ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 26 febbraio 2016
ultima lettura mercoledì 16 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Una taglia non è altro che una lettera

di ispaniko. Letto 382 volte. Dallo scaffale Pensieri

Non mi sono sempre chiamata così, ricordo che tanti anni fa avevo un nome diverso. Mi chiamavo M e andavamo ancora a scuola. Al tempo invidiavo molto la mia amica S, volevo disperatamente essere come lei, ma qualsiasi cosa provassi la mia vi...

Non mi sono sempre chiamata così, ricordo che tanti anni fa avevo un nome diverso. Mi chiamavo M e andavamo ancora a scuola. Al tempo invidiavo molto la mia amica S, volevo disperatamente essere come lei, ma qualsiasi cosa provassi la mia vita, ma anche altre parti di me, andavano in un’altra direzione e con il tempo mi sono allontanata per sempre da S. Ci siamo perse completamente di vista e tra la disperazione ho trascorso alcuni anni cercando di rintracciarla. Inutilmente.

Poi ho conosciuto L. E’ stato un fulmine a ciel sereno, anche se forse sarebbe meglio dire uno squarcio di azzurro in un cielo in tempesta. Fu lei a farmi uscire dalle tenebre in cui ero precipitata e a riaprire i miei occhi alla calda luce del sole. L era completamente diversa dalla S che mi aveva fatto tanto soffrire. Era simpatica, solare, divertente e facevamo tutto insieme. Ridevamo insieme, mangiavamo insieme poi di nuovo ridevamo. E senza rendermene conto ero diventata come lei, al punto tale che un giorno presi la decisione più importante della mia vita. Da quel momento sarei stata L anche io.

Da allora le nostre vite sono proseguite di pari passo, mano nella mano, come due sorelle siamesi. Ricordo che quando ripensavo alla mia vita passata mi rendevo conto del miracolo che mi era accaduto. Qualche anno prima probabilmente saremmo state due rette parallele che non si sarebbero mai toccate ed invece adesso non solo si erano solo toccate, si erano intrecciate , abbracciate diventando una cosa sola. Fu in quel momento che decidemmo farci un tatuaggio, una cosa che simboleggiasse la nostra profonda unione. Decidemmo per una X in cui due rette si incrociano in un legame indissolubile.

Adesso dopo tanti anni le X sono diventate due, tre, quattro. Non so se ne faremo delle altre ma di una cosa sono certa, la mia vita, come il mio seno, i miei fianchi e tutto il mio corpo, hanno finalmente trovato la loro giusta dimensione.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: