primo pomeriggio, quando il sole è poco più che a metà strada nel cielo, ed entra dalla finestra in cucina. A quell'ora ogni cosa diventa incantata e i più fini, quelli che hanno più orecchio, riescono persino a sentire il violino del vento che suona il suo concerto. Credo sia per tale ragione se le foglie ballano, forse possedute dallo spirito del vento. Mi tornano alla mente versi di poesie scritte da nessuno, e sento le strofe di canzoni mai suonate.
Mi accingo a fare il caffè.

Distrattamente ricordo stagioni della mia infanzia, l'acqua che mi scorre tra le dita si trasforma in fiumi e ruscelli: sulle sponde di quei torrenti, tanto tempo fa, riuscivo a trovare dell'oro.
Faccio quindi scorrere l'acqua nella caldaia ed, ecco, questo mi trascina verso maree che mi deliziano e tormentano.
Venni trasportato di colpo sull'oceano, in mezzo alla tempesta che scuriva ogni cosa. Sotto la massa ruggente delle onde si dibattevano mostri e Dei, creature dell'abisso più profondo. Soffro di Talassofobia, questo è noto: alla vista di un fondale fremo d'impazienza, ne soffro, e mi diviene impossibile allontanare la curiosità.
Mi ritrovai imbarcato su mercantili olandesi dalle bandiere issate; vidi porti di città che c'erano e adesso non esistono più. Vidi inseguimenti in mare e ogni specie di creatura che esiste nei sogni e nelle immaginazioni dei marinai. Vidi abbandono e miseria, la vita che si accorcia al maturare della saggezza.

Certe anime si sono perse, in quella vasca senza fine, senza nome. Lo chiamiamo Oceano, o Mare, per tentare di esorcizzarlo. Il suo vero nome ci fa paura, quindi l'abbiamo dimenticato.

Risorgo, torno alla luce del pomeriggio.
Ripenso a tutti quei poeti travestiti da pirati che hanno solcato il mare, e a cui il mare ha rubato tutte le poesie.Ha il profumo di tutte quelle terre che non conosco, e che non ho mai visitato.
Quanto è buono il caffè.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: