ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 20 marzo 2016
ultima lettura venerdì 27 marzo 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Accettazione

di Lara982. Letto 598 volte. Dallo scaffale Pensieri

Compreso dalla mente, odiato dal cuore. Non è un uomo, né un pensiero… è un termine. Accettazione. Una parola che va di pari passo con la razionalità e litiga quasi sempre con l'istinto. Già, perché &egr...

Compreso dalla mente, odiato dal cuore.

Non è un uomo, né un pensiero… è un termine.

Accettazione.

Una parola che va di pari passo con la razionalità e litiga quasi sempre con l'istinto.

Già, perché è un termine ponderato, frutto di situazioni vissute e quasi sempre sofferte. Non ha nulla a che vedere con quella voglia immediata che è desiderio di sfuggire ai canoni, alle regole.

Come litigare e lottare sempre per la propria ragione, anche se non è giusta.

Come sorridere di una battuta stupida nonostante sia fuori dalla realtà.

Come scappare dalla realtà per vivere un sogno del quale siamo sempre protagonisti.

“Accettazione” è aver valutato tutti gli aspetti e aver reso possibile quello che credevamo improbabile. Trasformare un “no” deciso in un “forse” e lasciar cadere le nostre convinzioni. A volte i nostri punti fermi.

È anche privarsi di una parte di sé… già, lasciar andare quel pezzo di noi che lotta per i suoi diritti, e accomodarci su di un tappeto comodo, anche se noioso e arido…


Ma “accettazione” è anche affrontare i nostri demoni. Farli venire allo scoperto e prenderli a pugni; magari incassare qualche colpo, ma senza mai tirarsi indietro. Guardando direttamente negli occhi l'avversario e sfidandolo apertamente.

È mostrare al mondo intero i nostri difetti ed esserne orgogliosi, nonostante tutto. Farne poi un punto di forza e sfruttarli come scudo contro tutto ciò che di peggio esiste al mondo.


“Accettazione” è consapevolezza. Di noi stessi. Del potere che potremmo avere se solo lo volessimo. Del valore che conserviamo ma che il resto del mondo tenta di soffocare. Consapevolezza che le nostre idee sono flessibili, che il corso del tempo non cambia la nostra essenza, ma plasma i nostri confini e li adatta alle nostre esperienze.


“Accettazione può essere una persona, uno stato mentale, un posto di lavoro, una tendenza sessuale, un luogo, una fantasia, un'incapacità, una sofferenza, una mancanza, una costrizione, una presenza, uno scopo, un percorso in salita...


“Accettazione” è amore. Verso noi stessi, quando cuore e mente si prendono a braccetto e vanno verso la medesima direzione.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: