ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 5 marzo 2016
ultima lettura giovedì 21 maggio 2020

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

La scimmietta

di EffeElle. Letto 2095 volte. Dallo scaffale Eros

Avevo 17 anni io e 16 lei, era un pò che ci frequentavamo e avevamo scopato già tante volte,quella sera però,fu diverso. Era estate e faceva un caldo mostruoso,il mio motorino non partiva perciò andai a prenderla in biciclet...

Avevo 17 anni io e 16 lei, era un pò che ci frequentavamo e avevamo scopato già tante volte,quella sera però,fu diverso. Era estate e faceva un caldo mostruoso,il mio motorino non partiva perciò andai a prenderla in bicicletta,circa 4 km tra andata e ritorno,ma la mia fatica sarebbe stata ripagata visto che i miei erano in vacanza e quindi avevo casa libera,o quasi. Arrivammo in casa e c'era mia nonna,mi faceva da mangiare e si assicurava che la mattina mi alzassi per andare in cantiere,ordini di mia madre,perciò avrebbe dormito lì. Fui seccato nel vederla,ma poi pensai che se ne sarebbe stata sul divano a vedere la TV a tutto volume,era mezza sorda,è mezza sorda. Salutammo la nonna e andammo dritti in camera mia. Faceva caldo,lei aveva una magliettina leggera e portava dei pantaloncini corti,cortissimi, c'è l'avevo già duro. Fumammo una sigaretta alla finestra e poi ci buttammo sul letto. Cominciai a baciarla, ci spogliammo a vicenda, l'avevo già vista nuda tante volte ma quella sera era diverso,forse era il caldo boh. Cominciò a menarmelo dolcemente mentre io le toccavo la passera con la stessa dolcezza con cui lo faceva lei. Andammo avanti per più di un quarto d'ora a stuzzicarci,quella sera,entrambi, non avevamo voglia dell'atto sessuale in se,ma bensì di qualcosa di diverso. Eravamo eccitati,stavamo bene,mi stavo rilassando fin quando ad un certo punto,ci ritrovammo seduti,uno di fronte all'altra, prese il mio uccello fra i sui piedi e cominciò a menarmelo con i sui piedini,portava un 37 scarso. Fu stupendo, andò avanti per poco perchè poi venni tra le sue dita, avevo vergogna,anche lei,avevamo fatto una cosa strana,fuori dall'ordinario di quello che può essere il sesso tra due adolescenti. La portai a casa,parlammo poco durante il tragitto,la salutai e le diedi la buona notte. Quando arrivai a casa mi feci una sega ripensando ai suoi piedi e anche la mattina dopo. Il giorno dopo,ero al lavoro,ci sentimmo per sms, le scrissi che era stata favolosa, mi aveva fatto godere da matti soprattutto quando me lo prese tra i piedi. Lei mi rispose con una dolce risata e mi disse: sembravo una scimmietta.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: