ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 20 gennaio 2016
ultima lettura martedì 19 febbraio 2019

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

Una Marlboro

di xCodrinx. Letto 417 volte. Dallo scaffale Pulp

Fumo Marlboro light. Sono ai domiciliari, passo gran parte del tempo, tra un incontro di box, dato dalla rete nazionale e una sigaretta sul balcone... Quel giorno... Era un gran Match, i pugili se le suonavano di santa ragione. Arrivò il K.O. .......

Fumo Marlboro light. Sono ai domiciliari, passo gran parte del tempo, tra un incontro di box, dato dalla rete nazionale e una sigaretta sul balcone...

Quel giorno...

Era un gran Match, i pugili se le suonavano di santa ragione. Arrivò il K.O. e io pensai <<Fine dei giochi>>, presi una sigaretta e mi diressi verso il balcone.Uscii fuori, richiudendo la porticina dietro le mie spalle.Accesi la sigaretta, afferrai lo sgabello e sporgendo le mani dalla balconata, restai lì seduto, osservando quel piccolo, ormai minuto fazzoletto di mondo, alla quale i miei occhi avevano, accesso.

Feci un tiro, sentii il fumo entrare nei polmoni, poi di nuovo fuori. La mia attenzione , venne catturata all'istante da due tizi, se ne andavano in giro alle 02.27. Uno alto, grasso e barbuto, l'altro leggermente pelato e molto più basso. Qualcosa mi turbava, una testa di cazzo aveva appena parcheggiato davanti al mio cancello, << Stronzo>> pensai, iniziando seriamente a preoccuparmi, subito cercai gli altri due con lo sguardo, fu lì che capii le loro intenzioni, erano intenti a fregare un'auto lì parcheggiata, non ne ero del tutto convinto, finchè...

Quello alto, tirò fuori dalla giacca di pelle nera, un tubo, era bello grosso, diede un colpo contro il vetro, sussultai, mi accorsi della sigaretta e feci un tiro. Il ciccione infilò il braccio nella breccia, aprii la portiera, il pelato si fiondò nell'abitacolo, restando basso, quasi non riuscii più a vederlo. Il bestione restò fuori, vigile. Feci un altro tiro. L auto partì, l'energumero , salì come passeggero, il pelato al volante e, l'altra auto tagliò il buio davanti a se con gli abbaglianti. Feci un altro tiro e la sigaretta finì. Il pelato diede gas, le due auto si allontanarono verso Nord.

Mi alzai, riposi lo sgabello , tornai in casa , mi sedetti in cucina. Accesi una seconda sigaretta, decisi che da quel momento avrei fumato in casa, ciccai via quel pò di cenere che si formò sulla sigaretta, in quel gesto, formulai un pensiero :

''Bastano due occhi, per avere qualcosa da raccontare.''

124° Giorno, diaro di un evasore : multe non pagate.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: