ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 4 marzo 2016
ultima lettura martedì 12 marzo 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Hack the system cap.1

di DAQ22E. Letto 428 volte. Dallo scaffale Fantascienza

In un mondo completamente automatizzato e meccanico, un ragazzo si ritrova casualmente in possesso di un potere che da alla propria mente un collegamento diretto con internet e quindi tramite un hacking, ogni cosa...

Erano passati ormai quasi dieci anni dall'avvento del "GMN" Global Monitoring Network, una vasta rete di sicurezza che si estendeva quasi in tutto il mondo divisa da tre reti Europea, Americana e Asiatica. Mi chiamo Leonardo Sanzi ho 21 anni, ed ero un semplice ragazzo prima che mi accadesse ciò che sto per raccontarvi. Abitavo, prima di trasferirmi a roma, in una cittadina chiamata Rieti, qui ho finito le superiori e mi sono iscritto all'università della sapienza facoltà Astronomia e Astrofisica. Mi unì anche a un club di astronomia utilizzavamo un vecchio osservatorio fuori città per osservare le stelle. Non avevo idea che quella classica vita di ogni giorno sarebbe finita pochi mesi dopo aver iniziato la scuola. Esattamente a meta di gennaio del 2026. Era un giorno qualunque e di buona regola mi lavai, mi preparai e uscì, presi un caffè nel bar "Da Andrea" sotto casa e venti minuti dopo ero arrivato all'università. Entrai nell'aula e come al solito Elisabetta mi saluto con il solito -Buongiorno- io risposi buongiorno a te. Elisabetta era una ragazza come le altre molto studiosa, gentile e molto carina, di corporatura esile e con i capelli marroni raggruppati in due lunghi codini. Io invece sono un ragazzo di corporatura robusta e con i capelli neri portati verso sinistra, ho una cotta per lei fin da quando la vidi per la prima volta. Lei poi mi urlo contro -ei Leo il professore e' qui, vai a sederti- mi ripresi e quindi chiesi scusa al professore e mi sedei al mio banco. Che si trovava da tutt'altra che vicino a lei. La lezione era sulle "onde gravitazionali" che era proprio passati dieci anni dalla loro scoperta. Circa 5-6 ore dopo le lezioni finirono e quindi accompagniai Elisabetta a casa sua, pranzai verso le 13:30 in un ristorante vicino all'università e poi corsi dritto verso casa, perche' e' li che il pomeriggio celavo la mia seconda identità su internet.

Fine capitolo 1



Commenti

pubblicato il venerdì 4 marzo 2016
DAQ22E, ha scritto: Spero che vi piaccia, presto il secondo capitolo

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: