ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 30 marzo 2016
ultima lettura lunedì 26 ottobre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Memorie velenose

di Leonardo97. Letto 487 volte. Dallo scaffale Pensieri

“Perché mi guardi così?” disse lui “C’è amore e odio nei tuoi occhi, ma non ne capisco il motivo.”“Io ti odio perché tu sei la causa di tutti i miei dolori, ma allo stesso tempo ti amo e n...

“Perché mi guardi così?” disse lui “C’è amore e odio nei tuoi occhi, ma non ne capisco il motivo.”
“Io ti odio perché tu sei la causa di tutti i miei dolori, ma allo stesso tempo ti amo e non posso fare a meno di te. E’ proprio quando mi sento solo e trascurato che mi affido a te, ma questo rapporto ormai da tempo mi logora dentro” Gli risposi io.
“Me ne dispiaccio molto, ma la colpa è tua.” Disse “Sappiamo benissimo entrambi che sei proprio tu a cercare me e mai il contrario. Io mi limito a darti ciò che ti è di diritto, la tua esperienza, ma sta a te decidere come farne uso. Io sono il tuo passato, tutto ciò che sei stato fino ad ora. In me sono custoditi tutti i tuoi ricordi più belli, le più indimenticabili esperienze che hanno caratterizzato la tua vita. Allo stesso tempo però sono anche macchiato dalle tue più ripugnanti azioni, dalle menzogne che hai usato per mentire alle persone che ti erano accanto.”
“Sei un verme schifoso!” Esclamai io “Perché non puoi semplicemente andartene dalla mia testa e lasciarmi in pace una buona volta per tutte?”
“Perché senza di me non esisteresti… Tu sei esattamente il frutto di tutto ciò che sei stato; bello e brutto che sia, non puoi ripudiare ciò che eri perché ti ha permesso di crescere e diventare la persona che sei ora!” Disse il passato.
“Ma io non riesco a reggere il confronto con te… non ce la faccio. Le cose sembrano non andare mai tanto bene quanto un tempo e il confronto tra lo sconforto che provo ora e la gioia che ho vissuto ieri è crudele e insopportabile” Risposi io.
“Tu non hai capito proprio nulla di me” Esclamò lui “La gente tende ad avere una visione distorta del passato, come se qualsiasi momento della vostra vita fosse stato incredibilmente gioioso e privo di qualsiasi problema. La realtà è che tutti questi stupidi pensieri li hai sempre avuti, a dimostrazione del fatto che questa visione idilliaca che hai in testa non è mai stata reale. Svegliati e accetta la realtà così com’è, senza filtri. Sentiti fortunato per i bei momenti che hanno fatto parte del tuo passato, ma concediti il diritto di credere che ne vivrai altri di migliori. Ma soprattutto fai tesoro di quello che ti è capitato, cattivo che sia, perché è tutto quello che ti ha permesso di migliorare e diventare la persona che sei oggi. Accetta ciò che è accaduto, godi ciò che vivi adesso e spera in ciò che verrà”



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: