ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 14 febbraio 2016
ultima lettura martedì 17 settembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

IL vecchio e il lago

di pierotora. Letto 325 volte. Dallo scaffale Fantasia

IL vecchio e il lagoIl vecchio seduto su un tronco d’albero, con i pie...

IL vecchio e il lago

Il vecchio seduto su un tronco d’albero, con i piedi nell’acqua, Un leggero muoversi dell’acqua, fa sì che brilli come mille luci.

Pensa, o chissà, non pensa a nulla.

E’ distratto, dalla bellezza che lo circonda.

E’ triste, solo, lontano dalla sua terra, sa bene che non vi farà più ritorno.

I raggi del sole brillano nelle calme acque, del lago.

Senza amici, e ne familiari.

Solo un cane come amico.

E in lui ripone tutto il suo amore.

Una leggera brezza, arriva dal bosco, portando con se, i profumi dei fiori.

Cerca di inspirare i profumi, cercando invano di collegarli alla sua terra,

al mare che tanto ha amato, adesso è lontano, molto lontano.

Si gira, guarda il suo cane, che lo fissa negli occhi, non parla perché non può,

il suo sguardo, trasmette tutto l’amore che lui ricambia, è contento di una carezza, e diventa gioioso.

Torna a guardare il lago, il vento aumenta adesso, il rumore delle foglie e il canto degli uccelli, sembrano un’orchestra.

Guarda lontano, ecco succede, quello per cui era venuto, l’isola si muoveva, avrebbe navigato finché il vento avrebbe soffiato, poi come un vecchio veliero sarebbe restato in attesa del vento.

Come lui, era in attesa del suo vento, un vento di morte.

Come il vecchio veliero, lui era in attesa del suo vento.

Avolio pietro



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: